Quantcast
Rifiuti Zero Piemonte: Iren mira a diventare la Multiservizi del Nord Ovest, serve una gestione dei servizi vicina ai cittadini e alle amministrazioni

Rifiuti Zero Piemonte: Iren mira a diventare la Multiservizi del Nord Ovest, serve una gestione dei servizi vicina ai cittadini e alle amministrazioni

21 aprile 2017 | , ,
Rifiuti Zero Piemonte scrive una lettera aperta in cui parla delle operazioni di aggregazione di aziende del settore dei servizi e dei rifiuti nel nordovest.
Dopo ATENA di Vercelli ora tenta di mettere le mani su AMIU di Genova e ACAM di La Spezia. È un altro tassello della politica governativa che vuole spartire il mercato italiano dei servizi pubblici locali fra 4 grandi società Multiservizi , assegnando a IREN il Nord Ovest . Un piano che, tramite  fusioni e aggregazioni,  comporterà la definitiva consegna dei beni comuni ai capitali finanziari. L’annuncio di questa tendenza fu esplicitamente auspicato già nell’assemblea che deliberò la fusione di Iride in IREN da parte del rappresentante di un socio finanziario estero . Tendenza che a Torino è stata pubblicamente sostenuta anche dall’ amministrazione Fassino. Ma lungi dal creare valore in quelle aziende, la finanza speculativa se ne impadronisce a danno della Città, degli utenti, dei lavoratori dipendenti dalle aziende stesse.
D’altra parte IREN ha bisogno come il pane dei rifiuti di Genova per assicurarsi un aumento della “produttività” del suo inceneritore del Gerbido (Torino).  Più rifiuti = più fatturato = più profitti e dividendi per la proprietà.

E l’esatto contrario della politica ambientale che noi sosteniamo,  fondata sulla riduzione dei rifiuti e sul loro recupero. La stessa maggioranza comunale di  Genova è spaccata e per ben due volte ha bocciato il progetto di aggregazione IREN-AMIU.  Il Sindaco uscente  però non demorde e ripresenta  per la terza volta al Consiglio comunale la delibera di aggregazione IREN-AMIU per il 27 aprile prossimo,  tre giorni prima della sua decadenza – l’11 giugno  a Genova si voterà per il rinnovo del Consiglio comunale – e mettere così la nuova maggioranza di fronte al fatto compiuto. Si parla di tentativi in atto di conquistare il consenso di qualche consigliere finora riluttante con la promessa di qualche candidatura (o di una futura poltrona). La città di Genova sta esprimendo un  forte movimento di opposizione alla cessione di AMIU a IREN.

Ne condividiamo tutte le ragioni e considerato che la Città di Torino detiene ancora il 18% di IREN invitiamo il Consiglio comunale di Torino a chiedere a IREN di cambiare rotta perché
– è necessario dare seguito alla volontà popolare espressa con il referendum del 2011 e quindi sottrarre i servizi pubblici alle logiche di mercato e di profitto,

– la dimensione territoriale ampia della Multiservizi diluisce ulteriormente il controllo da parte dell’ente locale,
– l’unico ruolo in cui verrebbe esaltata la funzione dell’ente locale  è quella di azionista interessato  esclusivamente all’incasso dei dividendi e al valore del titolo,
– in un momento come questo, trasformare una realtà di produzione di servizi in un luogo di “creazione di valore”, come ripetutamente affermato dai propugnatori di questa ipotesi, ha effetti nefasti anche in termini economici generali (riduzione dell’occupazione, dilazione degli investimenti e aumenti tariffari che aggravano anziché contrastare la crisi economica),
– la Multiservizi diventa un’azienda estranea alle città interessate, che espropria i consigli comunali dei loro poteri e allontana le decisioni dal controllo democratico.

Oggi serve una gestione dei servizi prossima ai cittadini e alle amministrazioni locali, per garantirne la trasparenza e la partecipazione alla gestione.

Una nuova EcoIsola RAEE a Torino

Una nuova EcoIsola RAEE a Torino

12 gennaio 2017 | ,

Aumentano in Piemonte i cassonetti intelligenti per la raccolta di cellulari, piccoli elettrodomestici e lampadine a risparmio energetico: i rifiuti elettronici si raccolgono (altro…)

Terra Madre Salone del Gusto 2016: obiettivo superare il 70% di raccolta differenziata

Terra Madre Salone del Gusto 2016: obiettivo superare il 70% di raccolta differenziata

22 settembre 2016 | ,

Il Gruppo Iren è coinvolto in Terra Madre Salone del Gusto 2016 per ridurre l’impatto ambientale della manifestazione.  Amiat, partner tecnico dell’evento, si occuperà della (altro…)

#UnSaccoGiusto: la campagna contro i sacchetti di plastica illegali

#UnSaccoGiusto: la campagna contro i sacchetti di plastica illegali

10 giugno 2016 |

E’ partita la campagna #UnSaccoGiusto che vuole raccontare che  cosa si nasconde dietro un semplice sacchetto di plastica per la spesa, e se è possibile immaginare che la mano della (altro…)

Pro Natura Piemonte e Rifiuti Zero Piemonte chiedono chiarimenti sulla futura gestione dei rifiuti a Torino

Pro Natura Piemonte e Rifiuti Zero Piemonte chiedono chiarimenti sulla futura gestione dei rifiuti a Torino

23 gennaio 2016 | ,

Pro Natura Piemonte e Rifiuti Zero Piemonte hanno indirizzato una lettera al Sindaco, alla Giunta e ai Consiglieri comunali di Torino, al Sindaco, agli Assessori e ai Consiglieri della Città Metropolitana, al (altro…)

