Quantcast
Oggi in tutto il mondo è il Pi Greco Day

Oggi in tutto il mondo è il Pi Greco Day

14 marzo 2019 |

A distanza di pochi giorni dalla Festa della Matematica  di cui abbiamo parlato ampiamente, oggi si celebra in tutto il mondo il Pi Greco Day, un giorno la cui ricorrenza si prepara a diventare, per il 2020, la Giornata Internazionale della Matematica.
Il Pi Greco Day si celebra ogni anno il 14 marzo perché nel sistema anglosassone la data si scrive 03/14, come le prime tre cifre del Pi Greco; inoltre coincide con il compleanno di Albert Einstein.

Non si contano le iniziative nel mondo che riguardano questa ricorrenza. Ricordiamo che  sono la gara a squadre disputata dalle scuole, organizzata dal Ministero della Ricerca e Università (Miur) e la sfida matematica online sul sito Redooc, dedicato alla didattica digitale.

Nata nel 1988 su iniziativa del fisico Larry Shaw, da allora questa giornata è diventata un appuntamento annuale. La prima celebrazione ha visto i partecipanti marciare intorno a un grande cerchio e consumare torte di tutti i gusti perché ‘PI’ e ‘Pie’ (‘torta’ in inglese) hanno lo stesso suono, ma anche perché la torta è rotonda ed è quindi correlata al Pi Greco.

Questa costante infatti è il prodotto del rapporto fra circonferenza del cerchio e il suo diametro e serve a calcolarne sia l’area che la circonferenza. “Il Pi Greco è un numero importantissimo e ancora oggi si continuano a fare ricerche intorno alle sue ricadute”, rileva Roberto Natalini, direttore dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘M. Picone’ del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e membro dell’Unione Matematica Italiana.

Questo numero, ha aggiunto, “entra, per esempio, nelle formule utilizzate nel calcolo delle probabilità per simulare l’efficacia di un farmaco, per calcolare la probabilità che una certa malattia si diffonda, nelle proiezioni relative all’andamento delle azioni in borsa”. Proprio per l’importanza di questo numero e della matematica nella società, ha concluso Natalini, l’Unione matematica internazionale (Imu) ha proposto all’Unesco di dichiarare il Pi Greco Day Giornata Internazionale della Matematica e se la proposta sarà approvata la prima celebrazione potrebbe esserci nel 2020.

 

Nuovo, grande successo per la Festa della Matematica

Nuovo, grande successo per la Festa della Matematica

10 marzo 2019 | , ,

In copertina: foto di repertorio (2017)

Anche nella nuova sede del SERMIG, si è registrato un nuovo, grande successo per la Festa della Matematica, edizione numero 16 (qui il nostro precedente articolo).  Una gara di matematica che ha coinvolto circa 1.500 studenti, con le gare delle scuole, quelle per il pubblico e premi speciali per gli esperimenti scientifici presentati al “Mercatino delle idee”.

Grande novità quest’anno anche con la partecipazione di studenti delle scuole medie inferiori: in questo settore, sono state premiate due scuole di Alpignano.

I ragazzi sono stati premiati, al termine delle gare, a turno dai professori che fanno parte del direttivo e del coordinamento dell’evento, organizzato dall’Associazione Subalpina “Mathesis” sezione Bettazzi, con il supporto della Compagnia di San Paolo

La nuova sede del SERMIG ha ospitato le gare all’interno dei molti locali, tra la scuola Steiner,e i vari auditorium e sale studio.                      

La competizione

L’Arsenale della Pace di Torino si è in realtà trasformato in terreno di battaglia per vincere i vari trofei in palio: le squadre che risolveranno i quesiti presentati, anziché superare un esame di tipo tradizionale, potranno accedere alla fase successiva.

Le gare rappresentano sempre una bella sfida per i ragazzi delle scuole medie superiori, con qualche piccolo cambiamento nel regolamento per i ragazzi delle medie inferiori, per “alleggerire” le difficoltà dei compiti matematici da svolgere.

Come da tradizione, le squadre vincitrici si aggiudicheranno la partecipazione alla fase nazionale delle “Olimpiadi a squadre di matematica”, che si svolgeranno in primavera a Cesenatico.

Il comitato organizzatore de “La Festa della Matematica”, guidato dal Presidente Onorario dell’Associazione Subalpina Mathesis “Sezione Bettazzi”, professor Franco Pastrone (qui da noi intervistato un anno fa), e dalla neo presidente professoressa Cristina Sabena, è formato dai professori Andrea Audrito, Tommaso Marino, Lorenzo Orio, Pier Luigi Pezzini (qui la nostra intervista), Giorgio Pidello, Irene Audrito e Herbert Aglì.

