Quantcast
Storiaindustria.it – Lavoro e imprese tra memoria e futuro

Storiaindustria.it – Lavoro e imprese tra memoria e futuro

25 maggio 2018 |
Il prossimo 5 giugno il CSIPiemonte, insieme a ISMEL, organizza un evento dedicato a Storiaindustria.it, il progetto culturale e didattico ideato dal prof. Luciano Gallino e sviluppato dal CSI Piemonte.

Storiaindustria.it diventa un grande portale web aperto a tutti, con migliaia di documenti originali, fotografie, testi storici e percorsi didattici.

Durante l’incontro verranno effettuate riprese audio-video e scattate fotografie.

PROGRAMMA


9.30 welcome coffee e registrazione
10.00 APERTURA
CLAUDIO ARTUSI Presidente CSI Piemonte
GIUSEPPINA DE SANTIS Assessore Innovazione Regione Piemonte*
PAOLA PISANO Assessore Innovazione Regione Piemonte*10.30 UN PROGETTO PARTECIPATO: MATERIALI, TEMI, VISIONI
introduce e modera GIOVANNI FERRERO Presidente ISMEL

L’idea RENZO ROVARIS primo Direttore Generale CSI Piemonte
La memoria condivisa PAOLA BORGNA Università di Torino
Il lavoro e l’impresa MARCO DORIA Università di Genova
Gli archivi MAURIZIO TORCHIO Centro Storico Fiat
Le scuole NICOLA CREPAX Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo
I dati FERRUCCIO FERRANTI Direttore Generale CSI Piemonte
I media digitali GIULIO LUGHI Università di Torino

13.00 light lunch

*sono state invitate

Maggiori informazioni sul sito Web di CSIPiemonte
L’Alta Velocità per unire le Città d’Europa e Asia con la “Metropolitana della Pace”

L’Alta Velocità per unire le Città d’Europa e Asia con la “Metropolitana della Pace”

28 novembre 2015 | , , ,

.
“È certamente un progetto avveniristico, che va visto con gradualismo. Ma a Torino si parte con un progetto ferroviario che collegherà l’Europa e l’Asia. Una super metropolitana mondiale, una metropolitana della pace”.

E non a caso è stato battezzato “Carta di Torino”, il documento che questo fine settimana, viene sottoscritto da sindaci e vicesindaci di molte delle città europee e asiatiche coinvolte nel progetto ferroviario più grande mai varato, la “via ferroviaria della seta”.
Parte infatti da Torino quella che è stata anche chiamata la “metropolitana della pace”, l’iniziativa che mira a realizzare il collegamento ferroviario ad alta velocità delle principali città d’Europa, Russia, Turchia e Medio Oriente fino ad arrivare a Pechino. (Prova la mappa interattiva)

Il Forum della nuova Via Ferroviaria della Seta
E sempre a Torino e nella stessa giornata, si è svolto il primoForum delle Città della nuova via ferroviaria della seta, promosso da Mir Initiative in collaborazione con il Comune di Torino e l’Anci. Il progetto prevede lo sviluppo dei corridoi dell’alta velocità europea verso est, fino a raggiungere la capitale cinese, e verso il sud-est nelle aree mediorientali oggi teatro di conflitti politici e religiosi cruenti. Una volta realizzato il progetto, sarà possibile coprire i 10.500 km tra Torino e Pechino in meno di due giorni con un treno ad alta velocità.


“Lo scopo istituzionale del Forum – ha spiegato Ernest Sultanov, coordinatore dell’iniziativa, che ha introdotto i lavori – è di coinvolgere i sindaci delle città situate negli snodi principali della futura linea ferroviaria veloce, per fare in modo che la cultura della mobilità fisica come fattore di mobilità sociale e di sviluppo venga recepito innanzitutto dal basso, a partire dalle popolazioni, e diventi poi strumento di pressione nei confronti dei governi per spingere la realizzazione di questa sorta di metropolitana della pace”. 

I promotori del Forum hanno già pubblicato il libro bianco ‘Metro del METR, il futuro della mobilità nella regione METR’ che raccoglie i contributi, e le idee di sviluppo della mobilità fra i paesi dell’area euroasiatica, di esperti e manager delle principali aziende internazionali del settore trasporti e infrastrutture, che rappresentano un fatturato complessivo di oltre 700 miliardi di euro.

NANOCONTACT: un convegno a Torino per parlare di nanomateriali ed ecosostenibilità

2 dicembre 2012 | , , ,

Realizzato da Università e Politecnico di Torino con CRF, Magneti Marelli, RTM e MECT 3 milioni di euro da Regione Piemonte – Bando Converging Technologies 2007

Convegno di presentazione dei risultati del progetto
Mercoledì 5 dicembre 2012 – ore 15.30
Centro Congressi Unione Industriale di Torino
Sala Piemonte – Via Vela 17, Torino
Le normative europee impongono ai veicoli di nuova generazione di combinare criteri di sostenibilità – riduzione dei consumi e uso di materiali riciclabili, a basso impatto in termini di costi e peso – con elevata sicurezza, comfort e affidabilità. La richiesta del mercato di integrare sempre maggiori funzioni e dispositivi porta invece all’aumento della complessità e del numero di materiali usati, con crescente
difficoltà per il loro riciclo.

Nuovi nanomateriali, come i Nanotubi di Carbonio (CNT), integrati in polimeri possono assicurare il
raggiungimento di questi obiettivi, garantendo sostenibilità e performance. Limitare l’utilizzo di rame e altri metalli per la sensoristica della plancia, sostituendoli con composti polimerici conduttori, ha infatti notevoli vantaggi in termini di riduzione sia del peso (e quindi dei consumi), sia dei costi per separare la componente metallica da quella polimerica in fase di riciclo a fine vita del veicolo.

Il progetto Nanocontact – nato grazie alla collaborazione tra importanti attori della ricerca e del settore automotive piemontese – ha tentato di rispondere a queste esigenze realizzando componenti automotive mediante scrittura diretta di tracce elettricamente conduttive su compositi nanotubi di carbonio/polimeri.

Capofila del progetto – finanziato dalla Regione Piemonte con 3,2 milioni di euro del Bando Converging Technologies 2007 (per un budget complessivo di circa 5 milioni) – il NIS, Centro d’Eccellenza “Superfici ed Interfasi Nanostrutturate” dell’Università di Torino, in collaborazione con MiNES, Micro&Nano Electronic Systems del Politecnico di Torino, Centro Ricerche FIAT, RTM Laser Technology, Magneti Marelli PCMA e MECT.

I risultati ottenuti – tra cui la registrazione di un brevetto – saranno presentati mercoledì 5 dicembre alle 15.30, presso il Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino (Via Vela 17 – Sala Piemonte). In collaborazione con l’Associazione Industrie Materie Plastiche UI Torino. 

Ingresso libero. Info:
www.nis.unito.it

Ufficio stampa: 
Barbara Magnani 
cell. 339 3096245