Quantcast
Mustapaha Kanit: ancora vittorie nel 2017 per il campione alessandrino

Mustapaha Kanit: ancora vittorie nel 2017 per il campione alessandrino

26 aprile 2017 |

Kanit nasce ad Alessandria nel 1991 e si avvicina al mondo del poker fin dall’adolescenza, partecipando a tornei in circoli privati e lavorando come dealer. Sin dalle prime partite nei piccoli club e con gli amici, inizia a sviluppare quello stile di gioco aggressivo che lo porterà, a soli 26 anni, a essere un regular player dei principali eventi mondiali di Texas Hold’em e uno dei giocatori più apprezzati online.

Mustapha ottiene la prima “bandierina” nel 2009, piazzandosi quarantaquattresimo in un evento della “Notte degli Assi” a Milano e la prima vittoria un anno dopo quando si impone in un torneo di Poker Club a Campione d’Italia. Una carriera live partita con i migliori auspici e che compie il definitivo salto di qualità nel 2011 con il primo premio nel main event della tappa IPT di Malta. Vittoria che gli è valsa anche la conquista del titolo di miglior giocatore IPT.

Questi sono soltanto i primi risultati di rilievo in una carriera costellata di successi e che continua ancora oggi. In 8 anni, Kanit ha conquistato una vittoria in una tappa EPT di Madrid nel 2011, il sesto posto nell’evento principale del Partouche Poker Tour di Cannes nello stesso anno, due prime piazze nel circuito australiano dell’Aussie Millions nel 2014 e tre vittorie in alcuni dei principali eventi EPT, tra il 2015 e il 2016. Un trittico ottenuto in diverse città europee: Montecarlo – dove nello stesso torneo si è classificato al quarto posto un altro italiano, Dario Sammartino – Barcellona e Dublino nell’“High Roller 8 handed”, diventato a pieno titolo il Main Game del giocatore di Alessandria.

Anche il 2017 si è aperto all’insegna dei risultati di prestigio. Già a gennaio Kanit, conosciuto sul web e su Twitter come Mustacchione, ha conquistato un ottimo secondo posto e un terzo alle Bahamas in due tornei del PokerStars Championship. Due successi che hanno fatto da antipasto a un altro notevole piazzamento, il terzo posto in un evento High Roller di Panama, anche questo nel circuito PokerStars Championship. Numeri e vittorie che lo hanno portato dritto nella top ten dei giocatori più vincenti al mondo nel 2017.

“Il poker è lavoro, passione, divertimento, un modo per conoscere e condividere. Devo molto al poker e sicuramente lo amo”, ha dichiarato Kanit in un’intervista. Una carriera niente male per un ragazzo che ha iniziato il suo percorso con tornei di Magic e partite amatoriali fra amici per poi diventare il giocatore più vincente del poker nazionale. Un esempio lampante per tutti i giovani che hanno una passione forte da coltivare e la testimonianza di come lo studio, il duro lavoro e l’impegno costante permettano di raggiungere ogni tipo di obiettivo.

Manca solo un risultato nella brillante carriera di Kanit: un braccialetto alle World Series of Poker di Las Vegas che quest’anno partiranno il 30 maggio. Che sia l’occasione buona per mettere il punto esclamativo su un percorso fin qui senza sbavature?

POOOP.it, unconventional magazine: la svolta dell’informazione

30 luglio 2014 | ,
Esistono modi e modi di fare informazione. Esistono la cronaca nera, la cronaca rosa, il trash e la video-notizia, e poi esistono i linguaggi e i canali di diffusione, quella zona grigia in cui si annida la maggior parte dei problemi della comunicazione contemporanea.

Il mondo del giornalismo si sta avviando verso una rapida e inarrestabile debacle, soprattutto da un punto di vista contenutistico: non è raro, infatti, ritrovarsi l’homepage di Facebook e degli altri social network invasa da notizie di poco conto alle quali gli utenti impongono sempre i soliti commenti di disapprovazione. Ed è normale, visto che troppo spesso i quotidiani più affermati del paese rinnegano la loro mission di partenza per dedicarsi ad altro.

In questo scenario quasi apocalittico si sta facendo strada una realtà editoriale che muove dal Sud Italia, da Napoli, per essere precisi. È la svolta pop dell’informazione, o meglio, la svolta POOOP. Tre giovani menti alla base del progetto, tre persone che hanno messo in gioco le loro capacità spesso riconosciute solo sulla carta attraverso un portale che non ha la pretesa di ergersi a medium totemico dal quale diffondere il verbo.

Collegandosi al sito www.pooop.it si scopre un filtro analitico della realtà che guarda al mondo con il distacco di chi, quel mondo, lo vive e lo subisce quotidianamente, un’arma di difesa nel mare magnum dell’overload informativo tipico dei nostri tempi.

La qualità, prima della quantità, la stessa che si legge nelle notizie trattate dai contributor che hanno scelto e proposto le loro eccellenti penne, o in questo caso tastiere, a favore della causa di Pooop.
Sull’editoriale del magazine si legge,Pooop.it intende occupare lo spazio che i media hanno lasciato vacante per lungo tempo, la parentesi ideale tra Repubblica e Novella2000, tra il trash e il buongusto, l’osservatorio critico che volge lo sguardo alla realtà senza alterarla, senza sovrastrutture o sensazionalismi, servendosi degli strumenti contemporanei e delle lezioni ereditate dal giornalismo propriamente detto”. Una premessa che i risultati e i contenuti visibili sino ad oggi non hanno tradito.

Tutto inizia dal sodalizio dapprima umano e poi professionale di Mario Mosca, Laura Olivazzi e Antonio Ruoto, tre giovani laureati in Scienze della Comunicazione che hanno deciso di portare la loro formazione ad un livello successivo.

“La verità è che ci siamo stancati di sentirci dire soltanto “bravi!”, quando la nostra bravura, seppur declamata, non è mai stata concretamente riconosciuta”, nota Laura Olivazzi, “la mia non è presunzione, è consapevolezza: basta leggere qualche take d’agenzia per rendersi conto che questo lavoro è stato affidato per troppo tempo a chi non ci mette neanche un po’ di passione”. Il design del portale è dinamico e raffinato, consente una rapida consultazione delle notizie oltre ad essere una piacevole scoperta per lo sguardo, “Linee pulite. Nessun eccesso. Un buon design è sempre trasparente rispetto al contenuto”, chiarisce Antonio Ruoto, Art Director di POOOP magazine, offrendo una sintesi perfetta della struttura su cui si muove l’intero progetto, mai invasivo o invadente, l’aggettivo giusto da attribuirgli è intrigante. Attualmente POOOP magazine conta oltre 11.000 follower su Twitter e più di 10.000 fan su Facebook (al momento in cui scriviamo), numeri che nell’era dei social parlano chiaro, “Oggi un media digitale non può esimersi dallo sfruttare le opportunità che offrono i social network”, commenta Mario Mosca, “La risposta che abbiamo avuto in questa fase iniziale ci conferma che con progettualità e lungimiranza si può arrivare molto lontano”.