Il mercatino delle idee

L’Associazione Subalpina “Mathesis” da molti anni organizza corsi, seminari, attività didattiche e ha istituito premi come il “Peano” e il “Fubini”, che vengono conferiti a scienziati di fama internazionale.      

Le squadre iscritte rappresentano diverse scuole, e alcune di loro, oltre a partecipare alla “Festa della Matematica”, anche quest’anno propongono giochi didattici, esperimenti, e test tutti a base di matematica e con un bel po’ di fisica nell’ambito del “Mercatino delle idee”.        Per gli esperimenti considerati maggiormente interessanti e originali, sono stati premiati il Liceo Valsalice di Torino e il “Monti” di Chieri (primi a pari merito), l’istituto francese Jean Joro, e il Cattaneo di Torino.

Per valorizzare gli esperimenti ideati dalle scuole è stato istituito il Premio Perlasco, premio in denaro assegnato alle migliori “idee” da un’apposita commissione composta da docenti universitari di matematica e di fisica, da insegnanti di scuola superiore e da esperti della comunicazione.

La “Festa della Matematica” edizione numero 16 ha preso il via alle 9,30 con la presentazione delle attività da parte dei professori rappresentanti il Comitato organizzatore, con la partecipazione di Paola Sabbione e Matteo Bagnasco, della Compagnia di San Paolo, e all’Assessore all’Istruzione delle Regione Piemonte, Gianna Pentenero.                                                   

Per ulteriori informazioni, il sito ufficiale della Festa della Matematica è: www.festadellamatematica.it 

 

 

 

Festa della Matematica 2019: nuova sede, stesso programma

Festa della Matematica 2019: nuova sede, stesso programma

23 febbraio 2019 |

Il giornalista Antonio Lo Campo ci invia oggi il comunicato della sedicesima edizione della “Festa della Matematica, la gara a squadre tra le scuole del Piemonte e di altre regioni italiane, organizzata dall’Associazione Subalpina “Mathesis”, sezione Bettazzi, e realizzata con il supporto della Compagnia di San Paolo, che si rinnova nella nuova sede del “Sermig”, l’Arsenale della Pace con sede a Torino, in Borgo Dora.

Prevista la solita, grande partecipazione di studenti, nelle gare suddivise in diverse fasi: saranno 1.300 i ragazzi che si sfideranno in una competizione a base di formule, calcoli, equazioni. nche quest’anno la “Festa della Matematica”, oltre alle competizioni vere e proprie, proporrà eventi quali conferenze e il tradizionale “Mercatino delle idee”, dove i ragazzi, con il supporto degli insegnanti, proporranno esperimenti a base di matematica, fisica e chimica.

La competizione
L’Arsenale della Pace di Torino si trasformerà in realtà in terreno di battaglia per vincere i vari trofei in palio, e dove le squadre che risolveranno i quesiti presentati, anziché superare un esame di tipo tradizionale, potranno accedere alla fase successiva.
Le gare rappresentano sempre una bella sfida per i ragazzi delle scuole medie superiori, con qualche piccolo cambiamento nel regolamento per i ragazzi delle medie inferiori, per “alleggerire” le difficoltà dei compiti matematici da svolgere.

Come da tradizione, le squadre vincitrici si aggiudicheranno la partecipazione alla fase nazionale delle “Olimpiadi a squadre di matematica”, che si svolgeranno in primavera a Cesenatico.

Il comitato organizzatore de “La Festa della Matematica”, guidato dal Presidente dell’Associazione Subalpina Mathesis “Sezione Bettazzi”, professor Franco Pastrone, è formato dai professori Andrea Audrito, Tommaso Marino, Lorenzo Orio, Pier Luigi Pezzini, Giorgio Pidello, Irene Audrito e Herbert Aglì.  Qui la nostra intervista di un anno fa al Prof. Franco Pastrone e quella al Prof. Pier Luigi Pezzini, docente al Liceo Copernico di Torino.

 

Nel video seguente la Festa della Matematica Su  TGR Leonardo

 

Il mercatino delle idee
L’Associazione Subalpina “Mathesis” da molti anni organizza corsi, seminari, attività didattiche e ha istituito premi come il “Peano” e il “Fubini”, che vengono conferiti a scienziati di fama internazionale.

