Quantcast
Le mafie nella politica e nel calcio: Calabrò lancia l’allarme

Le mafie nella politica e nel calcio: Calabrò lancia l’allarme

10 maggio 2018 | ,

“Caratteristica imprescindibile di ogni organizzazione mafiosa è quella di non trascurare alcun ambiente che sia produttivo di ricchezza e denaro“.

 

È ’ quanto si legge oggi in un articolo di Piero Calabrò, magistrato per 36 anni (dal 1979 al 2015): un nome estremamente noto nella lotta per la legalità, non solo nell’ambiente calcistico. Presidente Fondazione  SDL (contenziosi contro banche, finanziarie ed equitalia) attualmente presidente della nazionale Italiana Magistrati, della commissione rischi della Fgci e dell’Ordine di Vigilanza del Gruppo Pellegrini (ex Presidente Inter).

Peraltro già Relazione conclusiva della Commissione parlamentare antimafia, presieduta da Rosy Bindi, sottolineava anche ‘preoccupanti forme di contaminazione mafiosa del mondo dello sport’ e ‘in particolare del calcio italiano emerse dall’inchiesta parlamentare e che non possono essere sottovalutate’.

Diversi sono i canali in cui si realizza la contaminazione del sistema calcistico da parte delle organizzazioni criminali. Il primo è rappresentato dalle tifoserie ultras, un mondo in cui è frequente l’osmosi tra la criminalità organizzata, la criminalità comune e le frange violente del tifo organizzato, nelle quali si annida anche il germe dell’estremismo politico.

INSEGNARE LA LEGALITÀ

Uno degli appuntamenti “Progetto Legalità Brianza” che tra gli ideatori ha proprio Piero Calabrò, è una iniziativa realizzata on l’Associazione “Bang” che ha lo scopo di promuovere la cultura della legalità, della solidarietà e dell’ambiente.

 

La strategia adoperata per affrontare il fenomeno della violenza ultras tradizionalmente incentrata sulla fase del ‘controllo’ e del ‘contenimento’ ha indubbiamente prodotto efficaci risultati nel mantenimento dell’ordine pubblico, ma non ha impedito ai gruppi ultras di mantenere e rafforzare il proprio potere all’interno di alcuni settori degli stadi. Non sempre l’attività illecita o violenta dei gruppi ultras riceve la necessaria attenzione della polizia giudiziaria e della magistratura e questa tendenza a sottovalutare il fenomeno è diffusa anche nell’opinione pubblica. La forza di intimidazione delle tifoserie ultras all’interno del ‘territorio-stadio’ è spesso esercitata con modalità che riproducono il metodo mafioso. Inoltre, la condizione di apparente extra-territorialità delle curve ha consentito ai gruppi di acquisire e rafforzare il proprio potere nei confronti delle società sportive e dei loro dipendenti o tesserati. La situazione è ulteriormente aggravata, dal punto di vista delle società, dalla base sociale delle stesse tifoserie, formate, secondo le stime delle forze di polizia, da una quota non indifferente di pregiudicati, in alcuni casi vicini al 30 per cento del totale.

A Torino la ‘ndrangheta si è inserita come intermediaria e garante nell’ambito del fenomeno del bagarinaggio gestito dagli ultras della Juventus, arrivando a controllare i gruppi ultras che avevano come riferimento diretto diverse locali di ‘ndrangheta; in alcuni casi i capi ultras sono persone organicamente appartenenti ad associazioni mafiose o a esse collegate, come ad esempio a Catania o a Napoli; in altri casi ancora, come quello del Genoa o della Lazio, sebbene non appaia ancora saldata la componente criminalità organizzata con quella della criminalità comune, le modalità organizzative e operative degli ultras vengono spesso mutuate da quelle delle associazioni di tipo mafioso. I comportamenti violenti e antisportivi vengono utilizzati come armi di pressione e di ricatto nei confronti dei club. Facendo leva sulla responsabilità oggettiva delle società gli ultras di fatto scambiano la garanzia di partite di calcio tranquille con notevoli vantaggi economici (dai biglietti omaggio al merchandising ai contributi per le trasferte).

