Quantcast
La Locanda Don Serafino: Gourmet Effect

La Locanda Don Serafino: Gourmet Effect

4 agosto 2020 | , , , ,

La Sicilia è una terra fertile e ricca di sole, in cui arte e tradizioni si intrecciano. La cultura a tavola è radicata nelle mille sfumature di materie prime, la gente è fortemente legata ai sapori dando vita così nel susseguirsi dei secoli ad un panorama enogastronomico unico al mondo.

Tinte forti che evocano nella mente sapori lontani, tra passato presente e futuro. Tutto ha un significato, un linguaggio che ci rimanda alle radici della tradizione, e non è difficile capire perché è una terra amata per la sua capacità di essere semplicemente sincera.

Ricollegandosi al suo maestoso passato, abbiamo certamente come realtà una filiera gastronomica che oggi conquista i palati più raffinati, senza escludere i suoi sapori pungenti, allora viene naturale pensare ad una fusione con l’innovazione gourmet che permette agli chef di creare pietanze perfette, senza saturare la materia prima che è alla base, il perno portante del piatto. La semplicità rasenta la perfezione, quindi l’estro di uno chef è esaltare non elaborare.

 

Ragusa Ibla

Nella cornice barocca di una delle città più belle dell’entroterra, sorge “La Locanda Don Serafino”, guidata dallo chef siciliano Vicenzo Candiano, un luogo evocativo situato all’interno di un vecchio granaio scavato nella roccia dell’adiacente chiesa dei Miracoli. Varcando la porta si viene catapultati in un’atmosfera raffinata dai toni caldi e dalle luci accoglienti, la location è singolare, si è circondati letteralmente dalla pietra calcarea con le sue sfumature quasi corvine, difficile trovare un luogo simile.

 

Se l’eleganza è di casa, la stella Michelin che brilla per esaltare la cucina è l’esempio della tipicità dei piatti di Candiano. La parola amore esiste in cucina, così come ogni passione che muove la creazione, la ricerca, l’inclusione, proiettata nella semplicità che ne danno un valore aggiunto.

Abbiamo deciso di provare il menù degustazione Gran Chef per avere un quadro completo, così attraverso sperimentazione e radici abbiamo completato un’esperienza sensoriale del tutto avvolgente.

 

 

Carmelo Di Pasquale il talentuoso Sommelier, ci racconta le antiche maestrie e le storie singolari di note casate vinicole, non dimenticandosi mai il connubio fra cibo e vino. La cantina rasenta una ricerca quasi maniacale degna di una corte reale, più di mille etichette tra le più importanti di tutto il mondo, tra cui anche alcuni Champagne pregiati, complice qui uno dei titolari Giuseppe La Rosa, con la sua proverbiale passione.

 

 

 

I piatti più incisivi a nostro dire; Ostrica con sorbetto di mele e Calvados (abbinamento preciso), spaghetti freschi neri con ricci, ricotta e seppia. Essendo una ricci addicted ero già conquistata in partenza, ma l’assaggio vale 100 punti. Ala di razza arrosto, e peperoni in salsa di pane alla marinara e cavolo rapa ripassato, qui la ricerca di chi la sa lunga è conclamata, in quale altro ristorante avete provato questa pietanza? Io onestamente la razza non l’avevo mai assaggiata, molto poco usuale in cucina. Qui bravo doppiamente. Il sapore? Delicato con sfumature e consistenze ricche.

 

 

 

 

 

La pasticceria è audace e godereccia, come d’altronde ci si aspetta in Sicilia, tutta la linea viene supervisionata da Candiano, la Pesca Bellini rimane un grande signature della pasticceria, un gioco di consistenze tra pesche fresche, mousse di pesche e gelo di pesche con biscotti alla lavanda.

 

 

 

Pregi

    La location, sicuramente unica nel suo genere.

    Una cucina che convince senza forzature.

    Una carta dei vini che stupisce.