Le squadre iscritte rappresentano diverse scuole, e alcune di loro, oltre a partecipare alla “Festa della Matematica”, anche quest’anno propongono giochi didattici, esperimenti, e test tutti a base di matematica e con un bel po’ di fisica nell’ambito del “Mercatino delle idee”, che verrà inaugurato alle ore 10.
Per valorizzare gli esperimenti ideati dalle scuole è stato istituito il Premio Perlasco, premio in denaro assegnato alle migliori “idee” da un’apposita commissione composta da docenti universitari di matematica e di fisica, da insegnanti di scuola superiore e da esperti della comunicazione.

La “Festa della Matematica” edizione numero 16 prenderà il via alle 9,30 con la presentazione delle attività da parte dei professori rappresentanti il Comitato organizzatore, con la partecipazione di Paola Sabbione e Matteo Bagnasco, della Compagnia di San Paolo, e all’Assessore all’Istruzione delle Regione Piemonte, Gianna Pentenero.

Le conferenze
Sono in programma, nel corso della mattinata, due conferenze. La prima, alle ore 10, è una conferenza-spettacolo dal titolo “L’azzardo del giocoliere – conferenza spettacolo sulla matematica del gioco d’azzardo e la ludopatia”. Protagonista il professor Federico Benuzzi, che insegna matematica e fisica a Bologna, ma è anche giocoliere e attore professionista, è stato campione italiano di Diablo e partecipa a spettacoli in tutta Italia. Il suo sito web si trova all’indirizzo www.federicobenuzzi.com

La successiva conferenza, alle ore 11,30, sarà sul tema “Matematica in pausa pranzo”. Spesso si crede che per parlare di matematica occorrano conoscenze astruse e tanto tempo per entrare nel dettaglio delle operazioni richieste. Ma non è sempre così! Guardandoci in attorno, ci sono tante cose che hanno una semplice spiegazione matematica alla portata di tutti. L’importante è sapere dove guardare.

È il messaggio che arriva dal relatore:  Maurizio Codogno, matematico e informatico. Divulgatore matematico, con il suo blog sul post https://www.ilpost.it/mauriziocodogno/ e con i libri che ha scritto: l’ultimo è Numeralia (Codice Edizioni, 2019), che lui definisce “Pettegolezzi sui numeri”.

Dopo la pausa pranzo, alle 14,30 partirà la competizione vera e propria, con la gara per le scuole (presso il Sermig) e quella aperta al pubblico (sia presso il Sermig che all’Istituto Steiner).

Alle 17,30 infine, le premiazioni e consegna del “Premio Perlasco” e della “Coppa Gatteschi”.
Per ulteriori informazioni, il sito ufficiale della Festa della Matematica è: www.festadellamatematica.it 

Qui la pagina facebook dell’evento.

Info per la Stampa e Media all’indirizzo e-mail: [email protected]

A Bardonecchia lo Stage “Math 2018”

A Bardonecchia lo Stage “Math 2018”