Un ulteriore canale di infiltrazione mafiosa non meno preoccupante, riguarda la proprietà delle società di calcio, che possono diventare un canale di riciclaggio di capitali di provenienza illecita, si veda il recentissimo caso del Foggia calcio, oltre che fonte di ulteriore arricchimento per le attività economiche e finanziarie connesse. Ma investire in una squadra di calcio consente alle organizzazioni mafiose di acquisire anche consenso sociale e prestigio che aprono le porte a importanti relazioni anche con le istituzionali locali.

Una necessità è irrobustire l’attività di prevenzione e di controllo e di trovare gli opportuni strumenti, normativi e organizzativo-amministrativi, per rendere tutti i soggetti del mondo del calcio consapevoli del rischio di infiltrazione mafiosa e attrezzati a fronteggiarlo insieme alle istituzioni. Le proposte di intervento normativo, già avanzate nella relazione tematica, sono riproposte nella relazione finale e vanno dal rafforzamento del DASPO, con la creazione di un DASPO ‘interno’ per le società all’introduzione del reato di bagarinaggio fino all’inasprimento delle sanzioni della giustizia sportiva.

Sul piano più generale della governance e dei controlli nell’ambito dello sport, si auspica un ruolo del CONI più incisivo sul rispetto delle norme sulla trasparenza delle proprietà delle società e della normativa antimafia; il rafforzamento degli organismi di vigilanza e degli organi inquirenti previsti dall’ordinamento sportivo (procura federale, procura antidoping, COVISOC, COVISOD); il reinserimento della disposizione sul controllo preventivo dei capitali esteri (c.d.‘emendamento Bindi’); la tracciabilità dei flussi finanziari con riguardo alla costituzione delle società di calcio, alla cessione delle quote, alle transazioni per l’acquisto dei calciatori estendendo i presidi antiriciclaggio anche alle società di calcio. Infine, la commissione sottolinea l’urgenza di regolare in maniera più stringente il sistema delle scommesse legali prevedendo in particolare un divieto assoluto per le partite dei campionati dilettantistici, particolarmente vulnerabili e più esposti al fenomeno del match fixing, senza escludere un allineamento della tassazione delle scommesse ai livelli delle altre operazioni commerciali.

Inoltre, nell’Italia settentrionale, se alcune aree sono risultate più accoglienti e attrattive di altre, rispetto alla penetrazione della mafia, ‘nessun territorio può essere più considerato immune’. E’ quanto si legge ancora nella Relazione. ‘Si tratta di un movimento profondo e uniforme che interessa la maggioranza delle provincie settentrionali, con una particolare intensità in Lombardia, e che è stato favorito fino a tempi recenti da diffusi atteggiamenti di sottovalutazione e rimozione.

La colonizzazione ‘ndranghetista si è affermata a macchia di leopardo con una particolare predilezione per i comuni minori, che per molte ragioni (i piccoli centri della Calabria sono le roccaforti delle ‘ndrine, è più facile mimetizzarsi e più bassa la soglia di attenzione delle popolazioni) sono risultati più facilmente espugnabili. In questa avanzata i clan calabresi non hanno seguito la legge delle metropoli del riciclaggio ma quella che nella relazione viene chiama la ‘legge dei fortini’.

Estate INPSieme: aperte le selezioni per 450 giovani

Estate INPSieme: aperte le selezioni per 450 giovani

22 marzo 2018 |

Estate INPSieme è una iniziativa dell’INPS che ogni anno  bandisce borse di studio per soggiorni estivi di vacanza e studio in Italia, della durata di una o due settimane, e all’estero, della durata di due settimane.È un’opportunità interessante in cui ai momenti ricreativi e sportivi si alternano varie attività culturali, gite e, soprattutto per l’estero, lo studio di una lingua straniera. Una iniziativa che permette inoltre ai giovani disabili  la possibilità di avvalersi di assistenza continua di personale qualificato, con costi a carico dell’Istituto di Previdenza Sociale.

Proprio in quest’ottica le agenzie incaricate stanno reclutando personale da formare o qualificato che possa supportare l’iniziativa. Tra queste Phoenix Travel, del Gruppo San Marino Tourservice,  sta cercando giovani da destinare, in qualità di group leader o accompagnatore, ai soggiorni studio all’estero e alle vacanze in Italia organizzate dal Gruppo.

