Quantcast
Ue e Svizzera firmano la fine del segreto bancario svizzero

Ue e Svizzera firmano la fine del segreto bancario svizzero

28 maggio 2015 | ,

europa svizzeraContinua la lotta all’evasione e alla frode fiscale da parte dell’Europa: è stata infatti ufficialmente firmata l’intesa con la Svizzera sullo scambio automatico di informazioni in materia fiscale, che sancisce la fine del segreto bancario svizzero. La Svizzera ogni anno dovrà scambiare con i 28 Paesi membri tutte le informazioni su nomi, indirizzi, numeri di identificazione fiscale e date di nascita dei residenti con conti in Svizzera, oltre a un’ampia serie di informazioni contabili e finanziarie e ovviamente lo scambio di informazioni sarà bidirezionale.

I famosi conti segreti in Svizzera, hanno consentito per molti anni di evadere le tasse impunemente e questo sarà un ulteriore passo avanti per una tassazione più giusta in tutta Europa.

Questo meccanismo di collaborazione entrerà in funzione nel 2017, ma esiste la possibilità che in Svizzera venga sottoposto a referendum, con il rischio per il Paese elvetico, in caso di esito negativo, di finire nella lista dei paesi non cooperativi in tema fiscale redatta dall’Ocse.

Norme più severe sull’ antiriciclaggio

Norme più severe sull’ antiriciclaggio

22 maggio 2015 | , ,

bresso-comitato[1] Il Parlamento europeo ha fatto questa settimana grossi passi avanti per la lotta all’evazione fiscale: è stato infatti ha approvato un accordo informale con il Consiglio grazie al quale i nomi dei proprietari effettivi delle imprese dovranno essere elencati in registri centrali, presenti in tutti i Paesi dell’UE, accessibili sia alle autorità sia alle persone con un “interesse legittimo”La nuova direttiva antiriciclaggio ha lo scopo di rafforzare la lotta contro i crimini fiscali ma anche la lotta al finanziamento del terrorismo.

Sono inoltre state approvate nuove norme per facilitare la tracciabilità del denaro. Per la prima volta gli Stati membri avranno l’obbligo di tenere registri centrali con le informazioni dei proprietari effettivi di società e altre entità giuridiche, come pure dei trust.I registri centrali saranno accessibili alle autorità e ai “soggetti obbligati” (ad esempio le banche che svolgono il loro dovere di “adeguata verifica della clientela”) e al pubblico (sebbene l’accesso al pubblico potrebbe essere soggetto a registrazione online del richiedente e al pagamento di un onorario per coprire i costi amministrativi).Per accedere al registro, una persona o un’organizzazione (ad esempio i giornalisti investigativi o le ONG) dovranno dimostrare un “interesse legittimo” in relazione al riciclaggio, al finanziamento del terrorismo e ai reati presupposti associati che potrebbero aiutarne il finanziamento, quali corruzione, crimini fiscali e frode.

Sono inoltre stabiliti gli obblighi specifici per le transazioni sospette effettuate dai clienti, ad esempio, per banche, auditor, avvocati, agenti immobiliari e casinò.

 

 

 

 

 

 

Congedo di maternità e di paternità in Europa

Congedo di maternità e di paternità in Europa

21 maggio 2015 | , ,

congedo maternitàIl Parlamento europeo, riunito in seduta plenaria a Strasburgo, ha approvato a larga maggioranza una risoluzione per chiedere alla Commissione europea di non ritirare la proposta di direttiva sul congedo di maternità, che attualmente è bloccata da 4 anni al Consiglio dei Ministri dell’Unione.

Il congedo di maternità è regolato a livello europeo dal 1992 e prevede un congedo minimo di 14 settimane. Successivamente il Parlamento europeo ha provato ad aumentare il numero di settimane a 20 (in Italia sono già 20 settimane di obbligatoria più l’eventuale facoltativa), ma la proposta si è arenata e non è più andata avanti. Ieri abbiamo votato affinché si superi questo stallo e per introdurre in tutta Europa il congedo di paternità retribuita di almeno 10 giorni lavorativi in aggiunta a quello materno, perché la famiglia non è un “affare solo delle donne”.

Se vogliamo parlare di Unione europea dobbiamo rendere omogenee più norme possibili, in particolare quelle che riguardano i diritti degli individui.

