Quantcast
Cartizze D.O.C.G. Brut Ruggeri

Cartizze D.O.C.G. Brut Ruggeri

14 Novembre 2022 | , ,

Il Prosecco D.O.C.G Superiore di Cartizze Brut di Ruggeri anima il brindisi delle feste. Il Cartizze è la versione più esclusiva dell’anima del prosecco, è un luogo esclusivo e delimitato situato nel Veneto orientale, più precisamente a Valdobbiadene.

Oggi vi parliamo del Cartizze D.O.C.G. Brut di Ruggeri portavoce della biodiversità del Cartizze, uno dei Grand Cru più preziosi d’Italia tra le colline scoscese e generose di Valdobbiadene dichiarate dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

La sua caratteristica distintiva è data dall’origine, il suo terreno montuoso è stato creato dal sollevamento dei fondali marini, la  rocciosità del territorio contribuisce alla qualità delle uve che danno vita ad un vino con un colore più intenso e un odore più complesso. Qui la produzione è circoscritta da un’area molto precisa, appunto Cartizze che produce un vino di qualità, definito crù

Per chi è amante di questo esclusivo vino,  o è semplicemente curioso di provare il Cartizze, l’occasione delle feste natalizie può essere una bella opportunità di portarlo sulle tavole imbandite per le cene di Natale, in alto tra le dita dei commensali per celebrare il 2023, il Cartizze D.O.C.G. Brut di Ruggeri aggiunge gusto e pregio, in un bouquet di profumi che vi stupirà.

Il profumi del Cartizze in un bicchiere

Conviviale e vivace, fragrante e aromatico, seduce con il suo armonioso equilibrio e la sua sapidità cristallina con delicate note minerali. Il Valdobbiadene Superiore di Cartizze D.O.C.G. Brut di Ruggeri, rende omaggio e al contempo svela i profumi del terroir che si risveglia dopo i mesi più freddi: erbe di campo, delicate note di petali di fiori bianchi e profumo di pere. Un inno alla vita, alla Natura e a un nuovo inizio.

Bollicine responsabili

Il Cartizze D.O.C.G. Brut è portavoce dell’impegno di Ruggeri per la Cultura del Vino che rispetta l’ambiente, le persone e il territorio. L’azienda porta avanti progetti di ricerca a tutela dell’eccezionale biodiversità nell’area del Cartizze che vanta oltre cento specie di piante, fiori ed erbe spontanee e abbraccia il Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata (SQNPI) a certificare l’alta qualità e la sostenibilità in vigneto.

Abbinamenti

Dall’aperitivo di Natale alla cena di Capodanno, il Cartizze D.O.C.G. Brut di Ruggeri esalta piatti a base di pesce, crostacei e molluschi, dalle tartare ai risotti ai frutti di mare. Accompagna piacevolmente finger food, verdure pastellate, delicati piatti di carne bianca, lasagne e torte salate con erbe e formaggi freschi.

Guida Michelin 2023: La Rossa dei nuovi stellati

Guida Michelin 2023: La Rossa dei nuovi stellati

9 Novembre 2022 |

Guida Michelin 2023: La Rossa dei nuovi stellati

L’edizione della guida gastronomica francese più nota al mondo ha svelato i suoi premiati nell’incantevole territorio della Franciacorta. La cerimonia si è svolta in diretta streaming assegnando le amate stelle, e aggiungendo valore alle stelle verdi, una novità che da qualche anno completa e dà un’importanza alla sostenibilità, realtà che scelgono come mission produttori e fornitori selezionati per evitare sprechi e ridurre l’impatto ambientale.

Il ristorante Villa Crespi di Antonino Cannavacciuolo  diventa un tristellato Michelin

Guida Michelin Italia 2023: ecco la lista delle new entry della Guida Michelin 2023

 

L’edizione n° 68 della Guida MICHELIN porta a 12 il numero di ristoranti che “valgono il viaggio” in Italia:

Villa Crespi Orta San Giulio (NO) new entry, Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN) e Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

 38 nuove stelle che hanno interessato 13 regioni delle quali 4 new entry nella categoria , ovvero i ristoranti che valgono la deviazione:

Acquolina – Roma  chef Daniele Lippi* Enoteca – La Torre – Roma – chef Domenico Stile*- St. George by Heinz Beck – Taormina chef Salvatore Iuliano** Locanda Sant’Uffizio Enrico Bartolini Penango chef Gabriele Boffa*

Nella Guida MICHELIN Italia 2023 sono 33 le novità . Ecco  l’assegnazione

 

