Quantcast
L’Italia E I Suoi Luoghi Selvaggi Da Riscoprire: Vacanze 2021 Dentro La Natura

L’Italia E I Suoi Luoghi Selvaggi Da Riscoprire: Vacanze 2021 Dentro La Natura

8 aprile 2021 |

In un periodo così difficile per l’umanità viaggiare comporta diversi accorgimenti e restrizioni nella  scelta delle mete, soprattutto se collocate oltre oceano, ma se osserviamo con un attento e diverso punto di vista possiamo scoprire, o riscoprire, che non è sempre un dramma, per esempio dandoci la possibilità di visitare in autonomia le meraviglie naturali italiane.

 

La cultura in tutte le sfumature dell’arte conserva un grande patrimonio di alto pregio nel flusso turistico del nostro paese, se dici Italia, pensi subito all’arte, alla cultura, al cibo, qui ci troviamo ampiamente tutti d’accordo, se il fautore di queste tre meraviglie è dato dall’impegno dell’uomo, al contrario le bellezze naturalistiche sono un dono del Divino Architetto, e l’Italia è custode di tantissime meraviglie che generano la più alta forma d’arte, la natura incontrastata.

In questo articolo vi segnaliamo alcune attrazioni naturalistiche da visitare in Italia, adatte per le vostre vacanze  estive 2021 al contatto con la natura.

 

 

Monviso-Piemonte

Monviso

Monviso in Piemonte, nella provincia di Cuneo, ci affacciamo in una delle montagne alpine più importanti del nostro paese, troviamo la sorgente del Po, dove effettuare piacevoli escursioni dai famosi Pian del Re e Pian della Regina, le viste mozzafiato su questa iconica montagna sono da cartolina.
Monviso è un simbolo per il Piemonte, la splendida vetta si può ammirare anche dalla Basilica di Superga a Torino, o dal straordinario borgo di Saluzzo, creando scenari strabilianti. Promosso a gran voto come una delle meraviglie naturali italiane.

 

 

Terme-di-Saturnia-Toscana

Terme di Saturnia
La Toscana, è una di quelle regioni ricche di attrazioni naturalistiche, nella Maremma Grossetana, sorgono le meravigliose Terme di Saturnia. Un luogo ovattato, magico, straordinario, la sensazione è quella di essere catapultati in un’altra realtà. Infatti le Cascate del Mulino, con le sue splendide terrazze calcaree, sono uno spettacolo unico nel suo genere. L’acqua che sgorga dalle sorgenti naturali raggiunge una temperatura di 37,5°C. Un luogo perfetto per rigenerarsi ed entrare in contatto con le frequenze della natura.

 

 

Lago-Braies-trentino

Lago di Braies
Se siete amanti della natura sconfinata ad un passo da toccare il cielo, amerete questo luogo. Il Lago di Braies, si trova nelle Alpi Pusteresi, tra il Trentino e l’Austria, questo lago è una delle più belle meraviglie naturali italiane. Acque trasparenti che riflettono la maestosità delle Dolomiti. Lunghe passeggiate, dormire nelle caratteristiche palafitte, le escursioni in barca a remi. Una vacanza che difficilmente non ripeterete per emozionarsi ancora, e ancora…

 

 

Gemme-nascoste- Arbatax

Le rocce rosse di Arbatax
La Sardegna destinazione paradiso, le spiagge sono incredibili di ogni tipo, acque cristalline e panorami indelebili. Se hai scelto la Sardegna come meta, raggiungi la provincia di Ogliastra e innamorati del suggestivo panorama delle rocce di porfido rosso che contrastano contro l’azzurro del cielo e il mare dai riflessi smeraldo, a calar del sole è estasi di bellezza e colori.

 

 

Scala dei Turchi

Scala dei Turchi
La spiaggia di porcellana, circondata da una parete rocciosa dallo splendido colore bianco luccicante. La sua forma ricorda degli scalini arrotondati, dove trovavano riparo i pirati saraceni, dai quali prende il nome. La Scala dei Turchi si trova in provincia di Agrigento, tra le coste di Realmonte e Porto Empedocle. Ha un fascino che suscita attrazione pura.

