Quantcast
Il 31 maggio Quotidiano Piemontese presenta i Frillini, nuova collana di gialli per ragazzi

Il 31 maggio Quotidiano Piemontese presenta i Frillini, nuova collana di gialli per ragazzi

22 maggio 2018 | ,

Giovedì 31 maggio alle 18.30, presso Rinascimenti Sociali, via Maria Vittoria 38 a Torino, verrà presentata la collana di gialli per ragazzi “I Frillini”, curata da Rocco Ballacchino per Fratelli Frilli Editori. (altro…)

Le mafie nella politica e nel calcio: Calabrò lancia l’allarme

Le mafie nella politica e nel calcio: Calabrò lancia l’allarme

10 maggio 2018 | ,

“Caratteristica imprescindibile di ogni organizzazione mafiosa è quella di non trascurare alcun ambiente che sia produttivo di ricchezza e denaro“.

 

È ’ quanto si legge oggi in un articolo di Piero Calabrò, magistrato per 36 anni (dal 1979 al 2015): un nome estremamente noto nella lotta per la legalità, non solo nell’ambiente calcistico. Presidente Fondazione  SDL (contenziosi contro banche, finanziarie ed equitalia) attualmente presidente della nazionale Italiana Magistrati, della commissione rischi della Fgci e dell’Ordine di Vigilanza del Gruppo Pellegrini (ex Presidente Inter).

Peraltro già Relazione conclusiva della Commissione parlamentare antimafia, presieduta da Rosy Bindi, sottolineava anche ‘preoccupanti forme di contaminazione mafiosa del mondo dello sport’ e ‘in particolare del calcio italiano emerse dall’inchiesta parlamentare e che non possono essere sottovalutate’.

Diversi sono i canali in cui si realizza la contaminazione del sistema calcistico da parte delle organizzazioni criminali. Il primo è rappresentato dalle tifoserie ultras, un mondo in cui è frequente l’osmosi tra la criminalità organizzata, la criminalità comune e le frange violente del tifo organizzato, nelle quali si annida anche il germe dell’estremismo politico.

INSEGNARE LA LEGALITÀ

Uno degli appuntamenti “Progetto Legalità Brianza” che tra gli ideatori ha proprio Piero Calabrò, è una iniziativa realizzata on l’Associazione “Bang” che ha lo scopo di promuovere la cultura della legalità, della solidarietà e dell’ambiente.

 

La strategia adoperata per affrontare il fenomeno della violenza ultras tradizionalmente incentrata sulla fase del ‘controllo’ e del ‘contenimento’ ha indubbiamente prodotto efficaci risultati nel mantenimento dell’ordine pubblico, ma non ha impedito ai gruppi ultras di mantenere e rafforzare il proprio potere all’interno di alcuni settori degli stadi. Non sempre l’attività illecita o violenta dei gruppi ultras riceve la necessaria attenzione della polizia giudiziaria e della magistratura e questa tendenza a sottovalutare il fenomeno è diffusa anche nell’opinione pubblica. La forza di intimidazione delle tifoserie ultras all’interno del ‘territorio-stadio’ è spesso esercitata con modalità che riproducono il metodo mafioso. Inoltre, la condizione di apparente extra-territorialità delle curve ha consentito ai gruppi di acquisire e rafforzare il proprio potere nei confronti delle società sportive e dei loro dipendenti o tesserati. La situazione è ulteriormente aggravata, dal punto di vista delle società, dalla base sociale delle stesse tifoserie, formate, secondo le stime delle forze di polizia, da una quota non indifferente di pregiudicati, in alcuni casi vicini al 30 per cento del totale.

A Torino la ‘ndrangheta si è inserita come intermediaria e garante nell’ambito del fenomeno del bagarinaggio gestito dagli ultras della Juventus, arrivando a controllare i gruppi ultras che avevano come riferimento diretto diverse locali di ‘ndrangheta; in alcuni casi i capi ultras sono persone organicamente appartenenti ad associazioni mafiose o a esse collegate, come ad esempio a Catania o a Napoli; in altri casi ancora, come quello del Genoa o della Lazio, sebbene non appaia ancora saldata la componente criminalità organizzata con quella della criminalità comune, le modalità organizzative e operative degli ultras vengono spesso mutuate da quelle delle associazioni di tipo mafioso. I comportamenti violenti e antisportivi vengono utilizzati come armi di pressione e di ricatto nei confronti dei club. Facendo leva sulla responsabilità oggettiva delle società gli ultras di fatto scambiano la garanzia di partite di calcio tranquille con notevoli vantaggi economici (dai biglietti omaggio al merchandising ai contributi per le trasferte).