    Servizio attento e professionale a cura di Gabriele Meli.

Difetti

Il ristorante non è comodissimo da raggiungere a piedi, sopratutto se calzate un bel tacco dodici, vi

consiglio caldamente di recarvi in auto.

 

Locanda Don Serafino

Via Avvocato Giovanni Ottaviano, 13. Ragusa Ibla (Ragusa)

Tel. +39 0932 248778

[email protected]

 

GIOIE E SAPORI DELLA GUIDA MICHELIN 2020

GIOIE E SAPORI DELLA GUIDA MICHELIN 2020

6 novembre 2019 |

La fama della guida rossa non ha eguali, l’edizione italiana del 2020 è stata presentata il 6 Novembre al Teatro Municipale di Piacenza, la filosofia della guida è incentrata proprio sull’eccellenza, l’originalità, e la cultura enogastronomica, del resto la cucina è una lingua universale.

 

Ad emozionarci tante interessanti novità, in un susseguirsi di ristoranti stellati, ritorni alla gloria, raddoppi e la cima più ambita: le tre stelle. Le novità creano un fermento collettivo, soprattutto per chi si è guadagnato la prima stella, sono 30 le new entry per un totale di 328, il focus è sempre la qualità, vediamoli.

Il parterre delle 2 stelle quest’anno sale da 33 a 35 portano gli onori a casa. Ciascuno di loro ha meritato a pieno il prezioso riconoscimento.

La Madernassa, a Guarene in provincia di Cuneo. Lo chef Michelangelo Mammoliti classe 1985, propone una cucina che è diventata una tappa irrinunciabile nel circuito dei grandi ristoranti della regione.

GLAM di Enrico Bartolini a Venezia. Con tanta fantasia la carta “pesca” nel mercato di Rialto e non solo per le specialità ittiche, a cui si aggiungono ricette del territorio reinterpretate dall’estro dello chef Donato Ascani, classe 1987.

 

L’en plein dei tre stelle sale a quota 11, i tre stellati della meravigliosa top list ci regalano per un nuovo strepitoso arrivato. Il Mudec fa brillare le tre stelle a Milano, grazie ad Enrico Bartolini.

 

 

La regione Lombardia si riconferma ancora territorio con più insegne stellate, ben 62 con 6 novità, seguita dal Piemonte a quota 46, con quattro novità, dietro la Campania con 44 stellati, a seguire la Toscana 40 stellati con 6 novità, infine il Veneto con 37stellati e due novità.

 

Le stelle in Italia sono 374 cosi ripartite:
(11) 3 stelle (35) 2 stelle (328) 1 stella

Tra le province, Napoli è sempre in vetta con 26 ristoranti (6 20 ), Roma in seconda posizione con 24(1 1 22 ). Seguono Milano con 20 ristoranti, la cui vitalità in molti campi vede oggi finalmente premiata anche la sua scena gastronomica grazie al nuovo tre stelle. (1 3 16 ), Bolzano con 19 (1 4 14 Cuneo a quota 18 (1 2 15 ). Cambiamenti successivi alla pubblicazione della Guida relativi ai nuovi stellati: Ristorante Il Parco di Villa Grey, di Forte dei Marmi chiuderà a Novembre per lavori.

In occasione della presentazione della Guida Michelin Italia 2020 sono stai conferiti 4 premi speciali: Mentor Chef Michelin 2020, by Eberhard assegnato a Gennaro Esposito, Ristorante Torre del Saracino, Vico Equense. Giovane Chef Michelin2020, by Lavazza assegnato a Davide Puleio, Ristorante L’Alchimia, Milano. Serivizio di Sala Michelin2020, By Coppini assegnato aSara Orlando Ristorante Locanda diOrta, Orta San Giulio. Passion for Wine Michelin 2020, By Consorzio del Brunello di MontalcinoRino Billia, Ristorante Le Petit restaurant, Cogne.