 

 

Cascatelle di Cerveteri

Cascatelle di Cerveteri
Come non menzionare nei luoghi naturalistici d’Italia le cascatelle di Cerveteri, in pochi le conoscono, sono immerse nella natura a Cerveteri a pochi passi da Roma, le cascatelle attraversano la roccia bianca e rossa che le circonda in una valle con una fitta vegetazione. L’acqua crea piccole piscine naturali dove è possibile fare il bagno, l’atmosfera è dominata da una natura selvaggia che domina in tutta tranquillità nel silenzio pieno dei rumori della vegetazione.

 

Difronte allo spettacolo della natura tutto tace, cos’altro ha questo potere…

UNA PASQUA IN LOCKDOWN: MA LA TRADIZIONE RESTA

UNA PASQUA IN LOCKDOWN: MA LA TRADIZIONE RESTA

29 marzo 2021 |

E poi arriva la Pasqua, quelle delle gite fuori porta, con il classico picnic sull’erba, le grigliate con gli amici, e ancora le tavole imbandite, le torte salate, e i dolci fatti in casa. Il lockdown ha chiuso le porte della libertà, non ci sarà la spensieratezza delle nostre belle ricreazioni, ma ci sarà sempre e comunque il calore delle tradizioni in ogni famiglia.

 

Lanciamo uno sguardo agli itinerari del gusto che ogni italiano porterà in tavola per onorare il giorno più importante dell’anno per la nostra fede cristiana, il giorno della “Resurrezione”.

Dal Piemonte, alla Lombardia, alla Sicilia, e tutte le nostre belle regioni il pranzo di Pasqua è ancora una volta la tradizione. Il casatiello napoletano, gli incomparabili carciofi alla Giudea romani, la torta Pasqualina che possiede molte varianti, in base ai prodotti tipici della zona geografica in cui viene preparata, sono tanti i piatti tipici che si preparano in giro per l’Italia durante le festività di Pasqua, vediamone insieme alcuni fra i più buoni e significativi.

 

 

Piemonte, la torta di spinaci un grande classico, è una  torta di riso e spinaci, realizzata principalmente durante il periodo pasquale, viene servita come primo piatto, o piatto unico, è ideale da preparare il giorno prima e poi scaldarla e servirla in tavola.

 

Veneto, pane dolce e soffice, che può assumere anche la forma di colomba, arricchito con uova, zucchero e burro. La leggenda racconta che fu inventata da un fornaio trevigiano, che regalava questa delizia ai suoi clienti durante le celebrazioni pasquali.

 

Lombardia, vi serviamo un primo piatto lombardo presente per il pranzo di Pasqua, proveniente dalla zona di Milano, è la lasagna di verdure e uova: condita con carciofi, zucchine, piselli o spinaci e composta dai rossi d’uovo. Un mix di sapori molto gustosi.

 

Romagna, la Tardura, una squisita minestra che ha origini contadine, ad oggi un po’ in disuso, la tardura (che in dialetto romagnolo significa “tiratura”). Il sapore è molto simile a quello dei passatelli romagnoli, visto che si prepara con uova sbattute, parmigiano reggiano grattugiato, sale e noce moscata.

 

Toscana, “la Schiaccia”, preparata schiacciando decine di uova alla fine della Quaresima. Alle origini si trattava di un semplice pane, col passare del tempo è stato arricchito con zucchero e strutto, semi di anice e scorza d’ arancia, che gli conferiscono un sapore dolce e delizioso.

 

 

Le Marche, “Strozzose” una ricetta che richiede tempo e la giusta pazienza, parliamo di ciambelle davvero deliziose, preparate un tempo dalle “vergare” marchigiane, cioè dalle donne di casa. Questi dolci si mantengono buoni e fragranti per più giorni e possono essere gustati al naturale oppure farciti con glassa al limone, ghiaccia reale o cioccolato fuso. Per finire si guarniscono con zuccherini colorati.