Requisiti indispensabili sono aver compiuto almeno 23 anni per i soggiorni studio all’estero e 21 anni per quelli in Italia, essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore e garantire una disponibilità minima di 15 giorni, dalla fine di giugno alla fine del mese di luglio.

L’operatore è anche alla ricerca di medici laureati ed iscritti all’Albo, che abbiamo una discreta conoscenza di una o più lingue tra inglese, francese, spagnolo (per centri all’estero) e la predisposizione al lavoro con gli adolescenti e al lavoro in team. L’età massima per candidarsi è di 60 anni.

Le giornate di recruiting

Tutti i candidati selezionati saranno invitati a partecipare a un incontro di selezione e formazione gratuito, della durata di un giorno, tenuto dal personale del t.o. che si terrà in diverse città italiane a partire dal mese di aprile.

La prima tappa delle selezioni è Milano sabato 7 aprile per le posizioni aperte all’estero, seguita da Roma il 13 aprile. Sempre nella Capitale il 13 maggio si terrà la selezione per le figure professionali da impiegare in Italia. Altre giornate sono previste a Napoli, Bologna, Bari, Cagliari e Catania.

Workshop a Torino sul riuso creativo: dalla bioarchitettura all’economia circolare

Workshop a Torino sul riuso creativo: dalla bioarchitettura all’economia circolare

14 marzo 2018 | ,
“Se cambi il modo di vedere le cose, le cose che vedi cambiano!”
Matteo Noceti
Vetro, plastica, legno, carta, cartone e altri materiali sono troppo preziosi per gettarli via: materiali che potremmo recuperare e riutilizzare grazie al riuso creativo per dare vita a molti progetti. 
Grazie al riuso creativo possiamo realizzare nuovi vestiti e accessori per noi e per la nostra casa, giocattoli per bambini, cucce per gli animali domestici, vasi per il nostro orto, cornici e portaoggetti, tappetini, tendaggi, mobili fai-da-te e tanto altro ancora.
Reland è nata proprio per sviluppare i concetti alla base dell’economia circolare, quella secondo la quale i “rifiuti”non sono da considerarsi scarti bensì futuri oggetti di quotidiana utilità.
Basatosi inizialmente sullo studio della Bioarchitettura Earthship, con il tempo il progetto si è evoluto, ampliando il proprio raggio d’azione all’intero mondo dei materiali di scarto come elementi di uso quotidiano, artistici e di design.

WORKSHOP A TORINO  SUL RIUSO CREATIVO E… GIOSTRA MUSICAL 
Sabato 17 marzo 2018
OffGrid Italia
Via Santa Maria Mazzarello 30 int. 23 – Torino
ore 9.00 -18.00

Il workshop del 17 marzo vi darà un’ottima occasione, oltre a conoscere il progetto, anche per presentare “La Giostra Musical”, spettacolo sviluppato da giovani autori ed artisti emergenti, in collaborazione al Museo dell’Ambiente di Torino.

Discipline che abbiamo incluso nel progetto di punta dell’associazione: Reland parco sperimentale. La Giostra Musical racconta il tema del cambiamento esistenziale dei personaggi, dal successo alla disgrazia e il loro cambio di prospettiva. 

Una storia inedita (e già questo fa notizia, in Italia), musiche autoprodotte e soprattutto scenografie realizzate esclusivamente con materiali di recupero.  I personaggi migliorano la loro condizione di vita come i materiali di scarto trasformati acquisiscono la dignità perduta come elementi di design. 
Esattamente quello che succede a molti rifiuti, a cui si nega una seconda opportunità. Questa analogia tra il decadimento personale e quello materiale ha convinto i due gruppi a collaborare per dare vita ad un progetto in comune.
Passione, soddisfazione e motivazione sono alcune delle leve che dovrebbero muovere il mondo. Spinti da queste potenti energie, OFFGRID e la Giostra Musical, due realtà torinesi con scopi apparentemente diversi, hanno messo insieme le loro unicità per dare vita ad un incredibile workshop di riuso creativo.

Il workshop ti permetterà di costruire gli arredi per la scenografia di un musical, con materiale di scarto. OFFGRID Italia sensibilizza costantemente sui temi del vivere a basso impatto ambientale quali la bioarchitettura, il design e il riuso creativo. 

In questo modo, chiunque potrà provare la soddisfazione di trasformare un materiale inutilizzato da problema a risorsa che viene valorizzata e ricollocata.

