Quantcast
Una Ariflex 3D per il Dracula di Argento

Una Ariflex 3D per il Dracula di Argento

2 maggio 2011 | ,

Ormai è una specie di abitudine.
Da un anno a questa parte, ogni volta che mi capita di incrociare Dario Argento (e sapete che da Torino passa spesso) finisco per fargli una domanda sul suo (ormai imminente e torinese) Dracula 3D.

L’occasione questa volta è stata la presentazione della sezione Midnight Madness del GLBT Film Festival, di cui il buon Dario è padrino.
Visto che l’ultima volta mi aveva detto che i problemi sul ritardo del film erano dovuti alla poca affidabilità degli strumenti 3D che aveva a disposizione, ho voluto chiedergli se ora che il film è in produzione è soddisfatto degli strumenti che sta usando.

Pare di si. Per Dracula 3D Argento ha a disposizione una Ariflex di ultima generazione costruita in Austria che stando alle sue parole ha due vantaggi non da poco.
Più maneggevole delle sorelle che l’hanno preceduta riesce anche a risolvere in gran parte il problema della luminosità esagerata necessaria per la realizzazione di un film in tre dimensioni. Problema che, concorderete, non è da poco quando si parla di horror.

Insieme alla rivoluzionaria Ariflex il nostro avrà a disposizione anche 2 piccole Sony da utilizzare come steadycam.

Altre notizie venute fuori dall’incontro che mi sembrnao interessanti.
Si scopre una (non troppo) curiosa amicizia con Alexandre Aja, il quale ha messo in guardia Argento sui tempi della postproduzione di un film 3D (pare che il suo Piranha 3D abbia richiesto nove mesi di lavoro al computer).
Si scopre anche che Delitto perfetto di Hitchcock venne girato completamente in tre dimensioni ma in questo formato non venne mai proiettato. Argento dopo lunga ricerca ha avuto modo di vedere tre minuti del film nel formato originale e pare ne sia rimasto decisamente affascinato.

(altro…)