Quantcast

I francesi a Torino: une promenade a Turin – video

13 gennaio 2015 | ,

Torino è la meta di moltissimi francesi che visitano la nostra città: ecco un video di viaggio di un turista francese … ma su youtube ce ne sono diversi …

#trends autunno-inverno: ritorno al passato

#trends autunno-inverno: ritorno al passato

2 ottobre 2014 |

A caccia di fashion e new style per un autunno/inverno spumeggiante: ispirazioni animalier, retro-chic, favole e flower power, in un mix folle tra inizio secolo e anni Cinquanta. sotulina-lolakunst-fashion1 Metti una giornata piovosa di fine estate. Metti una località balneare piena di negozietti e…di torinesi perplessi da un’estate che ha fatto solo saltuarie visite ai turisti. Che fare? Non  rimane che andare alla ricerca di stimoli per immaginarsi già dentro l’autunno, provare abiti e accessori per illuminare le fredde serate in arrivo. Aggiungi a tutto questo un’amica esperta di trend e il gioco è fatto: per un’oretta si passa il tempo a fare la modella tra le mani creative dell’Adriana, che mi concia, mi fotografa e mi fa immaginare, attraverso gli abiti, delle avventure e dei divertissement da vivere in questo prossimo inverno… Insomma, si materializza davanti ai miei occhi un inverno fantastico! (altro…)

Sorpresa, la #cascinaquadrilatero: un orto in piazza Filiberto!

Sorpresa, la #cascinaquadrilatero: un orto in piazza Filiberto!

9 luglio 2014 | ,

Sotto casa…è nato un orto! Ecco la Cascina Quadrilatero, l’orto urbano in Piazza Emanuele Filiberto.

Il progetto è nato dalla realizzazione in piazza Emanuele Filiberto – quartiere del Quadrilatero Romano – del primo orto self-made del Piemonte che andrà a sostituire il verde urbano su tutta la piazza. Lo stesso sarà costruito e gestito da Coldiretti Torino e sarà completamente donato alla città in ogni suo aspetto di uso e consumo.Un fiorire di tanti peperoncini, pomodori, basilico, insalate, pruni, mele…

Attraverso l’apposita cartellonistica, in ogni angolo viene spiegato al cittadino che vuole ‘fruirne’, come comportarsi per permettere a tutti di poter utilizzare i prodotti dell’orto. Lo spazio dedicato alla realizzazione è aperto al pubblico durante il corso di tutta la giornata tutta la settimana ed è cura dei locali commerciali del quadrilatero provvedere alla chiusura serale con appositi cancelli già presenti sull’area. Sempre i locali del quadrilatero hanno attrezzato l’intera area con wifi.
L’agricoltura quindi riconquista gli spazi della città, riqualifica zone ancora inevitabilmente occupate da situazioni di possibile degrado, sostituendole con spazi verdi per i cittadini, studenti e luoghi di animazione sociale. Coldiretti e gli altri presenti nel progetto, hanno promesso numerosi appuntamenti di animazione con associazioni di anziani e operative sociali già operanti nel quartiere per la gestione dell’area. Infine, a completamento del progetto, il mercoledì sera ci sarà sempre presso l’area, un piccolo mercato agroalimentare (10 banchi), di Campagna Amica con prodotti esclusivamente biologici (orario 16.00- 21.00) mentre i ristoranti del quartiere, cucineranno altre ai menù tipici, un piatto direttamente acquistato al mercatino.

Ed ecco che così nasce ‘CASCINA QUADRILATERO’,  un giorno dedicato a far festa alla nostra agricoltura che vuol condurre il cittadino-consumatore a sentirsi parte del Piemonte, di Torino con i gusti, i profumi e i colori delle nostre campagne, ma in pieno centro!

#piccolegioie  n.3 – #Roma: Nil difficile volenti.

#piccolegioie n.3 – #Roma: Nil difficile volenti.

30 giugno 2014 |

#piccolegioie n.3 (unite a #grandientusiasmi): ANDARE A TROVARE UNO DEI TUOI MITI

Nil difficile volenti, così sta scritto su molti edifici romani: ‘nulla è arduo per colui che vuole’.

Andando verso Sud, fortemente volli.