Il menu è ricco, l’appuntamento è fissato: ci vediamo sabato 17 marzo presso OffGrid Italia in Via Santa Maria Mazzarello 30 interno 23, ore 9 a Torino.

 

Verranno costruiti gli arredi per la scenografia dello spettacolo. Inizio ore 9 fine ore 18. 

Fasi del workshop: 
  • breve introduzione al musical
  • lettura e presa visione delle bozze e dei disegni degli scenografi
  • divisione materiali per ogni elemento scenografico
  • assegnazioni: poltrone, luci ribalta, lampade, sedute assemblaggio materiali (pneumatici, telai bicicletta, pallet) decorazioni e rifiniture

Ingresso gratuito 
Nuove regole per la concessione e gestione del credito e opportunità per le imprese

Nuove regole per la concessione e gestione del credito e opportunità per le imprese

5 marzo 2018 | , ,

Intervengono

Corrado Alberto – Presidente API Torino
Giuseppe Gargano – Banca d’Italia sede di Torino
Guglielmo Belardi – Mediocredito Centrale S.p.A.
Fabio Cutrera – Direttore ConfapiFidi S.C.

Seguirà un aperitivo

Mercoledì 7 marzo 2018 – ore 11.00 API Torino, Sala “A.Busso” – Via Pianezza, 123 Torino

La partecipazione al Convegno è gratuita.

Si invitano le aziende a confermare la partecipazione
alla Segreteria del Servizio Credito e Finanza al numero 011 4513.203 oppure via mail al seguente indirizzo [email protected] indicando il nominativo dell’impresa, dei partecipanti all’incontro con un recapito telefonico.

CIOFS modello per la formazione nelle ICT

CIOFS modello per la formazione nelle ICT

21 febbraio 2018 | , ,

Un sito web sui i pericoli sociali per i più giovani e su come affrontarli, realizzato dagli allievi del CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE “ISTITUTO SANTA TERESA” in VIA PALAZZO DI CITTÀ 5 a CHIERI (TO) si è aggiudicato questo mese il primo premio nazionale AICA CONFAP 2017

Rischi e Pericoli dal Reale al Virtuale(www.rischiepericolidalrealealvirtuale.blogspot.it)  è il blog realizzato durante il Corso Operatore ai servizi di Vendita 2ª – Anno scolastico 2016-2017 nel quale gli studenti spiegano le “minacce” alle quali è possibile imbattersi sia nel mondo reale (tabacco, bulimia, anoressia) che nel mondo virtuale della rete (cyberstalking, cyberbullismo, bufale in rete). Un sito che vuole spiegare ai più giovani  non a diffidare dei nuovi media telematici, ma anzi ad a utilizzarli  come strumento di pratica per contrastare fenomeni di illegalità in un mondo in evoluzione rapida e continua nel quale dobbiamo abituarci a convivere.

Finalità del concorso è stato favorire lo sviluppo di competenze degli studenti per l’approccio alle ICT e la promozione di percorsi formativi innovativi che tramite l’uso delle nuove tecnologie favoriscano lo sviluppo delle capacità critiche e creative dei ragazzi.

Ma anche favorire competenze nell’utilizzo di strumenti indispensabili per i futuri cittadini  lavoratori di un mondo sempre più complesso e interconnesso, in modo che siano da soli in grado di aumentare la propria consapevolezza e maturità digitale.

La direttrice Suor Monica Roncari

La direttrice Suor Monica Roncari

“Un progetto che rispecchia quella che è la nostra missione salesiana -spiega Suor Monica Roncari  direttrice dell’Istituto – I giovani che si impegnano ad aiutare altri giovani e nel contempo si preparano ad affrontare il mondo del domani oltre ad affinare pratiche promettenti in ambito lavorativo, educativo e formativo.

Dopo il Premio europeo vinto il mese scorso come centro di eccellenza nella formazione nella Peer Education, questo riconoscimento nazionale consolida il nostro obiettivo.

