Il video dei vigili del fuoco che salvano un gatto incastrato su un balcone

I Vigili del fuoco sono intervenuti a Lavena Ponte Tresa per soccorrere un gatto incastrato nelle balaustre a vetro di un’attività commerciale. Con l’ausilio di alcuni cuscini pneumatici, le squadre intervenute sono Leggi tutto “Il video dei vigili del fuoco che salvano un gatto incastrato su un balcone”

Il gatto finisce nel recinto della tigre e deve provare a salvarsi la vita

Non sappiamo se il gatto protagonista di quest’avventura sia infine riuscito a salvarsi la vita. Il micio è in qualche modo finito nel recinto della tigre e si è trovato ad interpretare la parte del… topo! Leggi tutto “Il gatto finisce nel recinto della tigre e deve provare a salvarsi la vita”

Che ne direste di far imbalsamare il vostro gatto o clonare il cane di famiglia?

 Un tempo toccava a poveri cervi, stambecchi, tartarughe esotiche, etc. a finire sulle pareti di qualche salotto, imbalsamati e in bella mostra, oggi anche gli animali domestici, i cosiddetti pet, seguono la stessa sorte. Si sa, all’amor non si comanda e, in certe occasioni, l’eccesso non è solo moda, ma anche ossessione, o affetto all’ennesima potenza, a seconda della propria opinione, ragion per cui non stupisce che, sempre più persone, dopo una grave perdita dell’amato cane o gatto, decidano di imbalsamare l’estinto. E’ un modo per avere Fifì o Rex sempre accanto a se. La tendenza spopola molto anche in Italia e più il tassidermista è bravo, professionale e fa un lavoro di pregio, ovvero fa sembrare viva la bestiola, più il costo dell’opera aumenta. Leggi tutto “Che ne direste di far imbalsamare il vostro gatto o clonare il cane di famiglia?”

Decalogo del Ministero della Salute per affrontare la stagione calda senza malesseri per Fido e Felix

cane-caldoL’estate è alle porte, come ogni anno in questo periodo d’altronde e per i felici proprietari bipedi di cani e gatti, soprattutto i neo proprietari, è il momento di valutare alcune piccole, ma importanti regole comportamentali per aiutare gli animali ad affrontare la stagione calda senza disagi. Il Ministero della Salute pubblica sul proprio sito web un decalogo di consigli. Il caldo molto intenso e afoso, specie se con un elevato tasso di umidità, può essere un pericolo per Fido e Felix che possono andare incontro a colpi di calore o di sole. Cani, gatti, uccellini e altri piccoli animali d’affezione non sudano come noi umani, ma sono dotati di un sistema che raffreddi la temperatura corporea, che in pratica funga da ventilazione tramite frequenti e ritmati atti di respirazione. Leggi tutto “Decalogo del Ministero della Salute per affrontare la stagione calda senza malesseri per Fido e Felix”

Allergici al pelo di Felix? Niente paura, il gatto di razza Ashera è ipoallergenico e “prodotto” in laboratorio

gattoMolte persone, loro malgrado, devono rinunciare a condividere vita e casa con un gatto a causa di allergie al suo pelo, provocate dalle ghiandole sebacee della saliva. Naso gonfio, occhi arrossati, starnuti, asma, insomma ognuno soffre a modo proprio di allergia a Felix, ma ora il rimedio c’è e non si tratta di un farmaco, bensì di un gatto ipoallergenico! Letteralmente. La società americana Lifestyle Pets ha creato in laboratorio un ibrido anti allergie, un gatto che non provoca allergie. Ha l’aspetto, elegante e raffinato, di un piccolo leopardo con il pelo maculato ed è frutto di una serie di incroci genetici tra alcuni felini selvatici con il gatto Bengala e il serval africano. Leggi tutto “Allergici al pelo di Felix? Niente paura, il gatto di razza Ashera è ipoallergenico e “prodotto” in laboratorio”