 

Lazio, “Abbacchio a scottadito”, qui siamo appunto nel Lazio, le tenere e saporite costolette d’ agnello vengono mangiate caldissime, proprio con le dita, che dovranno scottarsi come da copione.  Da qui il nome “a scottadito”. Un piatto semplice e veloce, le costolette vengono marinate per circa mezz’ora, per poi adagiarle nella brace rovente, quindi pronti via; si mangia!

 

Campania, il Casatiello napoletano è la più famosa torta rustica per eccellenza,  le uova vengono fissate nella pasta con delle croci di pasta stessa. Secondo la tradizione, viene preparato la sera del Venerdì Santo, fatto lievitare per tutta la notte e infornato il giorno seguente. La cucina campana è ricca di gusto, ovviamente l’Immancabile pastiera farà la sua famosa comparsa.

 

Puglia la Scarcella pugliese ha un sapore inconfondibile, è una ciambella di pasta frolla decorata e cotta al forno finché non diviene dorata. La semplicità che premia, farina, lievito, uova, latte, zucchero e olio extravergine di oliva sono gli ingredienti di cui si compone questa tipico dolce pugliese.

 

In Sicilia si prepara un grosso dolce dal nome “coddura”, di origine ortodossa, con incorporato un numero variabile, ma sempre dispari, di uova col guscio, che le giovani donne usavano regalare ai fidanzati nel giorno della Resurrezione.

Non abbiamo dimenticato nessuno, le ricette sono talmente abbondanti che c’è uno spazio vasto, quindi a voi la scelta di portare in tavola le vostre tradizioni del cuore e della forchetta.

 

 

I CINQUE COCKTAIL CHE UNA DONNA DI CLASSE DOVREBBE ORDINARE

I CINQUE COCKTAIL CHE UNA DONNA DI CLASSE DOVREBBE ORDINARE

19 marzo 2021 | ,

Qualcuno afferma che la classe non è acqua, un proverbio anonimo, e se appunto le doti non sono comuni come l’acqua, anche le scelte e i comportamenti possono avvalersi di questa qualità. Se il vino è il nettare degli Dei, i cocktail sono un passatempo da bere. Un aperitivo con le amiche, un dopocena, un drink con l’uomo che vi piace, scegli il drink più raffinato, il gusto e lo charme non ha pochi effetti, certamente consiglio anche una buona conversazione, in tutti i tre casi.

 

Non esiste un livello di istruzione per saper bere bene, questo voglio dirlo, esiste l’esperienza nel sociale che vi dà modo di imparare, quindi ogni donna può essere all’occorrenza una grande “Femme chic”.

Oltre ai nostri gusti personali, che ovviamente non si discutono, rimanendo sempre e comunque dei grandi classici dove ogni certezza trova spazio, oggi è molto in voga saper ordinare un drink dalle correnti radical chic, e se quindi la scelta supera il gusto personale scopriamo cosa bevono le “Classy Woman”.

FRENCH 75

Io lo chiamo il “classico della raffinatezza, complice il mio amore per il gin e lo champagne, in ogni caso se prediligi le bollicine, questo mix di Gin, succo di limone, zucchero, il tutto shakerato e versato in una flûte di champagne, appagherà il tuo palato dandoti un tocco di stile.

French75

 

HUGO SPRITZ

L’alter ego dello Spritz, in voga nelle stagioni estive disseta e rinfresca come pochi. Adatto sicuramente per un mood ricercato in fattore scelta. Sciroppo di sambuco, Prosecco e soda per finire. La menta e lo spicchio di lime spremuto all’interno fanno il loro gioco, per un tocco tutto di freschezza.

 

Hogo spritz

 

 

MAI TAI

Rum, Curaçao liquore e succo di lime, granatina e orzata, è stato ideato nella meravigliosa Polinesia. Vuoi aggiungere un tocco di allure? Chiedi il Di Saronno in sostituzione dell’orzata lo rende oltre che buonissimo, davvero molto, molto sofisticato.

 

Ma Tai col Disaronno

 

COSMOPOLITAN

Elegante e raffinato il Cosmopolitan è sempre un’ottima scelta. Vodka, Cointreau e succo di mirtillo, per uno stile sempre molto femminile.