RISTORANTE LOCALITA PROV REGIONE
Maeba* Ariano Irpino AV CAMPANIA
Sensi* Amalfi SA CAMPANIA
Osteria del Viandante Rubiera RE EMILIA
Pulejo* Roma RM LAZIO
Sintesi**/** Ariccia RM LAZIO
Balzi Rossi* Ventimiglia IM LIGURIA
Casa Buono Ventimiglia IM LIGURIA
Locanda Tamerici Ameglia SP LIGURIA
Andrea Aprea Milano MI LOMBARDIA
Anima* Milano MI LOMBARDIA
Bolle* Lallio BG LOMBARDIA
Il Sereno al lago Torno CO LOMBARDIA
Lino Pavia PV LOMBARDIA
Trattoria Contemporanea** Lomazzo CO LOMBARDIA
Vitium** Crema CR LOMBARDIA
Dalla Gioconda Gabicce Monte PU MARCHE
Il Tiglio Montemonaco PU Marche
RistoranTino & C. Sauze di Cesana TO PIEMONTE
Il Fuoco Sacro* San Pantaleo SS SARDEGNA
I Tenerumi** Eolie / Isola Vulcano ME SICILIA
Limu* Bagheria PA SICILIA
Mec Palermo PA SICILIA
Principe Cerami Taormina ME SICILIA
Campo del Drago Montalcino SI TOSCANA
Cannavacciuolo Vineyard* Casanova di Terricciola PI TOSCANA
Chic Nonna di Vito Mollica Firenze FI TOSCANA
Paca* Prato FI TOSCANA
Terramira Capolona AR TOSCANA
La Stüa de Michil Corvara in Badia BZ TRENTINO A. A.
Luisl Stube Lagundo BZ TRENTINO A. A.
Suinsom Selva di Val Gardena BZ TRENTINO A. A.
Paolo Griffa al Caffè Nazionale* Aosta AO VALLE D’AOSTA
Famiglia Rana Oppeano VR VENETO

 

https://guide.michelin.com/it/it

Nascce il Biodistretto di Conegliano Valdobbiadene

Nascce il Biodistretto di Conegliano Valdobbiadene

4 Novembre 2022 | ,

Il territorio del Conegliano Valdobbiadene  vola verso il Biodistretto. Il Biodistretto Conegliano Valdobbiadene è un traguardo importante che al suo compimento valorizzerà ancora di più le produzioni della zona e testimonierà appieno il merito di tutti coloro che si stanno impegnando per il futuro dell’area.

L’niziativa è promossa dal comune di Conegliano e capofila delle attività assieme al Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG. Un riconoscimento ambito e del tutto meritato. Il comitato promotore sta completando la stesura dello Statuto e dell’Atto Costitutivo: mancano le ultime formalità e poi la pratica passa agli Organi regionali per l’approvazione.

Un percorso virtuoso quello del biologico che ha portato, negli ultimi anni, ad assistere ad un forte impegno da parte delle aziende comprese nei 15 comuni dell’area di Conegliano – Valdobbiadene, tanto che oggi si contano 156 aziende certificate biologiche delle quali:

  • 89 sono aziende vitivinicole di cui oltre la metà associate al Consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG;

  • 67 sono aziende di vari settori tra i quali i più rappresentati sono le coltivazioni di frutta e verdura, cereali, legumi da granella e semi oleosi, allevamento di bovini da latte, apicoltura, pane e prodotti da forno, industria lattiero-casearia.

Il Direttore del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco, Diego Tomasi, di concerto con il Presidente Elvira Bortolomiol afferma: “Biologico non è solo vigneto (ad oggi il 5% del vigneto delle colline è bio), ma un insieme di altre attività che sottostanno ad una certificazione molto stringente che mira diritto alla sostenibilità. Il nostro territorio lo permette perché è ricco di biodiversità e a confermarlo sono i dati emersi da una recente indagine condotta dall’Università di Firenze che vede la presenza percentuale del bosco pari al 57% della superficie, seguito dal vigneto 30%, altri usi agricoli 9% e infine 4% di aree urbane.

https://www.prosecco.it/it/consorzio/

 

L’unica tappa piemontese di “Estensioni – Jazz Club Diffuso”

L’unica tappa piemontese di “Estensioni – Jazz Club Diffuso”

26 Ottobre 2022 |

Patrizio Fariselli (storico tastierista degli Area) in concerto al Blue Relais Maggiore Castelletto sopra Ticino (NO) Lunedì 31 ottobre il Blue Relais Maggiore ospita l’unica tappa piemontese di “Estensioni – Jazz Club Diffuso”, rassegna nomade che porta il jazz in luoghi inusuali, tra workshop di fotografia jazz ed il concerto al piano solo di Patrizio Fariselli.

 

Per la prima volta in un insolito club per amanti della musica jazz per il concerto di Patrizio Fariselli, storico tastierista degli Area e icona della scena jazz italiana, nell’unica tappa piemontese di “Estensioni – Jazz Club Diffuso”.

Un concerto insolito all’interno di un motel dove il pubblico avrà modo di apprezzare un repertorio di brani classici del celebre quintetto insieme ad alcune composizioni del nuovo disco 100 Ghosts di Fariselli, in una performance al pianoforte, coinvolgente e ricca di sperimentazioni, accompagnata da una dotazione minimale di live electronics.