La prima volta che vidi ‘La ragazza di Via Millelire’ avevo circa quindici anni, vestivo da fricchettona, mi mettevo corone di margheritine nei capelli (che mi facevano sembrare più Cicciolina che Yoko Ono) e tentavo di suonare la chitarra con esiti disastrosi. Dentro di me vivevano fortissimi entusiasmi e alterne passioni, tra le quali uno sperticato amore per gli anni Settanta e, in particolar modo, per le periferie super degradate tipiche di quegli anni Settanta. Abitavo con i miei genitori in una casetta a Mirafiori Sud e per me non esisteva luogo più avventuroso e appassionante per vivere l’adolescenza. Forse soltanto il Bronx poteva starci dietro… Ma il Bronx era a milioni di chilometri, ovvero era una roba che esisteva principalmente mixata nella mia fantasia: spezzoni di film con Paul Newman che faceva il poliziotto in 41° distretto Bronx, infermiere di colore tossicomani (le case rosse al fondo di via Plava e l’ospedale Farinelli abbandonato); il ponte di Brooklyn in un tramonto sfacciatamente arancio (poster di mia zia nel salotto al mare); gente vestita con camicie dalle fantasie improponibili che ballava tra le cisterne dei tetti (Saranno Famosi);  The Warriors con le giacchine di pelle e jeans tagliate alle spalle e la mitica attrice senzatette – evviva quegli anni!- Deborah Van Valkenburgh che compariva nelle afose notti newyorkesi  con il trucco sbavato tra case fatiscenti e strade deserte (i tamarri sul 63/ con la sigaretta dietro l’orecchio e i capelli ‘ a carrè’, le tamarre fasciate in fuseaux leopardati e rossetto tatuato).

Quando ho scoperto La ragazza di via Millelire ero nel pieno di questo mio trip e leggere che proprio nel quartiere dove vivevo era stato girato un film di denuncia sociale così coraggiosamente privo di happy end, fuori dagli schemi buonisti e dolciastri tanto amati dal cinema italiano di quegli anni, sgradevolmente vero, con persone reali, che abitavano in via Artom e via Garrone negli anni Settanta-Ottanta e che semplicemente mettevano in scena quella che era la loro vita quotidiana e reale – i loro vuoti e i loro pieni, la loro rabbia e la loro inquietudine – mi aveva sconvolta. Il film era stato proiettato all’inaugurazione della prima biblioteca del quartiere, la Cesare Pavese, e stavamo tutti seduti pigiati al buio in un sala che era un’ex aula scolastica. Io non avevo la patente e mi ero fatta portare da mia mamma – che tanto dimentica tutti i film che ha visto eccezion fatta per Il Portiere di Notte – insieme ai vari ‘amici di Zona’ che, poi, stranamente, in un modo o in un altro, finirono poi per riparlare di quest’opera nei loro libri, nei loro film o, comunque, negli anni successivi della loro vita.

Ebbrezza. A Roma ho conosciuto il regista Gianni Serra grazie proprio a colei che fu ‘La ragazza di via Millelire’, la bravissima Oria ConfortiEntrando a casa Serra- Benelli ho respirato l’atmosfera dei suoi sogni, delle sue lotte, dei valori in cui credeva e per cui si è battuto, un professionista troppo in anticipo sui tempi, che ha sempre lavorato con sincerità ed entusiasmo, senza piegarsi a compromessi, accettando anche di vedere il suo capolavoro, creato con cura, studio e amore, ‘insabbiato’ al Festival di Venezia e ‘abbandonato’ da quegli stessi che inizialmente lo avevano spronato a girarlo. Oggi Gianni Serra, mio mito di quegli anni (e di cui ho anche parlato nel mio libro che uscirà a ottobre) , è sempre un uomo entusiasta, curioso della vita, pieno di storie e passioni da condividere. Gianni mi ha fatto un grande grande regalo questo venerdì pomeriggio a casa sua, tra fotografie, gatti, terrazzi fioriti, una vecchia Olivetti e il sole che splende sul verde di Ponte della Musica.

Andate a leggere il blog di Gianni  e leggete il Pane e le rose, i puntini sugli i, il saggio di  Aurelio Grimaldi  dedicato al film, le foto…tutto.

Intanto io sono arrivata a Napoli.