Un ulteriore canale di infiltrazione mafiosa non meno preoccupante, riguarda la proprietà delle società di calcio, che possono diventare un canale di riciclaggio di capitali di provenienza illecita, si veda il recentissimo caso del Foggia calcio, oltre che fonte di ulteriore arricchimento per le attività economiche e finanziarie connesse. Ma investire in una squadra di calcio consente alle organizzazioni mafiose di acquisire anche consenso sociale e prestigio che aprono le porte a importanti relazioni anche con le istituzionali locali.

Una necessità è irrobustire l’attività di prevenzione e di controllo e di trovare gli opportuni strumenti, normativi e organizzativo-amministrativi, per rendere tutti i soggetti del mondo del calcio consapevoli del rischio di infiltrazione mafiosa e attrezzati a fronteggiarlo insieme alle istituzioni. Le proposte di intervento normativo, già avanzate nella relazione tematica, sono riproposte nella relazione finale e vanno dal rafforzamento del DASPO, con la creazione di un DASPO ‘interno’ per le società all’introduzione del reato di bagarinaggio fino all’inasprimento delle sanzioni della giustizia sportiva.

Sul piano più generale della governance e dei controlli nell’ambito dello sport, si auspica un ruolo del CONI più incisivo sul rispetto delle norme sulla trasparenza delle proprietà delle società e della normativa antimafia; il rafforzamento degli organismi di vigilanza e degli organi inquirenti previsti dall’ordinamento sportivo (procura federale, procura antidoping, COVISOC, COVISOD); il reinserimento della disposizione sul controllo preventivo dei capitali esteri (c.d.‘emendamento Bindi’); la tracciabilità dei flussi finanziari con riguardo alla costituzione delle società di calcio, alla cessione delle quote, alle transazioni per l’acquisto dei calciatori estendendo i presidi antiriciclaggio anche alle società di calcio. Infine, la commissione sottolinea l’urgenza di regolare in maniera più stringente il sistema delle scommesse legali prevedendo in particolare un divieto assoluto per le partite dei campionati dilettantistici, particolarmente vulnerabili e più esposti al fenomeno del match fixing, senza escludere un allineamento della tassazione delle scommesse ai livelli delle altre operazioni commerciali.

Inoltre, nell’Italia settentrionale, se alcune aree sono risultate più accoglienti e attrattive di altre, rispetto alla penetrazione della mafia, ‘nessun territorio può essere più considerato immune’. E’ quanto si legge ancora nella Relazione. ‘Si tratta di un movimento profondo e uniforme che interessa la maggioranza delle provincie settentrionali, con una particolare intensità in Lombardia, e che è stato favorito fino a tempi recenti da diffusi atteggiamenti di sottovalutazione e rimozione.

La colonizzazione ‘ndranghetista si è affermata a macchia di leopardo con una particolare predilezione per i comuni minori, che per molte ragioni (i piccoli centri della Calabria sono le roccaforti delle ‘ndrine, è più facile mimetizzarsi e più bassa la soglia di attenzione delle popolazioni) sono risultati più facilmente espugnabili. In questa avanzata i clan calabresi non hanno seguito la legge delle metropoli del riciclaggio ma quella che nella relazione viene chiama la ‘legge dei fortini’.

Estate INPSieme: aperte le selezioni per 450 giovani

Estate INPSieme: aperte le selezioni per 450 giovani

22 marzo 2018 |

Estate INPSieme è una iniziativa dell’INPS che ogni anno  bandisce borse di studio per soggiorni estivi di vacanza e studio in Italia, della durata di una o due settimane, e all’estero, della durata di due settimane.È un’opportunità interessante in cui ai momenti ricreativi e sportivi si alternano varie attività culturali, gite e, soprattutto per l’estero, lo studio di una lingua straniera. Una iniziativa che permette inoltre ai giovani disabili  la possibilità di avvalersi di assistenza continua di personale qualificato, con costi a carico dell’Istituto di Previdenza Sociale.