Quello di Fariselli è uno degli oltre 20 concerti della seconda edizione di “Estensioni – Jazz Club Diffuso”, rassegna ideata e diretta dal celebre fotografo jazz e di spettacolo Luca A. d’Agostino per portare la musica jazz in luoghi insoliti, nata nel 2021 e organizzata con il sostegno del Ministero della Cultura da Slou società cooperativa di cui d’Agostino è cofondatore.   Un appuntamento imperdibile per tanti appassionati del jazz a cui Andrea Bernardi, gestore del Blue Relais Maggiore ha voluto aderire con entusiasmo (già da tempo un pianoforte è a disposizione degli ospiti nella hall del motel) ospitando “Estensioni – Jazz Club Diffuso”.

Il workshop è aperto a tutti, con inizio alle 15, basta prenotarsi scrivendo a [email protected] e portare la propria macchina fotografica. Inizio concerto alle 20:30, ingresso su prenotazione a 20€ scrivendo a [email protected] o in prevendita su dice.fm (ricerca “Slou”).

 

Blue Relais Maggiore

www.bluerelais-maggiore.it

Tenuta de l’Annunziata e lo straordinario Bosco Bioenergetico

Tenuta de l’Annunziata e lo straordinario Bosco Bioenergetico

25 Ottobre 2022 |

” Lascia che il mondo che ti circonda sia colorato da sfumature calde, luminose, dove il silenzio è rotto dal tintinnare di una natura intima ed abbondante, quel dolce sentire, quel dolce riposo, è dove il tuo cuore ha quiete”.

Tenuta de l’Annunziata, l’oasi verde di Uggiate Trevano, a pochi chilometri da Como e dal suo celebre lago, immersa in un straordinario Bosco Bioenergetico , un luogo energetico a un passo dal lago, dove godere di una connessione continua con la natura che lo circonda. Qui ci si muove camminando a piedi in un Bagno di foresta, pratica che affonda le proprie origini nella tradizione giapponese e consiste in un’immersione consapevole fra le piante secolari per ripristinare il proprio equilibrio psicofisico, e la Camminata contemplativa pensata per esplorare a fondo i cinque sensi ed entrare ancora di più in contatto con se stessi, attraverso esercizi di meditazione. Il bosco d’autunno è caratteristico non solo per il poetico foliage, con le sue sfumature dorate, ma anche per i frutti che sa offrire, perfetti per un’appagante sosta gourmet.

 

Tenuta de l'Annunziata

Tenuta de l’Annunziata

TENUTA DE L’ANNUNZIATA

Natural Relais nato dal recupero di un’antica proprietà a lungo abbandonata, la Tenuta si trova nel territorio di Uggiate Trevano, a circa venti minuti dalle sponde del Lario e dalla città di Como. Da sempre meta di escursioni da parte degli abitanti della zona per via delle ampie aree boschive, la Tenuta è stata acquistata nel 2007 dalla famiglia Guffanti-Pezzoli che in pochi anni l’ha trasformata in un’oasi di pace votata all’accoglienza sostenibile e alla valorizzazione del patrimonio ambientale nel quale è immersa.  La filosofia che permea l’intera proposta è espressione di una concezione olistica del benessere che trova il suo massimo compimento proprio nel rapporto uomo-natura. Quattro le anime di Tenuta de l’Annunziata: il Relais (con venti camere), il Ristorante Quercus, la SPA e il Bosco Bioenergetico.

Salotto Belvedere

(altro…)

TORNA RISTORANTI CONTRO LA FAME

TORNA RISTORANTI CONTRO LA FAME

20 Ottobre 2022 |
TORNA RISTORANTI CONTRO LA FAME
FINO AL 31 DICEMBRE CHEF, RISTORANTI E CITTADINI, INSIEME PER UN GRANDE OBIETTIVO: “MAI PIÙ FAME”, IN ITALIA E NEL MONDO

Ristoranti contro la Fame, la più grande mobilitazione nazionale che unisce buon cibo e solidarietà, torna in tutta Italia fino al 31 dicembre. Un’iniziativa giunta alla sua VIII edizione che oggi assume un valore ancor più importante, in considerazione della crisi alimentare globale che stiamo vivendo.

Dopo alcuni anni di lenta ma costante riduzione, infatti, la fame è tornata a crescere, nel mondo e anche in Italia. Complice la pandemia, l’acuirsi di disuguaglianze socioeconomiche, la crisi climatica e i conflitti, come quello in Ucraina che ha contribuito ad un’escalation dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali, oggi la crisi alimentare globale rappresenta la grande emergenza del nostro tempo. Sono 828 milioni le persone in condizioni di insicurezza alimentare nel mondo, quasi 1 su 10 le persone povere in Italia [1], ben 1 su 4 quelle a rischio povertà [2].