 

 

 

La 65a edizione della Guida MICHELIN Italia propone ai suoi lettori oltre 2700 alberghi e ristoranti. Tra i 2075 ristoranti oltre 1400 ristoranti propongono un buon pasto con prodotti di qualità 266 Bib Gourmand, di cui 25 novità.

La faccina sorridente dell’Omino Michelin che si lecca i baffi indica un ristorante che propone una piacevole esperienza gastronomica, con un menu completo a meno di 35 €. Le regioni con più ristoranti Bib Gourmand rimangono invariate: Emilia-Romagna 33 , Piemonte32 , Lombardia 28 , Toscana 27 e Veneto 22

 

La Guida Michelin lascia sempre una traccia squisita, ogni qualvolta sfoglierete le sue pagine, complice di viaggi verso mete che interpretano l’anima del cibo. Ad ognuno il suo stellato preferito.

Chef E Green 2019

Chef E Green 2019

2 maggio 2019 | ,

L’inaugurazione di Chef in Green 2019 ha preso il via nel suggestivo Castello di Tolcinasco, Golf Club d’eccellenza, la quinta edizione riconferma il successo della kermesse, un percorso itinerante che vuole consegnare ai nostri occhi, e al nostro palato la prospettiva di un percorso enogastronomico in evoluzione- tutto insieme al gioco del golf.

Lunedì 29 Aprile oltre 35 chef che si alterneranno negli incontri e nelle cene itineranti, mettendosi in discussione affrontandosi da diverse abilità, è lecito aspettarsi qualcosa in più, siamo soddisfatti di quello che si è visto in campo, gli chef hanno dato del loro meglio alla conquista della buca migliore. A seguire la seconda partenza degli chef, si primeggia in cucina con una serie di prelibatezze che formano una cena gourmet davvero importante.

Roberta Candus, direttore di Golf & Gusto è l’ideatrice e la conduttrice del meeting, conoscitrice della cultura enogastronomica ha reso possibile anno dopo anno la realizzazione di ogni tappa all’interno dei più belli ed esclusi golf club del panorama, coinvolgendo tantissimi grandi nomi delle cucine più autorevoli che si sono sfidati sui green più esclusivi d’Italia, “il gioco del golf fa squadra”, insieme alle ultime novità di Claudio Gatti ed i suoi dolci della via Francigena e Giuseppe Verdi, in una presentazione show di alcuni produttori che seguono questi interessanti appuntamenti.

Chef in Grren si occupa di regalare emozioni attraverso la pura esperienza del gioco, per poi giocare di gusto in cucina, presenti gli Chef stellati Claudio Sadler, Tano Simonato e Felix Lo Basso rivali con i loro ferri da golf, in campo anche Marc Bernardi, chef emergente che cucina a 2000 metri in Val Gardena.

In cucina troviamo chef Giuseppe Lo Presti del ristorante Il Casale, consigliato nella guida Michelin 2018 e Cristian Benvenuto, chef e patron del ristorante La Filanda a Macherio, e poi due new entry ristoranti milanesi Gianluca Rosano del Otivm e Pasquale Frigoli del Bistruccio, mentre con un piatto molto primaverile Sebastian Fitarau della Locanda Sensi di Rivergaro porterà in tavola le novità dell’Eccellenza Ellenica.

“Seduzione”, il pastry-chef Nicolò Moschella, considerato tra i nomi emergenti della pasticceria moderna e premiato come Top Italian Talent Chef 2018.

Gli chef giocano a coppie, “neofiti” e “golfisti”, e possono avvalersi di supporter, golfisti non-chef che partecipano o seguono il gioco. Alla fine di ogni singola gara i partecipanti chef o professionisti accumulano punti, alla fine del torneo chi raggiunge il punteggio massimo viene proclamato vincitore della Chef in Green

 

Menu degli autori della serata

Giuseppe LoPresti- chef  Il Casale di Grimoli, Toscana: “terrina con fegato di coniglio, in arrosto morto, panima arentina, mousse al lardo di Colonnata, coulis di lamponi.