Oggi l’istituto chierese  offre infatti numerosi corsi professionalizzanti con l’obiettivo di dare ai ragazzi le conoscenze per entrare più facilmente nel mondo del lavoro: per questo sono fondamentali gli stage in azienda e le “esperienze sul campo”

Il lavoro è stato svolto su temi oggetto di studio negli anni scolastici precedenti attraverso la produzione di videoclip, percorsi multimediali, prodotti offline o online, fruibili dai principiali browser internet. L’idea di fondo realizzata insieme agli studenti del CIOFS FP– Piemonte di Chieri è stato quella di raccogliere le più corrette informazioni su fenomeni tipici della adolescenza: bullismo, alcolismo, tabagismo, ecc. ma anche la capacità di distinguere notizie vere dalle cosiddette “bufale” (o fake news), sempre più diffuse sui social anche su argomenti delicati, come la salute e i comportamenti devianti.

I video e il miniblog sono stati realizzati, durante il corso di webmarketing e comunicazione con l’aiuto della professoressa Annalisa Panero e la professoressa Anna Varetto. Queste ultime hanno illustrato  alcune procedure per difendersi dai pericoli “reali e virtuali” che la vita di un giovane incontra negli anni della sua adolescenza. “Supervisor” dell’intero progetto la Direttrice del Centro di Formazione Suor Monica Roncari.

Prof.ssa Annalisa Panero

Prof.ssa Annalisa Panero

“Bullismo, e ora Cyberbullismo, è un fenomeno sempre in crescita – spiega la professoressa Annalisa Panero – soprattutto nelle scuole. Abbiamo cercato con i ragazzi di individuare le ragioni del comportamento del bullo e qual è il ruolo del genitore per prevenire tale fenomeno.

Lo stesso abbiamo fatto per lo Stalking e il Cyber-Stalking. Sono fenomeni sempre esistiti ma che stanno avendo una crescente evoluzione anche grazie alla diffusione e pervasività delle telecomunicazioni digitali”. 

 

 

Prof.ssa Anna Varetto

Prof.ssa Anna Varetto

Disordini alimentari – racconta la professoressa Anna Varetto – come l’anoressia e la bulimia nervosa, ma anche disordini alimentari o abusi di sostanze come l’alcool o il fumo, sono le manifestazioni più note e frequenti, e sono diventati nell’ultimo ventennio una vera e propria emergenza di salute mentale per gli effetti devastanti che hanno sulla salute e sulla vita di adolescenti e giovani adulti.

Il progetto “Rischi e Pericoli dal Reale al Virtuale” ha dato modo ai ragazzi di confrontarsi e di lavorare insieme su problemi di attualità e di raggiungere competenze utili per affrontarli” .

Ricordiamo infine che il Centro di Formazione Professionale del Santa Teresa è stato premiato poco più di un mese fa con un altro premio prestigioso: l’Equity Partecipation Decision Making Award, un concorso europeo che aveva l’obiettivo di scoprire e valutare pratiche promettenti di promozione della partecipazione in ambito lavorativo, educativo e formativo. Premiazione che è avvenuta a Roma il mese scorso. La “peer education” del Ciofs di Chieri è attiva dal 2008 ed è stata selezionata con uno dei quattro progetti che possono essere presi come modello ripetibile in qualsiasi contesto formativo nel Vecchio Continente. Grazie alla collaborazione del Comune, delle scuole superiori del Chierese e di alcune associazioni presenti nelle parrocchie, da nove anni il Ciofs si occupa della formazione dei “peer educator”: ragazze e ragazzi di terza e quarta superiore che, volontariamente, imparano come relazionarsi con gli studenti del biennio o con quelli di terza media, per aiutarli nello studio e nell’integrazione a scuola.

Un Istituto, quello del Ciofs del Santa Teresa di Chieri, che aiuta i giovani a prepararsi e a confrontarsi su qualsiasi tipo di problema: dalle difficoltà con lo studio ad eventuali situazioni di bullismo o alle minacce che purtroppo il mondo moderno sottopone i nostri ragazzi, formando persone in cui i valori evangelici si concretizzano mediante l’impegno per migliorare la terra e la società.

Claudio Pasqua

Il docente Claudio Pasqua, coord. tecnico del progetto

Una bellissima esperienza, con insegnanti che si dedicano alla Formazione Professionale presso il CIOFS del Santa Teresa di Chieri, luogo di eccellenza per la formazione professionale e per avere una chance nel mondo del lavoro. Un Istituto che si ispira al modello salesiano che ha come motto ‘Buoni Cristiani e Onesti Cittadini’ e che, grazie a concorsi come quello di Confap-Aica, stimolano la creatività e un pizzico di sana competizione per acquisire sicurezza in se stessi.