 

Cosmopolitan cocktail

 

COCKTAIL ROSA

Il cocktail rosa è un’idea sofisticata, poco conosciuto ma incredibilmente buono se ami il succo del pomodoro, gli ingredienti? Passata o succo di pomodoro rosso, liquore di ginepro al limone e spumante, viene servito con ciuffetti di menta e riccioli di scorza di limone. Dolcezza e acidità sono in equilibrio perfetto.

 

Cocktail rosa

 

Quindi belle anime raffinate, ricordatevi, niente menu! Ordinate disinvolte.

Coco Chanel Un Look Senza Tempo: Le Sette Creazioni Davvero Esilaranti

Coco Chanel Un Look Senza Tempo: Le Sette Creazioni Davvero Esilaranti

11 marzo 2021 | , , ,

Coco Chanel è un pezzo di storia della moda che non avrà mai fine, le sue creazioni esaltavano la femminilità, rimodellando così la libertà di sentirsi comoda, semplicemente indossando un tubino nero, “little black dress”, ogni donna nel suo armadio ne ha uno. Il suo desing senza tempo la rende ancora oggi la regina dell’eleganza più influente di tutti i tempi.

 

I pezzi cult continuano a fare sognare le donne di ogni generazione in ogni parte del mondo. Ecco alcune delle esilaranti creazioni di Coco Chanel!

 

Petite robe noir, nasce nel 1926 un must che decennio dopo decennio è adatto a qualsiasi occasione ha mantenuto un vero è proprio primato nell’armadio delle donne.

 

 

1928, è la data in cui la moda di indossare le perle come bijoux, che imitavano i veri preziosi, si scatena in un successo, un must della Maison che ancora oggi ne sfoggia il suo fascino, rappresentando lo spirito di Chanel.

 

 

 

Se dico 2.55 le più appassionate fashion lover sospireranno sognanti, la mitica borsa 2.55 nasce nel febbraio del 1955. Rimane una delle tracolle più desiderate, i mitici rombi della lavorazione hanno attraversato più di 50 anni presentandosi senza tempo, straordinariamente attuali. Oggi è anche conosciuta come la Flap Bag, ne siamo tutte innamorate…

 

 

Chanel N° 5, non è solo un profumo di fama mondiale, ma il profumo per eccellenza, nel 1921 nasceva una fragranza che profumava di donna, non di fiori, fu una vera svolta che affermava la nascita di nuove essenze.

 

 

Pantaloni da cavallerizza Coco amava indossarli, grazie alla sua creatività sono diventati una comoda mise, disegnati pensando ovviamente al corpo femminile gli intraprendenti pantaloni incarnavano una vera è propria rivoluzione nel vestire. Il successo arrivò con la prima guerra mondiale, la boutique di Coco Chanel fu l’unica a non chiudere, i suoi capi erano semplici e pratici, proprio come le prime versioni di pantaloni per donna.

 

 

La giacca in tweed, è una delle creazioni più iconiche di Chanel, perfetta combinazione di eleganza, un capo maschile che diventa un’alternativa femminile, un modello Chanel nella maggior forma di espressione di Coco.

 

 

La Maglia Breton, ideata dopo un viaggio in Costa Azzurra, Coco si ispirò alle uniformi dei marinai e iniziò a scegliere le strisce per comporre la collezione di moda del 1917, indossata da Brigitte Bardot, e Audrey Hepburn, fu un successo unico nell’abbigliamento casual della donna.

 

Vini Seducenti: Le Etichette Perfette Per Sorprenderla

Vini Seducenti: Le Etichette Perfette Per Sorprenderla

2 marzo 2021 | , ,

Approcciarsi alla passione per il vino rende alcuni dei nostri sensi più sensibili, un profumo, un colore, un sapore, ed è subito amore per il buon bere. Rosso o bianco che sia crea un lungo piacere sensoriale.

 

Spesso il vino è inebriante perché è in grado di sprigionare una galleria di sensazioni organolettiche e olfattive. Il vino è un’incredibile microcosmo tutto da scoprire, sempre e comunque da degustare.