Nel corso della nuova edizione, che rientra nell’ambito dell’iniziativa di sensibilizzazione “Mai più Fame. Non Lasciamolo Vuoto”, i clienti, all’interno dei ristoranti, potranno donare, fino al 31 dicembre, due euro scegliendo all’interno del menù il “piatto solidale”, 50 centesimi per la “pizza solidale” e altrettanti per ogni bottiglia d’acqua ordinata. Sarà l’occasione per godere del piacere di un pranzo o di una cena contribuendo all’impegno per liberare il mondo dalla fame.

Ristoranti contro la Fame contribuisce a dare una risposta ai bisogni generati da questa gravissima emergenza, finanziando i progetti della campagna Mai più Fame. “Mai più Fame: dall’emergenza all’autonomia” che, giunto alla sua seconda edizione, ha ottenuto ottimi risultati, presentati in un recente Report

“Con un pianeta che è, in realtà, in grado di produrre cibo a sufficienza per tutti, cure contro la malnutrizione infantile da tempo disponibili, efficaci e a basso costo, progetti di cooperazione in grado di realizzare l’autosufficienza delle comunità vulnerabili, siamo la prima generazione della storia che può eliminare la fame – ha dichiarato Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame.

 

(altro…)

CONSORZIO DEL PROSCIUTTO DI SAN DANIELE DOP

CONSORZIO DEL PROSCIUTTO DI SAN DANIELE DOP

14 Ottobre 2022 | , ,

In occasione della TTG Travel Experience di Rimini, alla città friulana è stato assegnato il premio Destinazione con la Migliore Offerta Enogastronomica. Alla città di San Daniele del Friuli è stato conferito sul palco del TTG Travel Experience di Rimini il premio Destinazione con la Migliore Offerta Enogastronomica di Italia Destinazione Digitale.

Italia Destinazione Digitale è l’unico premio nazionale che ogni anno, dal 2016, viene assegnato alle regioni e alle destinazioni turistiche italiane che registrano le migliori performance online, dal punto di vista del sentiment, dell’offerta enogastronomica e dell’accoglienza.

 

sandaniele_paesaggio

San Daniele paesaggio

(altro…)

Vacanze in una fiaba: In Abruzzo c’è la Contea degli Hobbit Il Signore degli Anelli

Vacanze in una fiaba: In Abruzzo c’è la Contea degli Hobbit Il Signore degli Anelli

5 Ottobre 2022 |

La Contea degli Hobbit Il Signore degli Anelli

La notizia ha fatto il giro del mondo, in questo straordinario progetto c’è tutto il cast del “Signore degli Anelli” Nicolas Gentile, ideatore e pasticciere abruzzese ama vivere alla maniera degli hobbit, gli indimendicabili personaggi nati dall’immaginazione di Tolkien. Un appello e un lancio: con l’intervento di crowfunding si sta per realizzare la Contea Gentile, il primo villaggio hobbit in Italia.

La Terra di Mezzo tra le colline abruzzesi, corsi d’acqua e boschi intorno che richiamo alla perfezione il  contesto fiabesco di Tolkien, così da far nascere a Nicolas Gentile la sua idea, i primi passi che ha mosso sono stati un prototipo di abitazione e un evento a tema hobbit “Bentornati a Casa”, il primo grande evento ospitato dalla Contea che ha lasciato a bocca aperta tutti i partecipanti, una festa che ha riunito oltre tremila persone nella Terra di Mezzo Abruzzo.

 

la-contea-gentile-nicolas-hobbit-signore-anelli

(altro…)

Prima Edizione The Restaurant Insider

Prima Edizione The Restaurant Insider

27 Settembre 2022 | ,

La prima edizione The Restaurant Insider si è svolta a Villa Monte RosaGrande, la prima e ritmatica edizione informale tra esponenti dell’industria della ristorazione dine-in, organizzato da Sun Tzu Consulting nella sua nuova prestigiosa sede milanese Mercoledì 21 settembre 2022.

L’evento ha riunito prestigiosi esponenti dell’industria della ristorazione dine-in per fare un punto della situazione del settore, parlare di trend attuali e futuri, discutere di franchising e analizzare case history di successo. A fare gli onori di casa Fabrizio Frombola che ha assunto il ruolo di Chief Business Officer

La prima a salire sul palco Sara Silvestri, Senior Consultant di TradeLab, che nel suo intervento ha inquadrato lo stato dell’arte del mercato dei consumi fuori casa (Away from Home), tra numeri della ripresa e i trend in atto, sottolineando come il settore dopo la forte contrazione nel 2020 nel 2022 segna una veloce ripresa che arriva a sfiorare i valori pre-pandemia del 2019 (85 mld di €).

A seguire lo speech di Valentina Quattro, Industry Relations Director Italia e Spagna di The Fork, sul modello di business dell’app che ha rivoluzionato il mondo del food che quest’anno compie 15 anni di attività, sulle novità come il pagamento del conto tramite QR code o direttamente dalla app, facendo poi un focus sulla case history di successo de La Filetteria Italiana con The Fork.