A plus…

#Piccolegioie  – ogni giorno ha un buon motivo per sopravvivere felicemente – n.1

#Piccolegioie – ogni giorno ha un buon motivo per sopravvivere felicemente – n.1

27 giugno 2014 | ,

Sono in treno. Parto, perché é sempre così che risolvo quando mi capita qualcosa di sgradevole.
Sono circa tre anni che mi capitano cose non proprio piacevoli ma io ho trovato il mio rimedio. La mia medicina.

#piccolagioia n.1: PARTIRE SAPENDO CHE PUOI TORNARE
Premetto che amo Torino alla follia e che non cambierei la mia città per nessun altra (almeno in Italia).
Torino é per me il mio porto sicuro; é dipingere sul terrazzo profumato di gelsomini d’estate; lo scorrere azzurro del fiume tra gli alberi, gli aperitivi al quadrilatero, i portici con i bouquinistes, le piste ciclabili che passano attraverso inaspettati roseti; il cinema, i mercatini e i farmer market, porta palazzo e le periferie assolate d’estate nebbiose d’inverno; le mille librerie, le mille ciminiere; l’odore del cioccolato e del vino che fermenta in cantina; i tralicci, gli imbarchini sul Po, guardare le ultime luci della sera dietro il Monviso da Mirafiori; il profumo dei tigli lungo i viali, che dopo la pioggia ti stordisce per la sua intensità; le mattine nitide azzurre dove si stagliano le cime bianche e pensi: lá dietro c’è la Francia. Torino sono anche le mie due Micie che mi aspettano davanti alla porta con il loro enigmatico sorriso felino, quello che sta a significare: ti aspettavo, ti aspetterò sempre, però ogni volta mi incazzo così tanto quando te ne vai che poi ti apro l’armadio e tiro fuori tutte le tue calze e mutande. E teniamo un occhio particolare per quelle sexy o di seta, così che se ti capita l’occasione galante ti ritrovi il pizzo masticato e ti ricordi che non ci devi mollare per troppo tempo.
Anche i sistemi mafiosi delle Micie, in fondo, sono una #piccolagioia torinese.
Non potrei rinunciare a queste cose, come non potrei rinunciare a finire un lauto pasto con un San Simone.
“Avete il San Simone?” Chiedi.
“Certo, ma che domande mi fa?” Sorride il cameriere e per te lui in quel momento é George Clooney con il Nespresso.
Il San Simone é un’altra gioia e quando torni sai che c’è in qualsiasi locale sotto casa, dal centro alla periferia. Uniti per te in un solo alcol.

#piccolagioia N.2 – IL GIRO DELLE COCCOLE
sapere che te ne stai andando momentaneamente da Torino per affrontare una #grandegioia ovvero gli AMICI veri, che stanno sparsi in vari luoghi d’Italia e d’Europa e hanno subito risposto al tuo sabaudissimo grido di dolore che da ogni tuo organo interno si leva.
A gennaio Londra é stata il mio caricabatterie. Grazie a Mara e Geo ho scoperto la #piccolagioia dei biscottini greci dentro il caffè, le corse nel parco, i monili di Tribe a Camden, il dot makeup e le passeggiate corroboranti lungo il Bankside, tra le luci della Tate e quelle dei ponti. Ho ripreso a disegnare. Ho regalato disegni ai bambini che mi guardavano rapita.
Ho capito che #piccolagioia é vedere dal treno la magnifica costruzione della Battersea Power Station ma #piccolagioia é raccontarlo poi agli amici e! sapere, mentre guardi i colori che si riflettono sull’acqua che prima o poi ci sarà accanto a te qualcuno che capirà tutto questo. Ma, in ogni caso, l’importante é che lo stai capendo tu: non servono grandi gioie, l’importante é saper notare quelle piccole…

piccolegioie piccolegioie7 piccolegioie6   piccolegioie3 piccolegioie5piccolegioie4

Dario Argento tour location DAtlTO13: una mannaia è per sempre

Dario Argento tour location DAtlTO13: una mannaia è per sempre

15 settembre 2013 | ,

mannaia-tacco15L’esorcismo si è compiuto: sono pronta a vedere tutti i film di Dario Argento, l’opera omnia del Maestro italiano dell’orrore, la mole di produzioni del Signore del Thriller. Ma non solo, sono pronta anche per cominciare una nuova vita dove sono cattivissima  e mannaio tutti i meno meritevoli.