“Proprio in quest’ottica – spiega Stefano Pigolotti, professional coach –   le agenzie incaricate stanno reclutando personale da formare o qualificato che possa supportare l’iniziativa. Tra queste Phoenix Travel, del Gruppo San Marino Tourservice,  sta cercando giovani da destinare, in qualità di group leader o accompagnatore, ai soggiorni studio all’estero e alle vacanze in Italia organizzate dal Gruppo.

Requisiti indispensabili sono aver compiuto almeno 23 anni per i soggiorni studio all’estero e 21 anni per quelli in Italia, essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore e garantire una disponibilità minima di 15 giorni, dalla fine di giugno alla fine del mese di luglio.

L’operatore è anche alla ricerca di medici laureati ed iscritti all’Albo, che abbiamo una discreta conoscenza di una o più lingue tra inglese, francese, spagnolo (per centri all’estero) e la predisposizione al lavoro con gli adolescenti e al lavoro in team. L’età massima per candidarsi è di 60 anni.

Le giornate di recruiting

Tutti i candidati selezionati saranno invitati a partecipare a un incontro di selezione e formazione gratuito, della durata di un giorno, tenuto dal personale del t.o. che si terrà in diverse città italiane a partire dal mese di aprile.

La prima tappa delle selezioni è Milano sabato 7 aprile per le posizioni aperte all’estero, seguita da Roma il 13 aprile. Sempre nella Capitale il 13 maggio si terrà la selezione per le figure professionali da impiegare in Italia. Altre giornate sono previste a Napoli, Bologna, Bari, Cagliari e Catania.

Workshop a Torino sul riuso creativo: dalla bioarchitettura all’economia circolare

Workshop a Torino sul riuso creativo: dalla bioarchitettura all’economia circolare

14 marzo 2018 | ,
“Se cambi il modo di vedere le cose, le cose che vedi cambiano!”
Matteo Noceti
Vetro, plastica, legno, carta, cartone e altri materiali sono troppo preziosi per gettarli via: materiali che potremmo recuperare e riutilizzare grazie al riuso creativo per dare vita a molti progetti. 
Grazie al riuso creativo possiamo realizzare nuovi vestiti e accessori per noi e per la nostra casa, giocattoli per bambini, cucce per gli animali domestici, vasi per il nostro orto, cornici e portaoggetti, tappetini, tendaggi, mobili fai-da-te e tanto altro ancora.
Reland è nata proprio per sviluppare i concetti alla base dell’economia circolare, quella secondo la quale i “rifiuti”non sono da considerarsi scarti bensì futuri oggetti di quotidiana utilità.
Basatosi inizialmente sullo studio della Bioarchitettura Earthship, con il tempo il progetto si è evoluto, ampliando il proprio raggio d’azione all’intero mondo dei materiali di scarto come elementi di uso quotidiano, artistici e di design.

WORKSHOP A TORINO  SUL RIUSO CREATIVO E… GIOSTRA MUSICAL 
Sabato 17 marzo 2018
OffGrid Italia
Via Santa Maria Mazzarello 30 int. 23 – Torino
ore 9.00 -18.00

Il workshop del 17 marzo vi darà un’ottima occasione, oltre a conoscere il progetto, anche per presentare “La Giostra Musical”, spettacolo sviluppato da giovani autori ed artisti emergenti, in collaborazione al Museo dell’Ambiente di Torino.

Discipline che abbiamo incluso nel progetto di punta dell’associazione: Reland parco sperimentale. La Giostra Musical racconta il tema del cambiamento esistenziale dei personaggi, dal successo alla disgrazia e il loro cambio di prospettiva. 

Una storia inedita (e già questo fa notizia, in Italia), musiche autoprodotte e soprattutto scenografie realizzate esclusivamente con materiali di recupero.  I personaggi migliorano la loro condizione di vita come i materiali di scarto trasformati acquisiscono la dignità perduta come elementi di design. 
Esattamente quello che succede a molti rifiuti, a cui si nega una seconda opportunità. Questa analogia tra il decadimento personale e quello materiale ha convinto i due gruppi a collaborare per dare vita ad un progetto in comune.
Passione, soddisfazione e motivazione sono alcune delle leve che dovrebbero muovere il mondo. Spinti da queste potenti energie, OFFGRID e la Giostra Musical, due realtà torinesi con scopi apparentemente diversi, hanno messo insieme le loro unicità per dare vita ad un incredibile workshop di riuso creativo.