Tirocini retribuiti all’Agenzia Europea per i Medicinali

Tirocini retribuiti all’Agenzia Europea per i Medicinali

15 maggio 2015 | , , ,

Londra L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) è un ente della Unione europea con sede a Londra. Il compito principale dell’EMA è quello tutelare e promuovere la sanità pubblica e la salute degli animali mediante la valutazione e il controllo dei medicinali per uso umano e veterinario.

C’è tempo fino al 15 giugno 2015 per candidarsi per dei tirocini retribuiti che potranno essere di 6 o di 12 mesi.  Potranno candidarsi i neo laureati (anche triennali) in medicina, farmacia, chimica, informatica, ma anche in altri settori come giurisprudenza, risorse umane, relazioni pubbliche, ecc. Ovviamente è richiesta una buona conoscenza della lingua inglese. E’ prevista una borsa mensile di 1350 sterline e il rimborso chilometrico delle spese di viaggio andata e ritorno.

Per candidarvi o avere ulteriori informazioni potete visitare il sito internet

Ricerca partner per bandi europei

14 maggio 2015 | , ,

beuropaSe volete partecipare a un bando europeo ma vi serve una partnership con altri soggetti potete accedere al servizio che la Regione Piemonte mette a vostra disposizione, dove vengono elencati gli annunci di ricerca partner pervenuti all’Ufficio di Bruxelles.

Molte volte infatti i bandi europei richiedono almeno tre partner per potere partecipare alla call. Ovviamente può risultare molto difficile trovare questi partner perché devono essere di diversi Paesi, che possono essere o appartenenti agli Stati membri o Paesi con cui l’UE ha rapporti di collaborazione.

Queste sono le aree tematiche  che troverete sul sito:

Agricoltura, pesca e prodotti alimentari

Ambiente e energia

Attività produttive

Cultura, gioventù e sport

Istruzione, formazione e lavoro

Relazioni esterne e affari esteri

Salute e servizi sociali

Ricerca

Turismo

 

Per vedere le ricerche partner che al momento sono state segnalate, segnalarne alcune o avere ulteriori informazioni potete visitare la pagina

http://www.regione.piemonte.it/bruxelles/partner.htm

Scambio di esperti della Protezione Civile

8 maggio 2015 | , ,

protezione civile Il Meccanismo Europeo di Protezione Civile è uno strumento dell’Unione Europea nato per rispondere tempestivamente ed in maniera efficace alle emergenze che si verificano su un territorio interno o esterno all’Unione, attraverso la condivisione delle risorse di tutti gli Stati membri. Fanno parte del Meccanismo Europeo di Protezione Civile i 28 Paesi membri dell’Unione Europea e i 3 Paesi appartenenti all’Area Economica Europea, Norvegia, Islanda e Liechtenstein. Si tratta di un’opportunità importante per tutti i Paesi, che possono avvantaggiarsi dell’importante lavoro che fanno tutti i membri della Protezione civile, che si attivano specialmente in caso di calamità e disastri.

La condivisione di tali esperienze e l’aiuto delle persone di altri Paesi nei momenti di emergenza è anche un passaggio determinante per essere pienamente cittadini europei. Nell´ambito delle iniziative connesse al Meccanismo Europeo per la Protezione Civile al fine di fornire una risposta efficace delle crisi a livello europeo, la Commissione Europea finanzia attività di formazione per gli esperti della protezione civile favorendo la condivisione delle competenze. Sono previsti corsi di formazione e corsi speciale sulla sicurezza e grazie allo scambio di esperienze e conoscenze la preparazione complessiva non può che migliorare. I nostri esperti della Protezione civile potranno essere molto utili viste le capacità che hanno dimostrato durante le tragedie che hanno colpito il nostro Paese.

Sono aperte le iscrizioni per un nuovo ciclo di scambio di esperti per il programma comunitario in esecuzione fino ottobre 2016.

http://www.exchangeofexperts.eu/EN/Home/home_node.html

Convegno “L’Europa e il Piemonte per la cultura”

4 maggio 2015 | , ,

unnamed (1) Per la prima volta la UE ha introdotto tra i fattori di crescita e di sviluppo, all’interno della propria strategia di Europa 2020, l’innovazione in campo culturale e sociale. Obiettivo è quello di sostenere la nascita di filiere trasversali tra i diversi settori culturali così da consentire ai singoli operatori di fuoriuscire dall’autoreferenzialità che in questi anni ha caratterizzato la cultura e acquisire un approccio innovativo. Ne parleremo lunedì 11 maggio alle 9.00 presso la Sala Viglione di Palazzo Lascaris, via Alfieri 15, Torino in un convegno dal titolo “L’Europa e il Piemonte per la cultura. L’innovazione come motore di sviluppo” organizzato dal gruppo SeD. Parteciperanno al dibattito alcuni operatori culturali e dei funzionari UE.