Dopodiché Alberto Cogliati, Segretario Generale di Assofranchising ha parlato di strutture, tendenze e opportunità per il canale Horeca spiegando che “Il mercato della ristorazione merita un’attenzione particolare ed è per noi doveroso contestualizzarlo e declinarlo all’interno del settore franchising dove occupa una posizione da attore protagonista con ben 4.675 punti vendita in Italia e un giro d’affari di oltre 3 miliardi di euro.

”E dichiarando che “Tuttavia, la crescita inarrestabile delle bollette, unita al rincaro delle materie prime e agli affitti sempre più altri rischia di compromettere le attività portate avanti con determinazione dai ristoratori in franchising.

Infine Monica Nastrucci, responsabile editoriale delle riviste Food Service e Dolcesalato, i due brand del Gruppo Food rivolti al mondo dell’out of home ha intervistato Edoardo Maggiori (CEO e founder di STC), Andrea Lupo (CFO e co-founder di STC) e Fabrizio Frombola (Chief Business Officer di STC). Partendo dalla storia dell’azienda che la mente creativa e visionaria di Maggiori (a marzo 2022 la rivista Forbes Italia lo ha inserito tra i 100 imprenditori più talentuosi under30 in Italia e tra i 5 migliori under 30 italiani del food)

https://suntzuconsulting.it/

Agricoltura Sostenibile: Il grande impegno di Perlage winery

Agricoltura Sostenibile: Il grande impegno di Perlage winery

26 Settembre 2022 | ,
Agricoltura Sostenibile
Conosciamo tutti cosa significa un sito patrimonio dell’Umanità, una definizione culturale che racchiude una lista mondiale denominata UNESCO. Beni eccezionali che raccontano la storia, la natura, l’arte, le scienze, un patrimonio estetico ed intellettuale che non è altro che un frutto di uno scambio della natura e dell’uomo. Custodendone le radici, la memoria, la strada delle tradizioni, in un legame che affida all’uomo un compito nobile e trascendente. Spesso dimentichiamo che le cose belle essenzialmente sono fragili, perché hanno bisogno di cure. Ebbene quella bellezza che l’uomo cura si trasforma in armonia, integrità, amore per tutto ciò che gli è accanto, questa è la legge della natura, che vibra alla stessa frequenza dell’uomo che ne ha cura.

Per voler lavorare tutti insieme in modo da diffondere le tematiche legate a questioni ambientali e culturali c’è bisogno di “Sostenibilità”.  Ed è l’Educazione che fa riferimento all’inclusione diretta e indiretta di proteggere le biodiversità del nostro pianeta. I cambiamenti climatici e il degrado ambientale causato per mano dell’uomo sono tra i problemi maggiori del nostro tempo che minacciano l’Europa e il mondo.

 

Perlage – Riva Moretta

Partendo da questo fattore di grande preoccupazione abbiamo con cura, ricercato le grandi aziende vinicole che rendono un contributo straordinario nella realizzazione di uno sviluppo sostenibile, a questa ricerca abbiamo trovato molte realtà impegnate a raggiungere obbiettivi di sviluppo sostenibile. Il concetto di sostenibilità può essere applicato in qualsiasi settore, e tra questi vi parliamo dei bellissimi vigneti della “Cantina Perlage”, a perdita d’occhio nelle colline del Prosecco, nominato patrimonio mondiale dall’UNESCO. Impiegata 360° la cantina porta avanti innumerevoli iniziative, tra le molte proprio la lotta al cambiamento climatico.

Il grande impegno di Perlage winery

La cantina Perlage secondo i principi della filosofia sostenibile è pioniera del biologico dal 1985, ha sperimentato il metodo biodinamico, trasformando una parte della produzione in un esempio di cantina sostenibile ottenendo così la certificazione B-CORP. Inoltre è anche diventata società Benefit nel 2019. Perlage ha sempre promosso azioni di sostenibilità ambientale e sociale sul suo territorio facendo informazione, organizzando eventi e incentivando buone pratiche per la salvaguardia dell’ecosistema, oltre ad aver aderito recentemente a CO2alizione Italia (https://co2alizione.eco/it/home) per abbattere le proprie emissioni e raggiungere gli obbiettivi dell’agenda europea 2030 per il clima.

Un’azienda sostenibile a livello ambientale richiede un impegno molto grosso per raggiungere gli obiettivi, la vigna ha bisogno si, di riportare l’agricoltura ai suoi ritmi naturali, ma il massimo rigore scientifico per permettere che i processi e il prodotto finale, quale il vino sia frutto di bontà. Per quanto riguarda l’’impatto ambientale, le modalità sono; riduzione e compensazione, evitando di danneggiare il terreno con sostanze chimiche, ma producendo ogni prodotto in modo completamente naturale.