Classi con persone meravigliose, che con impegno, passione e speranza per il futuro, hanno affrontato questi mesi intensi di studio e con ottimi risultati. Questi risultati offrono molta fiducia per il loro futuro lavorativo. Un ringraziamento particolare va a Suor Monica Roncari che ha lanciato per prima l’idea di iscriversi a questo concorso e senza la quale non sarebbe stato possibile  raggiungere questo risultato.

Il progetto: Rischi e Pericoli dal Reale al Virtuale

 

La truffa marchiata “Enel Energia” che arriva da Torino

La truffa marchiata “Enel Energia” che arriva da Torino

9 febbraio 2018 |
Fate attenzione se dicono di chiamare da ENEL, ENEL ENERGIA, GAS o compagnie telefoniche, spacciandosi per operatori di queste stesse compagnie, proponendo un cambio del contratto. In nessun caso – spiega la stessa ENEL –  è obbligatorio cambiare contratto.
 .
Ci scrive un lettore in data 8 febbraio 2018 
 .
Mi ha chiamato un signore sul cellulare dal numero 011 0243754.  che mi ha tenuto un quarto d’ora descrivendomi che era necessario fare il passaggio da Enel a Enel Energia, perché l’azienda era entrata nel mercato libero. Aveva il mio nominativo e sapeva che avevo stipulato un contratto con ENEL
Alla mia domanda su cosa potesse succedere se non facevo nulla e mantenevo il vecchio contratto potevo arrivare a pagare circa il doppio di quanto pago ora mentre se facevo il passaggio di contratto avrei pagato il 20% in meno.
Mi ha prospettato di mandarmi un “corriere” con il nuovo contratto ma voleva il mio numero di carta di identità. Al mio rifiuto ha detto che non poteva inviarmi il corriere.
Alla mia precisazione che volevo PRIMA vedere il contratto e solo DOPO alcuni giorni dopo averlo letto avrei deciso, ha risposto che loro NON procedono in questo modo.
In pratica io avrei dovuto firmare il giorno stesso in cui il loro incaricato sarebbe passato.
Ovviamente ho rifiutato di dare qualsiasi dato.
Finita la telefonata ho cercato su Google il suo numero 0110243754 e ho trovato sul sito di una associazione dei consumatori  altre persone che avevano ricevuto il giorno stesso la stessa telefonata
Poi ho cercato sul sito ENEL  “Attenzione alle truffe: i consigli di Enele ho visto confermati i miei dubbi

 .

SUL SITO ENEL SI LEGGE TRA LE ALTRE COSE CHE 
  .
Può capitare che il tentativo di truffa venga effettuato al telefono. Se la voce dall’altra parte della cornetta dice di chiamare per conto di una delle società di Enel, per non correre rischi è bene richiedere all’interlocutore il nome e il codice identificativo o matricola. Gli operatori di teleselling (vendita telefonica) di Enel Energia chiamano dal numero 02-94320, mentre gli operatori di Customer Care (servizio clienti) di Enel Energia chiamano dai numeri 06-87962, 02-91710 e 081-18762. È importante tenere a mente che in nessun caso è obbligatorio cambiare contratto: il cliente è sempre libero di decidere se aderire o meno alle offerte che gli vengono proposte.
  .

ATTENZIONE

È possibile che i vostri dati siano stati venduti ad operatori di terze parti. In caso di dubbi fate una segnalazione al Garante della privacy:  www.garanteprivacy.it

L’Associazione Outsider del Cottolengo a Paratissima13 e The Others

L’Associazione Outsider del Cottolengo a Paratissima13 e The Others

30 ottobre 2017 |

Outsider si ripresenta nelle due importanti fiere d’arte e cultura emergente e contemporanea di Torino con un progetto artistico, due progetti espositivi e un’esperienza sensoriale. Cultura e creatività continuano a testimoniare l’inclusione, l’integrazione e la realtà outsider offrendo nuovi punti di vista per approcciarsi all’arte con spontaneità e da nuove prospettive. Il clailiberi di guardarem che accompagna Outsider negli eventi torinesi dell’arte contemporanea è lo stesso delle edizioni precedenti – “LIBERI DI GUARDARE”– per confermare ancora una volta che siamo tutti liberi di guardare e vivere l’arte al di là di stereotipi e barriere culturali.