Vizi e capricci di Felix tra ciotole riscaldanti e fontanelle per l’acqua

 Il vostro gatto beve poco? mangia con difficoltà trascinandosi la ciotolina in giro per casa? c’è una soluzione ad ogni problema, piccolo o grande. Se Felix ha poca sete e il veterinario, specie se per motivi di salute, ad esempio relativi alla presenza di cristalli di struvite nelle sue urine, vi consiglia si invogliarlo a dissetarsi, allora potete provare una delle tante fontanelle presenti sul mercato. Eh, si tratta di ciotole per l’acqua con un piccolo motore all’interno e un filtro per pulire l’acqua. Questa, una volta inserita la spina nella presa della corrente, circola senza sosta e scivola lungo un canale proprio come se fosse un torrentino. L’acqua resta fresca, pulita e micio è più stimolato a leccarla. Non è molto grande o ingombrante, ma certo va posizionata accanto ad una presa elettrica. Il prezzo medio, in Italia, di questo articolo varia a seconda delle dimensioni e della marca, in media è di 45-50 euro, circa. Leggi tutto “Vizi e capricci di Felix tra ciotole riscaldanti e fontanelle per l’acqua”

Stubbs, il gatto sindaco più amato dell’Alaska

Stubbs, il gatto sindaco
Stubbs, il gatto sindaco

Operazione di marketing turistico o vera e propria indignazione dei cittadini alle elezioni politiche locali? La domanda nasce da questa insolita vicenda che ha, per protagonista un bel gattone di colore rossiccio che, suo malgrado, si è ritrovato sindaco di una città! Ebbene si. Un primo cittadino in piena regola con tanto di pelo, baffi e una debolezza per la sua ciotola di latte. Si chiama Stubbs, ha 15 anni ben portati e ricopre l’incarico di sindaco di Talkeetna, paesino dell’Alaska dove vivono circa 900 persone. Qualche anno fa, la popolazione è stata chiamata alle urne per decretare i nomi dei suoi amministratori ma, insoddisfatta delle candidature, ha pensato di eleggere il micio come outsider fuori lista. Una provocazione politica che, però ha avuto un risvolto inaspettato. Naturalmente la carica è simbolica e pure lo stipendio, visto che a Stubbs bastano crocche e tante coccole. Inoltre, la stravaganza ha regalato al paesino una certa notorietà trasformandolo in attrazione turistica. Leggi tutto “Stubbs, il gatto sindaco più amato dell’Alaska”

Bare, urne, gioielli con ceneri e peli animali: la morte dei pet è un vero mercato

pendente zampaTorniamo a parlare di un argomento che, a quanto pare, suscita curiosità: riutilizzare le ceneri dei nostri pet per averli sempre accanto! Inquietante e anche bizzarro, sotto molti versi. Che ognuno elabori il lutto, qualsiasi esso sia, a modo proprio è naturale, comprensibile e alcuni metodi possono far discutere sebbene il dolore vada rispettato sempre. In Usa, molto spesso patria di stravaganze, è di moda trasformare le ceneri dei propri animali, molto amati in vita, in accessori moda da indossare e sfoggiare. Che dire, se del maiale non si butta via niente, nemmeno di cani, gatti, cavalli e pennuti… Mescolate con altre sostanze, come il borosilicato, composto vitreo, le ceneri assumono forme originali e varie, praticamente uniche perché non sempre si riesce a “pilotare” la forma del gioiello durante la lavorazione. Ciondoli, orecchini, bracciali, portachiavi, anelli, fermagli per capelli, insomma ad ognuno il suo! In caso di cenere-diamante sintetico, l’evoluzione della prima nel secondo avviene tramite un processo chimico con l’ausilio dell’azoto per ottenere il carbonio, dopodiché si stabilisce la forma della gemma, mentre la lucentezza dipende dal dna del defunto animale. Leggi tutto “Bare, urne, gioielli con ceneri e peli animali: la morte dei pet è un vero mercato”

Lunthia, la gattina con 5 orecchie!