Il tour dedicato a Dario Argento e alle sue location in città, organizzato da Davide Della Nina, Stefano Oggiano, Alessandro Benna e tutto il loro favoloso staff di argentiani ‘duri e puri’ mi ha lasciato un segno – che non è solo la mannaiata che a fine giornata mi sono presa da Pagni in versione Profondo Rosso in piazza CLN – ma la sensazione che tutto il mondo dell’orrore sia davvero un grande gioco, una passione totalizzante che unisce tante persone da un capo all’altro dello Stivale e li fa ritrovare a Torino ogni anno. Dove, sempre, gli attenti organizzatori ricercano con cura e con cura spiegano nuove location, sebbene questo non faccia desistere gli appassionati a voler rivedere quelle già viste, per sentirle sempre più familiari.  (altro…)

Dario Argento Tour Locations Torino: una preview sui tacchi

Dario Argento Tour Locations Torino: una preview sui tacchi

7 settembre 2013 | ,

Dopo la pausa estiva riprendono i post di Tacco15 – Lifestyle a Torino. Niente di meglio per riiniziare con il Dario Argentoporta-dario-argento Tour Locations, che domani mi porterà a visitare un gran numero di set dove il Maestro dell’Orrore si è dilettato a girare. Torino città magica, Torino luogo del demonio, Torino Porta della Magia Nera e Bianca…in effetti, Dario Argento non poteva che scegliere per i suoi capolavori le nostre vie, le nostre piazze, gli scorci misteriosi di Torino, da sempre riconosciuta quale vertice dei due triangoli esoterici. E fin qui tutto bene, tutto torna.
L’enigma più grande in questa storia di misteri, invece, è: perchè scegliere me quale assegnatrice del premio che, alla fine della giornata, verrà consegnato all’argentiano più meritevole? Sinceramente, io non me ne capacito. Per restare in tema, credo sia una sorta di esorcismo sul mio terrore atavico per i film del Terrore. Io non ho mai, dico mai, visto per intero un film dell’orrore, quindi, figuriamoci le pellicole di Dario Argento, visto e considerato che per me il top della paura è stato La casa delle finestre che ridono di Pupi Avati. (altro…)


Caldo e sesso: la movida ai tempi dell’afa 30 luglio 2013

Caldo e sesso: la movida ai tempi dell’afa

Si dice normalmente che d’estate ci sia un’impennata di ormoni bollenti dovuta al maggior numero di ore di luce disponibili, ai centimetri di pelle lasciati all’aria aperta, alla maggiore possibilità di incontri fuori casa. Ecco: l’estate è, a detta di tutti la ‘stagione calda’ per antonomasia. Ovunque bombardano di notizie e consigli medici che afa […]

La Biennale di scultura a Racconigi: fotografa e vinci! 24 luglio 2013

La Biennale di scultura a Racconigi: fotografa e vinci!

Chi decide di visitare la Biennale di Scultura del Castello di Racconigi in questo periodo, da oggi ha un motivo in più: oltre a godere della meravigliosa suggestione del contesto naturale del parco – dove sono inserite le sculture di artisti nazionali e internazionali in un percorso verde e azzurro tra alberi, sentieri e scorci idilliaci – […]

Torino lifestyle: la lunga estate calda 17 luglio 2013

Torino lifestyle: la lunga estate calda

Torino davvero pullula di eventi che vivacizzano l’estate. Giugno, luglio e agosto sono – ormai da qualche anno – tutto un susseguirsi di appuntamenti per godere della bella stagione in città. In fondo, cosa manca a Torino per vivere al massimo anche nella stagione più calda? Beh, il mare… Ma, no worries, ci stiamo attrezzando […]

Amo #lamiatorino: una domenica in bicicletta 4 giugno 2013

Amo #lamiatorino: una domenica in bicicletta

Torino, una domenica senza pioggia, finalmente. Oggi però niente mare con autostrade affollate, il 5 giugno è la Giornata mondiale dell’ambiente, nonchè del Festival Cinemambiente. Così, stavolta si prende la bicicletta e si va a scoprire i tragitti verdi della città. Una Torino meravigliosa, tutta verde, fatta per essere percorsa in modo slow: a piedi, sulle […]