In questo articolo vi sveleremo dei vini seducenti per ammaliare e sorprendere a colpi di etichette, che sia un’occasione speciale, o un regalo, questi consigli vi renderanno decisamente affascinanti.

Quindi ricordatevi non dovete essere esperti, ma amanti. Qui di seguito la mia personale lista che lascia sempre un’impronta.

 

Pinot Nero Riserva Praepositus Abbazia di Novacella, qui siamo in Alto Adige. E’ definito un vino complesso, il suo colore rosso rubino lo rende aristocratico, le sue caratteristiche aromatiche di tabacco e petali di rosa lo rende coinvolgente, in bocca arrivano sapori corposi di frutti rossi, lampone, e ciliegia. Dona il suo massimo se viene degustato accompagnato da pietanze di carne, ma non delude mai neanche in solitudine ovunque voi siate.

 

Praepositvs

 

 

“Silenzio” di Tenuta Coste Ghirlanda, qui le uve di Zibibbo sono la punta di diamante, sa di miele e sale, così come viene definito, e se lo assaggi non ti viene altro in mente. Un vino quindi sapido e secco, l’aroma ti cattura col suo profumo di acacia. Sceglilo se vuoi apparire discreto e attento ai dettagli, si ma sempre con le giuste portate, formaggi, e primi piatti di pesce.

 

Silenzio

 

Artemisio IGT 2009 cantina di Peter Wiegner siamo sulle pendici dell’Etna, un cabernet Franc al 95% che si presenta con tutta la sua prepotenza, affina per 15 mesi in barriques di rovere francese. Il mio primo assaggio lo devo al Sommelier Carmelo Di Pasquale, alla Locanda Don Serafino. Ma torniamo al vino, è subito intenso non appena lo avvicini al naso, ti arriva la frutta rossa, ciliegia, prugna, e poi cambia, peperone rosso appena tagliato. Qui gli abbinamenti sono chiari, carne, carne e ancora carne… Io l’adoro.

 

Artemisio

 

Spumante Metodo Classico di Carricante Brut Planeta, un gioiellino siciliano DOC, uve autoctone, delle bollicine che non deludono le aspettative. Cresce sulle sabbie laviche dei versanti dell’Etna, il perlage è fine, ha una bella mineralità data ovviamente dal territorio, sapido e fresco è perfetto per accompagnare l’aperitivo, o una cena dai sapori di mare.

 

Planeta Carricante

 

 

Franciacorta Brut Rosé DOCG 2016 Ferghettina. Uno spumante rosè che spicca per eleganza, riposa sui lieviti almeno 36 mesi, è perfetto per accompagnare pesce e crostacei.

 

Franciacorta Brut Rosé DOCG Ferghettina

 

Avrei ancora un paio di etichette da suggerire, ma risultano essere più ricercate, noi preferiamo allargare i nostri orizzonti puntando ai grandi vini, si ma non svuotando il portafoglio.

Turismo Esoterico A caccia Di Mistero: Vi Sveliamo Alcuni Luoghi Affascinanti Da Brivido

Turismo Esoterico A caccia Di Mistero: Vi Sveliamo Alcuni Luoghi Affascinanti Da Brivido

24 febbraio 2021 |

La parola proibito evoca in noi il mistero, siamo inevitabilmente attratti da tutto ciò che è misterioso, l’Italia è ricca di luoghi misteriosi, dove si celano incredibili e ignote leggende e altrettanti sono alcuni monumenti che custodiscono sinistre storie.

Nel mondo ci sono davvero un’infinità di posti che possono soddisfare la sete di mistero. Nel nostro paese le destinazioni tra leggenda, realtà, e brivido, hanno molte storie da raccontare, che sapranno certamente solleticare la tua curiosità alla scoperta di un tempo occulto, esoterico, indecifrabile.