Lunthia
Lunthia

Cosa direste se, un bel giorno incontraste un gatto con 5 orecchie? Ebbene si, proprio 5. Stupirsi ed esclamare “oibo'”è il minimo e deve essere proprio quello che ha detto, o quasi, l’uomo che si è ritrovato dinanzi ad un gattino con uno, due, tre, quattro, cinque bei padiglioni auricolari pelosi. Si sa, madre natura, a volte, è bizzarra e, magari si diverte a confondere le acque, ma 5 orecchie… Che dire, almeno il micino ha un udito impeccabile e speriamo che non soffra mai di otite! Tutto è successo di recente in Russia dove un felino, trovatello che vagava in strada è stato avvicinato da un signore che, guarda caso è un docente di anatomia della facoltà di medicina veterinaria di Voronezh, che lo adottato e accudito con amore, come dovrebbe fare chiunque con i propri animali. E’ ovvio che all’insegnante sono subito apparse insolite le 5 misteriose orecchie collocate tutte le une accanto alle altre. In pratica, dietro le prime due, quelle normali per intenderci, ce ne sono altre due a 180 gradi rispetto alle prime, e la quinta è posizionata lateralmente. Il cucciolo, che in realtà è una cucciola, non sa di avere un aspetto diverso dagli altri suoi simili e,  in effetti non serve che lo sappia. Leggi tutto “Lunthia, la gattina con 5 orecchie!”

Salvato il gattino che “viveva” nel tombino!

Desktop28-cucciolo-gatto-norvegeseA volte l’asfalto è rovente, altro volte disastrato dai mezzi pesanti, altre ancora l’asflato… miagola. E miagola davvero, un miagolio vero e proprio, di quelli che attirano l’attenzione e ti inteneriscono anche se, al posto del cuore hai un vuoto come l’uomo di latta di Alice nel paese delle meraviglie! In questo caso, la strada dai mattoni rossi non porta a casa di Dorothy ma a San Raffaele Cimena, piccola località in provincia di Torino dove, poche sere fa, un anziano signore, intento a passeggiare lungo via San Rocco, ha sentito ripetuti e sottili miagolii. Leggi tutto “Salvato il gattino che “viveva” nel tombino!”

Paolo e Droopi: il primo, uno scrittore. Il secondo la sua ispirazione felina

Paolo e Droopi
Paolo e Droopi

Tra le tante mail che arrivano alla redazione di Quotidiano Piemontese, alcune si riferiscono al nostro blog “Quattro Zampe e dintorni”. Molti lettori ci segnalano abusi su animali, denunce, situazioni critiche di canili, ma anche belle vicende, storie a lieto fine che mostrano come, giorno per giorno, i nostri “familiari pelosi” facciano parte della vita, della casa, del cuore. Ecco uno di questi bei racconti, scritto da un personaggio noto nell’astigiano, e non solo. Si tratta dello scrittore Paolo Ferrero… e del suo gatto, ispirazione della storia, Droopie. Un incontro del destino sulla strada di Paolo. Leggi tutto “Paolo e Droopi: il primo, uno scrittore. Il secondo la sua ispirazione felina”

Tartaruga vive per 30 anni nel ripostiglio di casa e nessuno se ne accorge

tartarugaDella serie “Chi non muore si rivede” e questo è proprio il caso di Manuela, la piccola tartaruga dimenticata dalla sua famiglia adottiva in un ripostiglio per 30 anni! Eh, si proprio 30 anni, 3 decenni lunghi e solitari per questo esserino che vive in Brasile e che ha fatto suo un ambiente, non proprio naturale. Tutto ha avuto inizio quando Manuela, forse amante dell’avventura, si è nascosta in casa e nessuno della famiglia è riuscito a trovarla. Leggi tutto “Tartaruga vive per 30 anni nel ripostiglio di casa e nessuno se ne accorge”