L’Associazione Outsider onlus sarà presente a
PARATISSIMA 13 dal 1 al 5 novembre 2017 | Ex Caserma La Marmora – Via Asti 22
THE OTHERS 2017 dal 2 al 5 novembre 2017 | Ex Ospedale Regina Maria Adelaide – Lungo Dora Firenze 87

L’Associazione Outsider onlus si ripresenta a PARATISSIMA per il terzo anno consecutivo con il progetto artistico NESSUN UOMO È UN’ISOLA, un invito a farsi fotografare attraverso una cornice, con lo sfondo di immagini che ritraggono i volti degli outsiders – artisti, creativi e persone coinvolte nella realtà di Outsider – in una scenografia colorata che evidenzia l’importanza del rapporto con gli altri. L’idea alla base del progetto è il valore della relazione e l’importanza di far parte di una collettività. Partendo da un punto di vista soggettivo in cui l’individuo è il protagonista (il soggetto della fotografia) si arriva poi a sottolineare l’importanza del legame con gli altri e con il mondo in cui viviamo e riposizionare la persona al centro della collettività ( lo sfondo in cui viene inserito). Citando John Donne “Nessun uomo è un’isola, intero in se stesso […]e tutti partecipiamo dell’umanità”. La fotografia verrà stampata sul momento e consegnata ai visitatori con l’invito a postarla sui social network, amplificando il messaggio di inclusione, condivisione e partecipazione alla base del progetto e di tutte le iniziative dell’associazione.

Nello spazio espositivo inoltre verrà presentata una selezione di opere dei progetti di Outsider, ovvero A.M.A – un percorso di storia dell’arte semplificata e laboratorio artistico inerente ai temi trattati – e l’Outart Group – il collettivo di creativi con e senza disabilità di Outsider, per continuare a promuovere, in questa nuova edizione di Paratissima, il messaggio di inclusione e arte partecipata dell’associazione.

L’Associazione Outsider onlus sarà presente alla fiera d’arte contemporanea THE OTHERS – con l’esperienza artistico-sensoriale SKYDREAM. Dopo la felice partecipazione all’edizione 2015, Outsider si ripresenta a THE OTHERS con un nuovo progetto, frutto di questi anni di ricerca e crescita artistica. Skydream è un percorso di immaginazione e stimolazione sensoriale collegato alle opere d’arte dell’ Outart Group, il collettivo di creativi con e senza disabilità dell’associazione. Le esperienze sensoriali vengono proposte al pubblico durante eventi, fiere d’arte, festival e appuntamenti culturali , per fruire dell’arte attraverso più sensi. Voci, suoni, profumi, melodie e sensazioni accompagnano il pubblico bendato tra le suggestioni che hanno ispirato le opere o sono collegate alla visione delle stesse. Alcune esperienze sensoriali sono state proposte a THE OTHERS 2015, al FESTIVAL COLLISIONI 2016, a PARATISSIMA XII, COTTOLENGO PORTE APERTE 2017, a GUARDAMI OLTRE – SANREMO 2017 e al FESTIVAL COLLISIONI 2017 ed hanno incuriosito e coinvolto il pubblico, invitandolo a riflettere sull’importanza dell’acquisizione di nuovi punti di vista. SKYDREAM è un percorso suggestivo per immaginare il cielo e l’arte, un’esperienza di inclusione, confronto e apertura, valori fondanti dell’associazione e che Outsider porta avanti da anni con le sue molteplici attività. Le opere dell’ Outart Group collegate all’esperienza sensoriale saranno esposte all’interno dello spazio di Outsider a THE OTHERS e presentate al pubblico al termine di ogni percorso. SKYDREAM e il progetto OUTART GROUP sono frutto della direzione artistica dell’Associazione Outsider.

ASSOCIAZIONE OUTSIDER ONLUS

L’Associazione Outsider onlus nasce nel 2003, all’interno del Cottolengo di Torino, come risposta all’esigenza di integrazione delle persone disabili e in condizione di svantaggio. Forte dell’esperienza del Cottolengo, che da 180 anni si dedica al sostegno delle persone con disabilità, l’Associazione Outsider onlus è diventata un importante luogo di aggregazione, di libera espressione artistica e di crescita culturale, in cui le molte attività proposte sono un ottimo antidoto all’isolamento e una fonte di realizzazione personale e sociale.

