Quantcast

Monitorare il rischio sismico degli edifici industriali

2 giugno 2014 | , ,
Monitorare gli edifici industriali in rapporto al rischio sismico, prevenire i danni dal punto di vista economico, mettere in sicurezza persone e strumenti di produzione: sono gli obiettivi del protocollo d’intesa firmato da Api Torino e da Siat (Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino), finalizzato alla valutazione del livello di protezione antisismica degli edifici aziendali e all’indicazione di eventuali interventi di miglioramento.
La firma, da parte del presidente di Api, Corrado Alberto, e del presidente di Siat Antonio Recupero, è avvenuta nell’ambito dell’incontro ‘Prevenzione antisismica – Interventi negli edifici aziendali” organizzato da Api, Collegio Edile e Siat con il supporto della Camera di commercio di Torino. Api e Siat, subito dopo la firma dell’intesa, hanno creato una task force di tecnici, incaricata di dettagliare la tipologia del servizio messo a disposizione delle imprese associate
”Il nostro obiettivo – spiega il presidente di Api, Alberto – è fornire alle imprese sempre nuovi strumenti per migliorare la gestione aziendale e la sicurezza del lavoro”, mentre il presidente Siat, Recupero ha aggiunto che l’obiettivo e’ di ”arrivare alla valutazione del rischio attuale basata su una metodologia d’indagine concordata e all’indicazione degli interventi di miglioramento strutturale possibili, fornendo una stima di massima dei loro costi e dei tempi di realizzazione”.

Terremoto L’Aquila: pubblicate le motivazioni della sentenza di primo grado del processo

19 gennaio 2013 |

Si riaccende l´attenzione su una sentenza che non ha precedenti nel mondo. 

Sono state pubblicate le motivazioni della sentenza di primo grado del processo che si è celebrato lo scorso anno a L´Aquila e di cui si è molto discusso, avendo visto imputati scienziati ed esperti del settore sismologico (i componenti della Commissione Grandi Rischi, il v.capo Dipartimento della Protezione Civile, il direttore dell´Ufficio Rischio Sismico della Protezione Civile e il direttore del Centro Nazionale Terremoti), rei di non aver previsto tempi e luoghi dell´imminente terremoto.
Facendo seguito ad altre notizie e riflessioni già pubblicate dal DISTI, riteniamo utile qui riportare le valutazioni ricevute oggi dall’INGV in merito a questa vicenda che continua a far discutere il mondo intero.
Sono state rese note le motivazioni della sentenza di primo grado del processo dell’Aquila, emessa il 22 ottobre scorso, che condanna a 6 anni per omicidio colposo sette partecipanti alla riunione della Commissione Grandi Rischi del 31 marzo 2009,
tenutasi pochi giorni prima del terremoto in cui sono perite 309 persone.  Continua a leggere.