Cristian Benvenuto- chef patron ristorante La filandra, a Marechino: gelato all’olio extravergine d’oliva Zenia con tartare di manzo.

Sebastian Fitarau- chef ristorante la Locanda Sensi, Rivergaro: pasta della Grecia antica, ortiche e menta con asparagi e pecorino.

Gianluca Rosano-chef ristorante Otivm, a Milano: Ravioli cacio e pepe, bottarga di gamberi

Pasquale Frigoli- chef Bistruccio, a Milano: filetto di rombo, plancton nero di seppia e piselli novelli.

 

 

 

 

 

 

 

 

www.chefingreen.it

GourmeArte 2018

GourmeArte 2018

19 novembre 2018 |

 

Dal 1 al 3 dicembre torna “GourmArte”, per il settimo anno consecutivo la kermesse enogastronomica tiene alta la rappresentanza dei più rinomati cuochi italiani.


Insieme ai nostri protagonisti le luci si accendono sui grandi prodotti della tradizione enogastronomica del Belpaese, si evidenziano soprattutto quelli del territorio lombardo.

 

Giorni dedicati al gusto a tutto tondo, la kermesse da la possibilità di assaggiare e conoscere le prelibatezze gourmet del territorio italiano, dialogare con  i produttori, condividere un piatto alla tavola dei rinomati chef, imparandone i valori di ogni assaggio e produzione.

L’ingresso rimane gratuito, e le degustazioni abbinate ad un prezzo democratico 15 € piatto salato più calice di vino, €10 i dolci più calice, e 10 € una pizza con un calice di vino.

 

In Fiera grandi passarelle di cucine a vista, presenti  i tre stelle Michelin Chicco e Bobo Cerea- Da Vittoro, e ancora Philippe Leveillé- Miramonti l’Altro 2 stelle Michelin, Enrico Bartolini- Mudec 2 stelle Michelin, Roberto Conti- Trussardi alla Scala 1 stella Michelin, ecc… più un parterre di blasonati cuochi: come Claudio Sadler, Stefano Cerveni, Alberto Gipponi, Fabrizio Ferrari, Stefano Masanti, Gianni Tarabini, Ilario Vinciguerra,  Enrico Gerli, Fabio Abbatista, Marco Parillo, Edoardo Fumagalli, Riccardo Camanini, una serie di novità per il filone pizza e dolci; I dolci di Riccardo Schiavo- La Pasqualina, miglior pasticceria d’Italia 2018 per il Gambero, i Dolci di Matteo Mazzotti- Caffe Milano, vincitore del concorso giovani pasticceri, e i Maestri Pasticceri dell’Accademia – AMPI. Gli interpreti delle pizze sono; Le Pizze di Ivan Gorlani- Era Pizza (MB), e Le Pizze di Antonio Pappalardo- La Cascina dei sapori (BS).

 

L’apertura rimane alle ore 10-22 di sabato 1 dicembre, il sipario si apre e non c’è che da scegliere tra diverse interpretazioni culinarie.

 

Il calendario sarà fitto di assaggi regionali e workshop di cucina per passione condotti dall’Accademia del Gusto.

www.gourmarte.it

Guida Michelin 2019

Guida Michelin 2019

16 novembre 2018 | ,

 16 novembre 2018, Parma  per la quarta volta consecutiva ha ospitato la presentazione della Guida Michelin, arrivata alla sua 64 esima edizione.

 


All’auditorium Paganini Momenti riservati agli chef stellati, e a chi tra di loro si guadagna la prima stella, ospiti, stampa internazionale, sono stati momenti di prestigio e di gioia, abbiamo scoperto tutte le novità e le conferme della celebre guida rossa più osannata.

Parliamo di novità, in primis gli applausi vanno a chi ha guadagnato le 3 stelle,  il ristorante dello chef Mauro Uliassi, dell’omonimo ristorante di Senigallia, confermano di avere una cucina che “vale il viaggio”, e quindi le  tre stelle Michelin.