Il workshop ti permetterà di costruire gli arredi per la scenografia di un musical, con materiale di scarto. OFFGRID Italia sensibilizza costantemente sui temi del vivere a basso impatto ambientale quali la bioarchitettura, il design e il riuso creativo. 

In questo modo, chiunque potrà provare la soddisfazione di trasformare un materiale inutilizzato da problema a risorsa che viene valorizzata e ricollocata.

Il menu è ricco, l’appuntamento è fissato: ci vediamo sabato 17 marzo presso OffGrid Italia in Via Santa Maria Mazzarello 30 interno 23, ore 9 a Torino.

 

Verranno costruiti gli arredi per la scenografia dello spettacolo. Inizio ore 9 fine ore 18. 

Fasi del workshop: 
  • breve introduzione al musical
  • lettura e presa visione delle bozze e dei disegni degli scenografi
  • divisione materiali per ogni elemento scenografico
  • assegnazioni: poltrone, luci ribalta, lampade, sedute assemblaggio materiali (pneumatici, telai bicicletta, pallet) decorazioni e rifiniture

Ingresso gratuito 

Nuove regole per la concessione e gestione del credito e opportunità per le imprese 5 marzo 2018

Nuove regole per la concessione e gestione del credito e opportunità per le imprese

Intervengono Corrado Alberto – Presidente API Torino Giuseppe Gargano – Banca d’Italia sede di Torino Guglielmo Belardi – Mediocredito Centrale S.p.A. Fabio Cutrera – Direttore ConfapiFidi S.C. Seguirà un aperitivo Mercoledì 7 marzo 2018 – ore 11.00 API Torino, Sala “A.Busso” – Via Pianezza, 123 Torino La partecipazione al Convegno è gratuita. Si invitano le […]

CIOFS modello per la formazione nelle ICT 21 febbraio 2018

CIOFS modello per la formazione nelle ICT

Un sito web sui i pericoli sociali per i più giovani e su come affrontarli, realizzato dagli allievi del CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE “ISTITUTO SANTA TERESA” in VIA PALAZZO DI CITTÀ 5 a CHIERI (TO) si è aggiudicato questo mese il primo premio nazionale AICA CONFAP 2017.  “Rischi e Pericoli dal Reale al Virtuale” (www.rischiepericolidalrealealvirtuale.blogspot.it)  è […]

La truffa marchiata “Enel Energia” che arriva da Torino 9 febbraio 2018

La truffa marchiata “Enel Energia” che arriva da Torino

Fate attenzione se dicono di chiamare da ENEL, ENEL ENERGIA, GAS o compagnie telefoniche, spacciandosi per operatori di queste stesse compagnie, proponendo un cambio del contratto. In nessun caso – spiega la stessa ENEL –  è obbligatorio cambiare contratto.  . Ci scrive un lettore in data 8 febbraio 2018   . Mi ha chiamato un signore sul […]

30 ottobre 2017
L’Associazione Outsider del Cottolengo a Paratissima13 e The Others

Outsider si ripresenta nelle due importanti fiere d’arte e cultura emergente e contemporanea di Torino con un progetto artistico, due progetti espositivi e un’esperienza sensoriale. Cultura e creatività continuano a testimoniare l’inclusione, l’integrazione e la realtà outsider offrendo nuovi punti di vista per approcciarsi all’arte con spontaneità e da nuove prospettive. Il claim che accompagna […]

23 maggio 2017
API Torino cerca imprese virtuose in Piemonte che siano di esempio per tutti. Al via l’edizione 2017 del Premio “Chiave a stella”. E’ possibile candidarsi

È stato  pubblicato il bando per concorrere all’edizione 2017 del Premio “Chiave a stella”. Premio che verrà attribuito a due aziende del Piemonte che si siano contraddistinte per la capacità di esprimere e coniugare

17 febbraio 2017
A Business Bridge to the U.S.A.

Come affrontare il mercato americano dopo la “novità” Trump ? L’incontro presenterà le opportunità di insediamento e di mercato offerte dalla Città di Akron (Ohio), una delle aree urbane più avanzate dal punto di vista dell’accoglienza delle imprese.