Una campagna per educare i cittadini a riciclare il Pet in montagna

Una campagna per educare i cittadini a riciclare il Pet in montagna

19 dicembre 2015 | ,

Educare i cittadini al valore del PET e all’importanza del suo riciclo, anche sulle piste da sci. E’ questa la campagna di Levissima che in Lombardia, Valle d’Aosta e Piemonte invita (altro…)

Anche la Regione Piemonte aderisce alla rete Sprecozero

Anche la Regione Piemonte aderisce alla rete Sprecozero

21 settembre 2015 | , ,

La rete degli Enti territoriali in lotta contro tutti gli sprechi ha registrato l’adesione della Regione Piemonte alla rete Sprecozero.net che intende favorire la condivisione delle buone pratiche contro lo (altro…)

Legambiente ed EcoTyre raccolgono Pneumatici Fuori Uso per avviarli al riciclo

Legambiente ed EcoTyre raccolgono Pneumatici Fuori Uso per avviarli al riciclo

20 ottobre 2014 | ,

pfuGrazie al lavoro di decine di volontari di Puliamo il Mondo, EcoTyre ha raccolto, nel corso di un’attività volontaria e straordinaria, numerosi Pneumatici Fuori Uso (PFU)  abbandonati, di cui alcuni di grandi dimensioni, nei Comuni di Chivasso e Castagneto Po. Dopo un lavoro di alcuni giorni, tutti i rifiuti sono stati caricati sui camion di EcoTyre, il Consorzio, con sede a Vinovo, specializzato nel trattamento di questa tipologia di rifiuto, e sono stati tutti avviati al corretto recupero, a costo zero per le casse delle Amministrazioni Comunali. Gli PFU verranno triturati per ottenere granulati di gomma di dimensioni sempre minori. (altro…)

Con Buttabene a Grugliasco i cittadini sono assistiti nella raccolta differenziata

Con Buttabene a Grugliasco i cittadini sono assistiti nella raccolta differenziata

19 novembre 2013 | ,

bidoniGrazie al nuovo servizio ButtaBene, il comune di Grugliasco offre un servizio rivolto ai propri cittadini. ButtaBene, infatti, è un nuovo servizio gratuito per i cittadini, che con facilità fornisce spiegazioni e chiarimenti sul riciclo dei materiali e un memorandum sul calendario di raccolta settimanale. I cittadini potranno accedere al servizio senza alcuna spesa e potranno consultare anche mappe e informazioni sulle isole ecologiche del territorio, fare richieste e avvalersi di un valido supporto nella quotidiana pratica della raccolta differenziata. (altro…)

Busta di plastica? No, grazie. È la settimana di “Porta la Sporta”

Busta di plastica? No, grazie. È la settimana di “Porta la Sporta”

16 aprile 2012 | ,

146 miliardi 173 milioni 274 mila 646… 823… 935…
Il contatore va avanti ad un ritmo impressionante, non si riesce a stargli dietro ma è ipnotico. Il mio fidanzato mi si avvicina per vedere cosa sto fissando da 5 minuti sullo schermo del computer, e, leggendo di che si tratta, si lascia andare a un’esclamazione poco elegante.
È il numero di buste di plastica consumate nel mondo dall’inizio di quest’anno. Ho fatto due conti: considerato che siamo a metà aprile, significa che ogni giorno vengono usate circa 1 miliardo e 400 milioni di buste, più di 500 miliardi in un anno.

Il dato, o meglio, l’incessante conteggio si trova sul sito di Porta la Sporta, progetto di educazione ambientale promosso dall’Associazione Comuni Virtuosi, che comprende una cinquantina di aderenti in tutta Italia.
Per il terzo anno l’Associazione ha lanciato la settimana di “Porta la Sporta”, che da sabato 14 a domenica 22 aprile, al motto di “Ricominciamo a riusare. Meno plastica per tutti!”, riunisce 100 comuni, 14 province e molte grandi catene e aziende di distribuzione. Anche la Regione Piemonte e la Provincia di Torino hanno aderito, e per il primo anno partecipano alla manifestazione la sede torinese di Eataly e l’8 Gallery del Lingotto.

(altro…)

L’arte del riciclo e le leggi di Lavoisier

L’arte del riciclo e le leggi di Lavoisier

18 marzo 2012 |

“Nulla si crea nulla si distrugge”, Lavoisier XVIII secolo.
Dalle pagine del libro di fisica, la prima legge della termodinamica arriva in genere come una doccia fredda. Autoritario elogio dello status quo, suona tanto come un perentorio “Non toccate niente, guai a voi!”.
Per fortuna, subito dopo la virgola, Lavoisier ci riserva un colpo di scena che ribalta ogni cosa: “Tutto si trasforma”, aggiunge sornione, aprendo le porte dell’universo all’energia. Immediatamente si spalanca un mondo di possibilità, e poco importa se nulla si crea, perché trasformazione diventa sinonimo di creazione.

Perdonate la premessa tra l’amarcord e il filosofico, ma era dovuta, dal momento che praticamente ogni ente, associazione o azienda che si occupa di riciclo cita la legge di Lavoisier come motto o principio fondante.
Non fa eccezione – e a ragione – il Museo del Riciclo, visionario progetto online lanciato due anni fa e oggi arrivato al traguardo dei due milioni di click. A ragione, dicevo, perché museodelriciclo.it è nato proprio come una vetrina, virtualmente infinita e in continua crescita, della creatività che trasforma le cose, regalando nuova vita ad oggetti destinati alla discarica.

(altro…)