4 maggio 2018 | ,
Provengono da mezza Europa, sono in molti, entusiasti e tutti appassionati di matematica. Anche quest’anno, per l’edizione numero 23, l’Associazione Subalpina “Mathesis” ha organizzato la stage “Math 2018”, in programma a Bardonecchia. E quest’anno, tra le montagne dell’Alta Val di Susa, vi saranno studenti provenienti non solo dall’Italia, ma da Finlandia, Norvegia, Olanda e Russia. Al primo, turno in programma il 7, 8 e 9 giugno, parteciperanno oltre ai 325 italiani, 56 studenti del nord Europa con 7 docenti.
 .
E’ un gruppo di studenti di 15 o 16 anni (corrispondenti alle classi seconda o terza superiore italiane), che lavorerà in inglese con altrettanti studenti italiani e si metterà alla prova con formule, numeri, equazioni e non solo. Qualche cifra. Lo stage internazionale, che si terrà presso le strutture dell’ex Villaggio Olimpico di Bardonecchia, è inserito all’interno di 4 turni dello stage generale, che invece coinvolgerà circa 1.500 studenti e 150 docenti. Nel primo turno, che partirà il 7 maggio, saranno coinvolti 380 studenti e 30 docenti. Math 2018, è un’iniziativa che si svolge con il supporto della Compagnia di San Paolo, ed è ideato dal professor Franco Pastrone (Presidente Associazione Subalpina Mathesis), con il coordinamento dei docenti Gemma Gallino (responsabile didattico), Pier Luigi Pezzini (responsabile organizzativoi) e Giorgio Pidello (coordinamento organizzativo).
 .
Il gruppo che lavorerà in inglese affronterà il tema de “l’infinito” nelle sue varie sfaccettature (infinito potenziale, infinito attuale, cardinalità degli insiemi infiniti, concetto di induzione matematica). Gli studenti lavorano suddivisi in gruppetti composti tendenzialmente da 3 italiani e 3 stranieri. I gruppi svolgono le attività sulla base di un fascicolo di proposte di lavoro preparato dai docenti italiani e condiviso con i docenti stranieri. Le attività sono supportate dall’utilizzo di materiali poveri (quali ad esempio carta, cartoncino, elastici, pezzi di legno) appositamente predisposti. I materiali utilizzati facilitano la visualizzazione, la comprensione e l’utilizzo dei concetti affrontati.
 .
Il programma è denso di eventi. Gli studenti e docenti internazionali giungeranno a Torino domenica 6. Lunedì 7 maggio, spostamento a Bardonecchia e presentazione dei lavori. Il giorno 8, caccia al tesoro a sfondo matematico nei dintorni di Bardonecchia, lavori di gruppo sull’infinito, giochi matematici e origami. Infine, il giorno 9, lavoro a gruppi, e premiazioni. Poi, visita alla città di Susa e trasferimento a Torino. In tutti i turni ci sono 4 gruppi di lavoro, dalle classi prime alle quarte.
 .
Il gruppo di lavoro dei docenti italiani è formato da: Giorgio Pidello (dirigente scolastico del Liceo Cattaneo – organizzazione generale; Gemma Gallino (Associazione Subalpina Mathesis – coordinamento scientifico); Valeria Andriano (Galileo Ferraris); Paola Bracco (Curie Vittorini); Ilario Carignano (A.S. Mathesis); Alessandra De Donno (Monti); Nicoletta Gerlo (Monti); Franslinda Giustino (Cattaneo); Patrizia Laiolo (Umberto I); Silvia Licavec (Spinelli); Maria Pezza (A.S. Mathesis).
.
Ringraziamo Antonio Lo Campo 
Ufficio stampa Associazione Subalpina Mathesis
15ª Festa della Matematica: ecco i vincitori dell’Edizione 2018

15ª Festa della Matematica: ecco i vincitori dell’Edizione 2018

3 marzo 2018 | , ,

Dopo la nostra intervista al Prof. Franco Pastrone, abbiamo chiesto oggi a uno dei docenti che da quindici anni segue e organizza con passione questa manifestazione di illustrarci l’edizione di quest’anno. È Pier Luigi Pezzini, docente al Liceo Copernico di Torino e già collaboratore esterno al Politecnico di Torino e al SSIS, la Scuola di Specializzazione all’Insegnamento Secondario

.
HA VINTO ANCHE QUEST’ANNO IL GALILEO FERRARIS DI TORINO? 

Prof. Pier Luigi Pezzini

Prof. Pier Luigi Pezzini

Esattamente. La gara delle scuole, e quindi vincitori della Coppa “Gatteschi”, ha trionfato l’Istituto “Galileo Ferraris” di Torino. Il premio “Perlasco” invece, per il migliore esperimento se lo è aggiudicato il Liceo “Copernico”, sempre di Torino. Negli anni precedenti erano risultati molto forti anche il Copernico, il Cattaneo, il Newton di Chivasso. Ma in questi ultimi due anni il Galileo Ferraris ha trionfato.  Secondo è arrivato il “Volta” di Milano. Una competizione che si rinnova tra i due licei delle città di Torino e Milano.

.
CHE IMPRESSIONE HA AVUTO DELL’INTERO EVENTO?

Impressione decisamente positiva. Tutto esaurito alle conferenze, come quella che abbiamo organizzato con il prof. Attilio Ferrari per dare ai ragazzi delle scuole una visione su un argomento che ha tenuto banco nel corso del 2017, dunque di estrema attualità, le onde gravitazionali
Il Prof. Ferrari, nell’incontro dal titolo:  “Relatività  generale: ha cent’anni e non li dimostra” ha illustrato proprio le recenti  scoperte sulle onde gravitazionali e sulle conferme della teoria della relatività generale di Albert  Einstein.  Alla conferenza hanno partecipato 700 ragazzi, che hanno occupato tutti i posti a  sedere della sala UCI Cinemas tanto che abbiamo dovuto limitare gli ingressi per motivi di sicurezza. 