La direzione artistica dell’Associazione Outsider è di Fratel Marco Rizzonato, Veronica Perrone e Margherita Bignamini.

PARATISSIMA 13 | 1-5 novembre 2017 – Ex Caserma La Marmora- Via Asti 22 ,Torino
THE OTHERS 2017 | 2-5 novembre 2017- Ex Ospedale Regina Maria Adelaide – Lungo Dora Firenze 87 Torino

Per informazioni sugli orari dell’esperienza sensoriale SKYDREAM a THE OTHERS vi preghiamo di consultare il sito dell’associazione e la nostra pagina facebook.

Per maggiori informazioni:
EMAIL: [email protected] SITO: www.associazioneoutsider.it INFO: 011.5225555 | 345. 5123257
Associazione Outsider onlus – Via Cottolengo, 14 – 10152 Torino

Le opere esposte alle fiere sono state realizzate da persone con disabilità con il sostegno e la guida di volontari e insegnanti qualificati e sono acquisibili attraverso un’offerta che finanzierà i progetti sociali dell’Associazione Outsider e del Cottolengo.

Ringraziamo tutti coloro che, a vario titolo, sostengono l’Associazione Outsider.

API Torino cerca imprese virtuose in Piemonte che siano di esempio per tutti. Al via l’edizione 2017 del Premio “Chiave a stella”. E’ possibile candidarsi

API Torino cerca imprese virtuose in Piemonte che siano di esempio per tutti. Al via l’edizione 2017 del Premio “Chiave a stella”. E’ possibile candidarsi

23 maggio 2017 | , ,

È stato  pubblicato il bando per concorrere all’edizione 2017 del Premio “Chiave a stella”. Premio che verrà attribuito a due aziende del Piemonte che si siano contraddistinte per la capacità di esprimere e coniugare (altro…)

A Business Bridge to the U.S.A.

A Business Bridge to the U.S.A.

17 febbraio 2017 | ,
Come affrontare il mercato americano dopo la “novità” Trump ? L’incontro presenterà le opportunità di insediamento e di mercato offerte dalla Città di Akron (Ohio), una delle aree urbane più avanzate dal punto di vista dell’accoglienza delle imprese.

(altro…)

Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne

Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne

8 novembre 2016 | ,

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Centinaia di iniziative sono state organizzate in tutta Italia per dire ‘no’ alla violenza di genere.

stalking-donneLa città di Chieri, per l’edizione 2016, propone un momento di conoscenza alla cittadinanza attraverso l’incontro e la presentazione del libro
Stalking. Il lato oscuro delle relazioni interpersonali
A cura dell’avvocato Valeria Giacometti

Valeria Giacometti: avvocato penalista iscritta nel Foro di Ivrea, studiosa e cultrice della criminologia applicata ai crimini contro la persona e ai reati violenti, perito esperto in tecniche di prevenzione del crimine iscritta alla Camera di commercio di Verona, mediatrice civile e commerciale, saggista, redattrice della testata giornalistica l’Altra Pagina e componente di redazione per la rivista giuridica bimestrale “Ratio legis”.

L’appuntamento ha l’obiettivo di divulgare un tema ancora oggi poco conosciuto. Nello specifico, nella prima parte, l’autore si spoglia parzialmente della sua veste di avvocato, per analizzare in chiave psico-giuridica i moti interiori che portano il soggetto agente a mettere in atto tutta una serie di comportamenti che insieme ledono e colpiscono la vittima, rendendo a questa impossibile non modificare le proprie abitudini di vita. La seconda parte si concentra su una visione prettamente giuridica della questione e sui principali aspetti del reato dalla giurisprudenza in materia, evidenziando luci ed ombre dell’art. 612bis.

L’iniziativa viene svolta in collaborazione con la Cooperativa Mirafiori e l’Associazione “Quelli che…Cesare Lombroso”.

Introduce la Vice Sindaco e Assessora alle Pari Opportunità Manuela Olia, modera l’incontro l’investigatore criminologo Biagio Fabrizio Carillo.