I 3 Stelle

Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ).

Sono 39 i ristoranti che “meritano due stelle” e quindi il viaggio.

29 new entry, per un totale di 318 i ristoranti dalla “cucina di grande qualità”, che merita la ambita stella. La regione più ricca di novità è il Piemonte, 5 new dove Antonino Cannavacciuolo brilla di bis di stelle a Torino, al Cannavacciuolo Bistrot Torino, con lo chef Nicola Somma, e a Novara, al Cannavacciuolo Cafè & Bistrot, con Vincenzo Manicone. Enrico Bartolini si guadagna una nuova stella, per la  Locanda del Sant’Uffizio Enrico Bartolini, a Cioccaro di Penango (AT), con lo chef Gabriele Boffa.

Al sud brilla la Basilicata, a Matera col ristorante Vitantonio Lombardo, e ancora una nuova stella in Calabria al ristorante Quafiz, dello chef “Nino” Rossi, a Santa Cristina d’Aspromonte (RC).

 

In Sicilia al comando Heinz Beck a Taormina (ME) conquista una stella al St. George by Heinz Beck, guidato dallo chef Giovanni Solofra, mentre in Sardegna, a Porto Cervo (SS), Italo Bassi riconquista la stella al ristorante ConFusion Lounge.


 

marco-do-gwendal-poullennec

Sveliamo i protagonisti che ottengono la prima stella, fra cui ricordiamo: Per un totale di 367 ristoranti stellati.

 

Le stelle della Guida Michelin 2019:

1 stella 318 ristoranti(29 novità)

2 stelle  39 ristoranti

3 stelle 10 ristoranti (1 novità) 

 

La Lombardia è la regione più stellata con 2 novità: 60 ristoranti (2 tre stelle 6 due stelle e 52 una stella ). 

Scopriamo di seguito tutte le novità della Guida Michelin 2019.

La Guida MICHELIN Italia propone ai suoi lettori oltre 4.500 alberghi e ristoranti. Tra i circa 2100 ristoranti oltre 1500 ristoranti propongono un buon pasto con prodotti di qualità; 257 Bib Gourmand, di cui 21 novità. La faccina sorridente dell’Omino Michelin che si lecca i baffi indica un ristorante che propone una piacevole esperienza gastronomica, con un menu completo a meno di 32 € (35 € nelle città capoluogo e nelle località turistiche importanti). Le regioni con più ristoranti Bib Gourmand rimane invariata: Emilia Romagna 33 =, Piemonte 29 =, Lombardia 28 =, Toscana 27 = e Veneto 24 =.

  


Premi speciali Guida Michelin 2019

Servizio di sala

Quello del servizio di sala riscontra una attenzione speciale. Il premio della 64° edizione della Guida Michelin va a ; Casa Perbellinin, Verona.

 

Qualità nel tempo

 Ritirano il premio a La bottega del 30 Castelnuovo Berardenga (SI)

 

Giovane chef Michelin 2019

Ottiene il riconoscimento lo chef a Emanuele Petrosino, I Portici, Bologna. 

 

Passion for Wine Michelin 2019

E’ stato assegnato alla Locanda Devetak, Savogna d’Isonzo (GO).

 

Perdono la Stella

Perde una Stella il San Giorgio di Cervo,  La Conchiglia di Arma di Tagga il Dopolavoro dell’Isola delle Rose di Venezia, L‘Antica osteria dei Cameli di Ambivere (in provincia di Bergamo), Emilio a Fermo, l’Ilario Vinciguerra di Gallarate (Varese) e il La Clusaz di Gignod (Aosta), la Stazione di Posta, in zona Testaccio, Antonello Colonna, in zona Quirinale, e il Magnolia, ristorante indipendente del Grand hotel via Veneto. A Milano l’unico declassato è l’Armani, ristorante dell’hotel di proprietà dello stilista Giorgio