Scoprire e capire come si pratica l’agricoltura biodinamica, è un arricchimento culturale che ci aiuta a capire i principi basilari del rispetto del pianeta in cui viviamo, non a caso si chiama: Madre Terra.

https://www.unesco.it/it/patrimoniomondiale/detail/675

Armonico – Sushi Culture

Armonico – Sushi Culture

19 Settembre 2022 | , ,

Il delivery di oggi si trasforma nel sushi culture del domani: Armonico Sushi culture apre il suo ristorante gourmet trasformando una formula di distribuzione vincente in una mission che prevede il gusto, la bellezza dei piatti, e la cultura del sushi.

Il nome Armonico ci guida già attraverso una antica filosofia giapponese chiamata Ikigai, è il centro di quattro cerchi (l’amore, la necessità, il bene, la ricompensa), fondendosi tra essi. Un termine che non ha una vera e propria traduzione italiana ma il suo significato è: “ragione di vita, di esistere”, ovvero tutto ciò che rende la vita bella da vivere.

 

Il pesce crudo è in diversi tagli fatti di gusto ed equilibrio, una coniugazione della cucina tradizionale giapponese assemblata dai migliori ingredienti mediterranei, lavorate con autenticità e rigore nelle preparazioni e nella presentazione.

 

ARMONICO nella versione FINE DELIVERY ha già una notevole fama nella città meneghina. Un Fine Delivery di pregio tra le mura della propria casa o dell’ufficio dove ogni dettaglio è stato pensato con l’approccio di un ristorante gourmet. Il cliente ha a disposizione una website experience unica a livello di informazioni, con delle box nominali, in modo che ogni persona abbia ben identificati i suoi pezzi e non vi siano contaminazioni per intolleranze ed allergeni.

 

La gestione interna del servizio di consegna con propri rider e propri mezzi elettrici garantisce competenza e un totale controllo di tutte le fasi del processo, oltre al rilevante particolare che la copertura di consegna è ad ampio raggio; infatti, sono serviti in tutta l’area di Milano ed in qualche caso, su richiesta, anche del vicino hinterland con nessuna spesa di consegna.

Dedizione al lavoro, conoscenza e rispetto, infatti insieme alla ricerca continua e alle materie prime di altissimo livello c’è una particolare attenzione per la parte vegana, un segno che il sushi vegano è pensato ed elaborato per poter rendere i piatti un evoluzione gourmet.

Armonico – sushi culture

 Via Pastrengo, 15 – 20159 Mi

0245487806

Una visita alla grande Muraglia Piemontese di Fenestrelle

Una visita alla grande Muraglia Piemontese di Fenestrelle

31 Agosto 2022 | ,

La grande fortezza è anche detta la grande muraglia piemontese, si trova in Piemonte in Val Chisone, roccaforte di difesa contro la discesa degli eserciti dalla Francia, è il complesso fortificato più esteso d’Europa ed è seconda solo dopo la Grande Muraglia Cinese. Le sue mura sono di una lunghezza di oltre tre chilometri, e raggiungono un’altitudine di 1.800 metri.

I lavori di costruzione iniziarono intorno al 1728 e ci vollero 122 anni per terminarlo. Il forte fu un contingente militare mantenendo sempre la sua funzione difensiva. Oggi diversamente è divenuto un luogo da visitare e valorizzare perché unico al mondo: “E’ la nostra muraglia italiana” ed è un modello incredibile di architettura militare.

Quando visitare Il Forte di Fenestrelle

D’estate il panorama è a perdita d’occhio sulla valle e delle montagne, ed offre varie possibilità di visita per ogni tipo di turista. L’esperienza più intensa dura circa sette ore offrendo tutto il giro della struttura. Si parte al mattino alle ore 9 e il rientro è nel tardo pomeriggio.

 

 

Questo tipo di escursione è adatta a chi ha un minimo di allenamento, si sale infatti fino a quota 1.800 metri di altitudine dove finisce la fortezza, per visitare minuziosamente il Forte delle Valli e ci si addentra anche all’interno della bellissima pineta che costeggia il Forte di Fenestrelle.

Ma niente paura c’è una soluzione meno impegnativa, con la partenza alle ore 10 del mattino o alle 15 del pomeriggio, per un tour all’interno del Forte di Fenestrelle che privilegia e approfondisce la storia e la cultura della valle.

Se il tempo è tiranno esiste la visita da un’ora con partenza alle 10.

Qui tutte le info: https://www.fortedifenestrelle.it/le-visite/

I volontari dell’associazione Progetto San Carlo- Forte di Fenestrelle Onlus si occupano della gestione delle Visite all Fortezza, offrendo la visita guidata in lingua inglese, francese o tedesca.

 

 

Passeggiare lungo le antiche mura è affascinante, si respira la storia di questo luogo. L’accesso ai palazzi e ai sotterranei della muraglia, vi daranno modo di immedesimarvi in un tempo ormai passato. Buon percorso!