 

Le grotte alchemiche di Torino

Torino denominata anche la città magica, di notevole impronta esoterica, pare infatti sia al vertice di due triangoli magici, assieme a Praga e Lione per gli influssi del bene, Londra e San Francisco invece per la Magia Nera. Inoltre così si narra è attraversata da linee telluriche che le conferiscono una notevole forza magica. Questo labirinto passa sotto la città, secondo le leggende popolari esisterebbero dei passaggi verso altri mondi, due dei quali visitabili ed in parte regolati dagli stessi principi fisici vigenti sulla terra. Il terzo mondo parallelo è invece un luogo oscuro, che segna il confine col mondo dei vivi e quello dei morti, dove una volta entrati non è possibile ritornare indietro.

 

Castel del Monte

 

Castel Del Monte Andria

Un luogo intriso di mistero; Castel del Monte, in Puglia nella cittadina di Andria. Una misteriosa costruzione edificata dall’Imperatore Federico II nel 12° secolo, il castello è costellato di simboli, tutto è chiaramente basato sul numero otto, che ricordiamo è associato all’infinito dove niente finisce e tutto continua. Si possono osservare inoltre diversi simboli come i due leoni accovacciati sulle due colonne che fiancheggiano il portale d’ingresso. I due animali guardano difatti lungo la linea dell’orizzonte dove sorge il sole nei solstizi d’estate e d’inverno.

 

Chiesa S. Giusta

 

Santa Giusta il tesoro ed i quattro teschi custodi. Chiaramonti Sardegna

Un altro luogo misterioso si trova nel paesino di Chiaramonti, qui sorge una chiesa dedicata a Santa Giusta. La leggenda che si narra dice esattamente così: tantissimi erano i fedeli che avendo ricevuto la grazia da Santa Giusta, si recavano in Chiesa per donare qualcosa di prezioso in segno di gratitudine. Diversi anni dopo il valore complessivo delle offerte fatte dai fedeli era diventata una vera fortuna. Una notte di primavera, quattro banditi si introdussero nella Chiesa per rubare il tesoro, ma rimasero intrappolati nella chiesa e morirono annegati sotto l’acqua fuoriuscita dalla fonte. Poco prima di morire gli uomini si pentirono, chiedendo perdono a Santa Giusta, e questa salvò le loro anime mettendole a protezione del tesoro per l’eternità. Oggi sono ben visibili 4 teschi murati in corrispondenza dell’ingresso principale.

 

Porta-magica-piazza-vittorio

 

La Porta Alchemica di Roma

La Porta Magica di Piazza Vittorio è un mistero indecifrabile, qui nel 1600  sorgeva Villa Palombara, luogo frequentato dai più illustri alchimisti del tempo. Si racconta che in questa villa si recò un pellegrino, in cerca di un’erba magica in grado di generare oro. L’uomo scomparve misteriosamente lasciando all’ingresso della porta tre pagliuzze d’oro e delle indecifrabili iscrizioni, chiave per conoscere il segreto della pietra filosofale. Ancora oggi le iscrizioni incise sull’arco della porta sono ignote alla logica.

 

Santuario delle fonti di S.Rocco

Le fonti Miracolose del Santuario di San Rocco ad Ardola di Zibello Parma

Delle sorgenti dall’acqua miracolosa, nel piccolo paesino di Ardola di Zibello si trova il Santuario di San Rocco, la storia racconta che nel 1746 sorgeva una vecchia chiesa vicino alla quale apparvero delle fonti miracolose, l’acqua aveva dei poteri taumaturgici, in grado di guarire dall’epidemia di peste che in quell’anno aveva dimezzato la popolazione. Uomini ed animali guarirono semplicemente bevendo l’acqua e in breve tempo molti pellegrini giunsero a visitare il luogo. Gli eventi miracolosi furono certificati dall’allora parroco di Pieveottoville, su incarico del Vescovo di Borgo San Donnino.