Apertura dei lavori:
Mercedes Bresso, Parlamentare europeo, Gruppo SeD
Davide Gariglio, Presidente Gruppo PD, Consiglio Regionale del Piemonte

Contributi:

Giuseppina De Santis, Assessore Innovazione Regione Piemonte
Antonella Parigi, Assessore Cultura Regione Piemonte
Silvia Costa, Presidente Commissione Cultura Parlamento Europeo
Erminia Sciacchitano, Policy Officer – Commissione Europea – DG Educazione Cultura
Luca Mattiotti, Segretariato Commissione sviluppo regionale – Parlamento europeo
Fabio Donato, Università di Ferrara, Rappresentante nazionale in Horizon 2020

INTERVENTI PREVISTI:
Fiorenzo Alfieri, Alessandro Allemandi, Sergio Ariotti, Patrizia Asproni, Alberto Barbera, Irene Calderoni, Evelina Christillin, Sarah Cosulich Canarutto, Massimo Lapucci, Beppe Navello, Germano Paini, Raffaella Rocchetta, Giorgia Turchetto, Mario Turetta, Daniele Valle, Walter Vergnano, Paola Zini

Dibattito aperto con gli operatori culturali

Modera Michele Ruggiero

Per informazioni: [email protected]

E-call arriva il salvavita per gli automobilisti

29 aprile 2015 | , ,

eCallIl Parlamento europeo, riunito a Strasburgo, ha votato con una larga maggioranza, il regolamento sui dispositivi e-Call, che consentono di allertare automaticamente servizi di soccorso in caso di incidente stradale. Entro il 31 marzo 2018 tutte le nuove macchine e i nuovi furgoni prodotti nell’Unione europea dovranno essere dotati di questo dispositivo.

Grazie al sistema e-Call i soccorsi (autoambulanze, polizia) verranno immediatamente e automaticamente avvisati di un incidente, conoscendo l’esatta localizzazione e il numero dei veicoli coinvolti. Grazie ai soccorsi tempestivi, si potranno salvare molte vite umane. Purtroppo il numero di persone che perdono la vita in incidenti stradali (spesso causati da imprudenze) è sempre troppo alto: solamente nel 2014, gli incidenti stradali nell’Unione europea sono costati la vita a 25.700 persone ma, secondo le stime dei tecnici, grazie all’installazione dei nuovi dispositivi questo numero potrebbe ridursi notevolmente. Gli Stati membri saranno obbligati a dotarsi di un numero sufficiente di centraline di emergenza per questi dispositivi in modo che i risultati siano effettivi

Non è però stato trascurato il problema della privacy: il sistema e-Call si attiverà solo in caso di incidente e non potrà essere tracciato prima, verranno notificate ai servizi di emergenza solo le informazioni minime e i dati non potranno mai essere ceduti a terzi senza il preciso consenso della persona interessata.

Dopo automobili e veicoli commerciali leggeri, lʼEuroparlamento si è dato tre anni di tempo per valutare lʼestensione del sistema anche su autobus, pullman e camion, un passo in avanti nei confronti della sicurezza stradale che credo si debba compiere.

 

Giornata mondiale vittime dell’amianto

28 aprile 2015 | , ,

P1080275 Il 28 aprile è la giornata in cui si ricordano le vittime dell’amianto, questo killer silenzioso che continua a mietere vittime. I dati continuano a essere allarmanti: ogni anno perdono la vita circa 107.000 persone per malattie legate all’amianto. E le recenti vicende di Palazzo Nuovo a Torino sono emblematiche di questa emergenza non finita.

Il Piemonte purtroppo è stato particolarmente colpito e questa giornata è ancora più triste se si pensa alla recente prescrizione del reato di disastro ambientale nel processo alla multinazionale Eternit.