Strada al Forte, 1

10060 Fenestrelle TO

Italy

 

Bellussi è la 79 mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Bellussi è la 79 mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

25 Agosto 2022 | , ,

La 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica quest’anno compie novant’anni dalla sua fondazione, sono ventitré film in concorso, cinque dei quali diretti da registi italiani: Il signore delle formiche di Gianni Amelio, L’immensità di Emanuele Crialese, Bones and All di Luca Guadagnino, Chiara di Susanna Nicchiarelli e, infine, Monica di Andrea Pallaoro.

A inaugurare la manifestazione è invece White Noise, film di Noah Baumbach prodotto da Netflix, mentre a presiedere la giuria che assegnerà l’ambito Leone d’oro è l’attrice statunitense Julianne Moore.

Per il quattordicesimo anno consecutivo, la cantina di Valdobbiadene servirà i propri vini alle cene di gala della 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, in programma dal 31 agosto al 10 settembre.

Per il quattordicesimo anno consecutivo, Bellussi presiederà a uno degli eventi più importanti del panorama artistico-culturale mondiale con una selezione dei suoi più prestigiosi vini. La collaborazione che da anni lega Bellussi e La Biennale di Venezia è sancita dalla linea Lido 1932, composta da quattro vini bianchi prodotti nella Valle Isarco in Alto Adige, che la cantina guidata da Enrico Martellozzo ha ideato in onore della kermesse cinematografica. Il nome della linea, difatti, è un vero e proprio tributo alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica: “Lido” fa riferimento alla zona della città lagunare in cui si tiene il celebre festival, mentre “1932” rimanda all’anno della prima edizione della rassegna, la più longeva al mondo.

 

Le portate servite durante le cene di gala che inaugureranno e chiuderanno l’imminente manifestazione saranno accompagnate da Belpoggio Rosso di Montalcino DOC 2020, un vino morbido e setoso dalle note balsamiche prodotto nella tenuta, sempre di proprietà della famiglia Martellozzo, di Belpoggio a Montalcino e da Bellussi Lido 1932 Kerner DOC 2021, un vino bianco intenso e fruttato con note di pesca e albicocca.

Per l’intera durata della Mostra del Cinema, nella lounge Bellussi allestita sulla terrazza dell’Hotel Excelsior verrà offerto agli ospiti della rassegna cinematografica un calice di BellusSì Blanc de Noir. La kermesse costituisce anche l’occasione per la cantina di presentare in anteprima la nuova Demi BellusSì Blanc de Noir da 375 ml.

APRE A MILANO IL PIU’ GRANDE RISTORANTE JOHNNY ROCKETS D’ITALIA

APRE A MILANO IL PIU’ GRANDE RISTORANTE JOHNNY ROCKETS D’ITALIA

21 Luglio 2022 | ,

Il brand di ristorazione ispirato dall’American diner e approdato in Italia nel 2016 raddoppia a Milano, il nuovo store sorgerà nel complesso del centro commerciale Fiordaliso a Rozzano. Sarà il più grande d’Italia.

Johnny Rockets apre a Rozzano, nel milanese, nel Parco commerciale Fiordaliso, zona cinema, in un’ampia struttura indipendente. Sarà il più grande ristorante Johnny Rockets di tutta Italia, con 226 posti a sedere, di cui 94 interni per una superficie di 280mq a cui si aggiungono i 180mq di dehor esterno coperto.

 

Johnny Rockets_Bacon Cheddar Dbl

Le carte vincenti, che hanno permesso di contare ben 350 ristoranti in tutto il mondo, sono il cibo di qualità e l’attenzione per la filiera. Il menu, che offre grandi classici della cucina americana come Burgers, Chicken tenders, Onion rings, shakes and Floats, così come le tante novità in arrivo nel nuovo menu, come i Burger con Avocado e le proposte veggie, sono tutti preparati con ingredienti selezionati per freschezza e qualità: ad iniziare dal pane, un classico brioche bun sfornato quotidianamente da fornerie artigianali italiane partendo da una ricetta 100% USA, per proseguire con la carne, sempre fresca e mai surgelata, rigorosamente selezionata da allevamenti del nord Europa e lavorata in Italia.

 

 

VILLA TERZAGHI RITORNA CON L’ESPERIENZA ENOGASTRONOMICA DELLA CUCINA D’AUTORE

VILLA TERZAGHI RITORNA CON L’ESPERIENZA ENOGASTRONOMICA DELLA CUCINA D’AUTORE

16 Giugno 2022 | , ,

Sono 4 i weekend dedicati al gusto, dal 23 Giugno al 27 luglio, protagonista lui, il ristorante didattico immerso nella quiete di una Milano più green, nel parco del Ticino di Robecco sul Naviglio, corte strategica di momenti e metodi di piacere a tavola.

 

I “Weekend del gusto” promuovono la filiera agroalimentare fondata su piccoli produttori e sostenibilità, e avvicinare i giovani alla ristorazione di qualità.  L’ex dimora di caccia settecentesca immersa nel verde del Parco del Ticino, ormai diventata sede dell’Associazione Maestro Martino presieduta dallo chef Carlo Cracco con un Ristorante didattico aperto al pubblico, sarà la protagonista di una serie di iniziative di ristorazione legate alla cultura gastronomica, che avranno luogo nei fine settimana, dal giovedì alla domenica, che vanno dal 23 giugno al 17 luglio.