 

Triora il borgo delle streghe

 

La storia del borgo racconta di antiche e sinistre leggende, ogni angolo emana una sorta di alone di mistero, i documenti risalenti al 1588 dichiarano che furono processate e uccise diverse donne del paese, l’inquisizione fu uno dei più crudeli e sanguinosi processi della storia che non risparmiò neanche la Liguria. Gli atti sono in mostra nel piccolo Museo Etnografico e della Stregoneria, all’inizio del paese. Visitate la Cabotina, una piccola costruzione dove la leggenda narra che si riunissero le streghe. Qui aggiungo anche un piccolo consiglio gourmet, assaggiate il pane di Triora, preparato con farina e crusca, una bontà casareccia che fa parte dell’associazione dei 37 Pani d’Italia. I segni de passato sono rimasti vivi, mescolati alla sua architettura, sculture affascinanti,  portali  gotici (sec. XII) della Collegiata, a quelli dei palazzi nobili, tutto è poesia e passaggi di energia.

Questo resoconto è solo un piccolo approfondimento per chi ama il turismo esoterico, perché quello che è importante in ogni viaggio che si intraprende è conoscere, scoprire, e godere di ogni cosa che ci suscita curiosità.

TARANTOLE FRITTE LO STREET FOOD DA PASSEGGIO: SNACK DAL MONDO

TARANTOLE FRITTE LO STREET FOOD DA PASSEGGIO: SNACK DAL MONDO

16 febbraio 2021 | , , ,

Si Dice che tutto il mondo è paese, si ma non sempre è così, soprattutto se si parla di tradizioni culinarie, e lo sanno bene tutti quei viaggiatori a caccia di squisitezze dal mondo, o quasi. La gastronomia locale è la più ricercata perché nascondono ricette e tradizioni in un piccolo lembo di terra, che probabilmente pochi hanno il coraggio di assaggiare. Oggi vi portiamo in Cambogia a mangiare le “tarantole fritte”.

 

Gli appassionati della cucina orientale sicuramente non hanno paura di sperimentare, il palato è già preparato a certi sapori, la tarantola fritta per chi l’ha assaggiata è una vera prelibatezza, ma dove bisogna recarsi di preciso? Il famoso villaggio in Cambogia è Skuon, si trova a 75 km dalla capitale di Phnom Penh, è il ragno gourmet gli ha resi noti, oltre agli affari d’oro.

Sfido chiunque a non rabbrividire pensando ad una tarantola, io per prima, eppure qualcuno le tiene anche come animali da compagnia, “l’uomo è strano”, detto questo, la tarantola da degustazione la si trova sulle bancarelle dei mercati, proprio accanto a ceste di frutta e verdura.

 

Donne cambogiane al-mercato

Qual è il suo sapore?

Il sapore a detta di chi le ha assaggiate ricorda una via di mezzo tra pollo e granchio, un interno morbido ed un esterno croccante

Vengono cucinate immerse in una pastella di sale, e zucchero, e poi buttate nell’olio bollente ancora vive con degli spicchi d’aglio. Di solito si mangiano solo le zampette pelose, però è tutta commestibile, la testa è ricca di polpa bianca.

Purtroppo, a causa della deforestazione sembra che la popolazione di tarantole stia diminuendo, e infatti il loro prezzo è lievitato notevolmente.

Io per il momento passo, e voi avreste il coraggio di assaggiarle?


Quali sono i vini pregiati meno conosciuti del Piemonte? 10 febbraio 2021

Quali sono i vini pregiati meno conosciuti del Piemonte?

I vini della regione Piemonte sono famosi nel panorama vinicolo di tutto il mondo, chi tra gli appassionati del vino non conosce bene l’aroma ricca del Barolo, le note acide del Barbera, le sfumature del Barbaresco, il retrogusto di mandorla nel Dolcetto, sono etichette che mettono d’accordo tutti. Ma indubbiamente come in molte cose esiste […]

Intervista Al Compositore Gianluca Cascioli: La Musica Ai tempi Del Coronavirus 25 gennaio 2021

Intervista Al Compositore Gianluca Cascioli: La Musica Ai tempi Del Coronavirus

Il silenzio della musica non è mai stato così assordante, sono le note della pandemia che vibrano nell’aria, con un repertorio pieno di stati d’animo. Ma le note quelle vere, quelle che ci emozionano sono impresse nelle nostre menti, forse il Corona virus le ha oscurate, ma ci ha fatto anche capire la bellezza di […]