Nei mesi scorsi ho presentato al Parlamento europeo un’interrogazione scritta per sapere qual è la situazione normativa UE in merito alla produzione, alla commercializzazione e all’utilizzo nei processi produttivi di materiali contenenti amianto o derivati dall’amianto e in particolare se esistano eccezioni/deroghe e in tal caso di quale natura.

Vi posto ora la risposta della Commissione:

“La fabbricazione, l’uso e l’immissione sul mercato di fibre di amianto e di articoli e miscele contenenti fibre d’amianto aggiunte intenzionalmente sono proibiti nell’UE ai sensi dell’allegato XVII, voce 6, del regolamento REACH(1).

Quale unica possibilità di deroga al divieto generale, gli Stati membri possono esonerare l’immissione sul mercato e l’uso di diaframmi contenenti crisotilo e destinati agli impianti di elettrolisi già esistenti fino alla fine della loro vita utile oppure fino a quando siano disponibili sostituti adeguati che non contengono amianto, a seconda di quale dei due casi si verifica per primo. Soltanto due impianti godono ancora di questa esenzione che attualmente è in corso di riesame. Anche l’uso di articoli contenenti fibre di amianto, già installati e/o in servizio prima del 1° gennaio 2005, e la loro immissione sul mercato dell’usato possono continuare a condizioni specifiche. Informazioni in merito a tali esenzioni, quali segnalate dagli Stati membri, sono reperibili sul sito web della Commissione(2).

La Commissione non è a conoscenza di registri o inventari su scala europea dei siti contenenti amianto e dei relativi piani di rimozione dell’amianto quali sollecitati nella risoluzione del Parlamento europeo. A tutt’oggi siffatte iniziative sono state portate avanti, in certa misura, a livello nazionale. Fatto salvo l’obbligo degli Stati membri di assicurare il rispetto della pertinente legislazione dell’UE in materia ambientale(3) e di protezione dei lavoratori(4), la decisione se la rimozione dell’asbesto da un edificio sia la misura di gestione del rischio più appropriata dipende dai fattori specifici del sito e la Commissione ritiene pertanto che gli Stati membri, conformemente al principio di sussidiarietà, siano i più idonei per concepire e attuare siffatte iniziative.”

(1) Regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche, GU L 396 del 30.12.2006, pag. 1.
(2) http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/chemicals/reach/restrictions/asbestos-exemptions_en.htm
(3) Direttiva 87/217/CEE del Consiglio, del 19 marzo 1987, concernente la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento dell’ambiente causato dall’amianto, GU L 85 del 28.3.1987, pag. 40.
(4) Direttiva 2009/148/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un’esposizione all’amianto durante il lavoro, GU L 330 del 16.12.2009, pag. 28.

Nuove norme Ue sugli impianti viticoli

22 aprile 2015 | ,

vite La Commissione europea ha pubblicato nuove norme UE relative a un nuovo sistema di autorizzazioni per gli impianti viticoli, che consente un’espansione annuale limitata della superficie vitivinicola nell’UE. Come concordato nel quadro della riforma della Politica agricola comune del 2013, il nuovo sistema si applicherà dal 1º gennaio 2016, in sostituzione del regime transitorio relativo ai diritti di impianto.

Recenti studi hanno dimostrato che il consumo totale a livello mondiale continuerà ad aumentare fino al 2025, continuando invece a diminuire in tutta l’Ue. Questa tendenza di mercato mostra quindi che in futuro il settore vitivinicolo dell’Ue sarà sempre più dipendente dalle esportazioni. l nuovo sistema consente la flessibilità necessaria affinché il settore vitivinicolo europeo possa aumentare gradualmente la produzione e far fronte alla crescente domanda mondiale.

Con le nuove norme si confermano le modalità secondo cui gli Stati membri dovrebbero gestire a livello nazionale il sistema di autorizzazioni per gli impianti gratuite e non trasferibili. Esse stabiliscono anche il meccanismo di salvaguardia per nuovi impianti: autorizzazioni limitate a un aumento dell’1% annuo della superficie vitata di uno Stato membro, con possibilità per gli Stati membri di applicare, se debitamente giustificati, limiti all’espansione delle superfici a livello nazionale o regionale, oppure per zone con/senza indicazione geografica. Le norme chiariscono inoltre la transizione dall’attuale regime al nuovo sistema e come i diritti di impianto validi possano essere convertiti in autorizzazioni. I diritti disponibili nella riserva non concessi ai produttori entro la fine del 2015 cesseranno di esistere dopo tale data.