Una grande occasione per comunicare una filosofia semplice, genuina, ma attenta a tecnica e innovazione. Villa Terzaghi metterà sul campo temi gastronomici di grande attualità: dalle cotture alla brace al foraging e ai fiori, dal brunch a km0, ai cocktail d’autore.

All’offerta del ristorante caratterizzata dai nuovi sapori del menù estivo, disponibile il venerdì e sabato sera, e la domenica a pranzo:

Scoprilo qui: https://villaterzaghi.it/-/ristorante-in-villa/

All’offerta enogastronomica che si aggiungeranno, non solo i piatti del nuovo menù, ma anche  show cooking e appuntamenti culturali.

 

 

GIOVEDÌ 23-30 GIUGNO E GIOVEDÌ 7-14 LUGLIO

Si partirà il giovedì sera con un’innovativa rivisitazione del caposaldo della cucina italiana per eccellenza: la pizza, che a Villa Terzaghi diventa d’autore. Ogni settimana il Maestro pizzaiolo Pasquale Moro, campione del mondo di pizza in pala nel 2016, avrà modo di dar sfogo alla creatività proponendo delle degustazioni di pizze gourmet preparate con prodotti stagionali e del territorio. Il colore farà da protagonista grazie agli impasti speciali realizzati con ingredienti naturali che ricreano suggestivi effetti cromatici. 

VENERDÌ 24 GIUGNO E VENERDÌ 1-8-15 LUGLIO

A seguire, con la cena del venerdì,  gli ospiti del ristorante potranno scegliere tra  i ricercati piatti del nuovo menù estivo, arricchita da una nuova proposta studiata ad hoc per la cottura alla brace dallo chef Fabio Zanetello, grande amante della cucina italiana, con un approccio cosmopolita senza mai perdere di vista la cultura del territorio. Pregiate carni italiane e internazionali selezionate per l’occasione da Wilfred -la macelleria online specializzata in carni provenienti dai migliori allevamenti del mondo- e freschissime trote del parco del Ticino della Fattoria del Pesce, verranno preparate da esperti del settore in abbinamento a pregiate spezie, salse artigianali e contorni di stagione. Ad arricchire il programma relativo alla brace ci sarà anche lo chef stellato Errico Recanati, Ambassador del Cook & Chef. Recanati sarà in Villa il 15 e 16 luglio.

SABATO 25 GIUGNO E SABATO 2-9-16 LUGLIO

Di ispirazione internazionale, ma rivisitato dallo chef di Villa Terzaghi Federico Urbani  in chiave territoriale, il brunch a Km0 sarà il protagonista del pranzo del sabato con una selezione di prodotti di qualità delle cascine del parco del Ticino, formaggi e salumi lombardi, in abbinamento a succhi di frutta artigianali, torte dolci e salate. Sul tema del brunch in versione veggy ci sarà la partecipazione della chef Emanuela Tommolini, Ambassador del Cook & Chef, i giorni 8 e 9 luglio.

Il sabato a cena gli ospiti di Villa Terzaghi potranno gustare le proposte del menù pensato ad hoc per la stagione estiva.

DOMENICA 26 GIUGNO E DOMENICA 3-10-17 LUGLIO 

Il menù estivo della linea ristorante sarà il protagonista anche del pranzo della domenica.

Si proseguirà nel pomeriggio con l’intrattenimento culturale espresso da show cooking e masterclass aperte al pubblico, tenute da professionisti. In particolare i quattro pomeriggi della domenica ospiteranno quattro lezioni dedicate al BBQ d’autore a cura di Wilfred – la macelleria online specializzata in carni provenienti dai migliori allevamenti del mondo. Lo chef di Wilfred presenterà diverse tipologie di carni, relativi tagli e cotture alla brace: l’asado argentino, con i tagli della tipica grigliata argentina tra cui vacio (conosciuto in italia come bavetta), e il diaframma; il BBQ americano (American Barbecue), con tagli come il brisket e le beef ribs; i “tagli da scoprire”, che sono dei tagli magari meno conosciuti ma versatili e molto buoni. Ogni lezione sarà arricchita da uno show cooking e relativa degustazione

 

Domenica 3 luglio a Villa Terzaghi sarà possibile immergersi nella suggestiva atmosfera africana con la musica di Gabin Dabiré, cantante, chitarrista, compositore, originario del Burkina Faso, culla secolare di cultura nell’Africa Occidentale con la possibilità di degustare piatti della cultura africana.

La domenica sera Villa Terzaghi propone infine una versione innovativa e gourmet dell’irrinunciabile rito milanese, l’Apericena. La proposta del ristorante spazierà dai classici taglieri ai più moderni e ricercati finger food da abbinare a cocktail d’autore.