.
La presentazione delle attività è stata curata dai professori Franco Pastrone (Associazione Mathesis), Paola Sabbione (Compagnia di San Paolo), e Giorgio Pidello (Dirigente Scolastico Istituto Cattaneo).

A seguire si è tenuta una conferenza su un tema legato a  “Probabilità e gioco d’azzardo”, con  il Professor Alessio Drivet, del Geogebra Institute di Torino che ha riempito nuovamente la sala.  
In contemporanea, dalle ore 10, alla “Corte della ristorazione” dell’8Gallery si è tenuto, con  grande successo, il tradizionale “Mercatino delle idee” (realizzato in collaborazione con AIF,  Associazione per l’insegnamento della Fisica, Sezione di Settimo Torinese), con gli esperimenti  e gli exibit a cura degli studenti della scuole.  Tra le curiosità, razzi funzionanti ad acqua, piccoli  rover a batterie, ed esperimenti con “onde indipendenti”. Tutto ciò che dalle basi di  matematica si trasforma in fisica…  
E poi, nel pomeriggio, alle 14,30 il via alle gare per le scuole, con la full-immersion nella vera e  propria competizione tra numeri, formule ed equazioni.  Dove la grande rampa elicoidale dell’8 Gallery del Lingotto di Torino si è trasformata in una  gigantesca area scolastica, dove le squadre hanno risolto i quesiti presentati.  

.
Tutte le informazioni e le classifiche si possono trovare sul sito ufficiale della Festa della  Matematica  all’indirizzo  www.festadellamatematica.it
.
COME MAI LA MATEMATICA, SPESSO OSTEGGIATA, SCATENA TANTO ENTUSIASMO?

Ci siamo posti la domanda ben 15 anni fa, quando iniziammo questa avventura. Siamo tutti insegnanti e l’idea era quella di suscitare negli studenti da una parte interesse per la materia e dall’altro smontare l’idea che sia una tecnica basata su puro meccanicismo,  e di giudicare la matematica come uno strumento interpretativo della realtà. Uno strumento in cui le tue capacità logiche di ragionamento, di approfondimento sono messe in gioco. Proposta in questa chiave si suscita interesse e dunque si supera l’idea che il primo aggettivo di questa materia sia “difficile”.  Che è anche aspetto che caratterizza la “gara” tra classi.  

.
COME SONO CAMBIATI I RAGAZZI RISPETTO A QUELLI DI 10-15 ANNI FA? 

I ragazzi ogni cinque anni cambiano. È un fatto che osserviamo nel nostro lavoro di insegnanti. Come docenti siamo portati a comprendere i cambiamenti generazionali e a seguirli, cosa che ci impedisce di irrigidirci dal punto di vista didattico.
I ragazzi di oggi hanno una intelligenza con una forte componente intuitiva,  molto più acuta rispetto al passato. Tuttavia si fatica con loro ad approfondire e a consolidare i concetti acquisiti. Penso che la didattica chieda a noi docenti di cambiare in questo senso: se uno studente oggi ha più facilità di intuire la soluzione di un problema, devi poi aiutarlo ad andare in profondità delle sue conoscenze. Una generazione comunque che considero molto positiva: se li sai interessare, incuriosire, ti vengono dietro con molto entusiasmo. 

 .

Per la gara delle scuole iscritte, ha vinto il Galileo Ferraris, di Torino, con 1.533 punti.  Secondo, il “Volta” di Milano, con 1.241. Sul podio sono saliti anche i ragazzi del “Gobetti” di Torino, con 1.125 punti. Quarti ex equo, il  Liceo Cairoli di Vigevano (Mi), con 891 punti, e il Curie di Pinerolo. Sesto il “PeanoPellico” di  Cuneo, con 815 punti, e settimi i ragazzi del Majorana di Torino con 758. Queste sono le  scuole che presumibilmente andranno a Cesenatico per la gara nazionale  Per il Trofeo Perlasco, i vincitori sono i ragazzi del “Copernico” di Torino. Al secondo posto, il  “Monti” di Chieri (To), terzo il “Fermi-Galilei” di Cirié, e quarto il liceo “Valsalice” di Torino.Il comitato organizzatore de “La Festa della Matematica”, guidato dal Presidente  dell’Associazione Subalpina Mathesis “Sezione Bettazzi”, professor Franco Pastrone, è formato  dai professori Andrea Audrito, Tommaso Marino, Lorenzo Orio, Pier Luigi Pezzini, Giorgio  Pidello, Irene Audrito e Herbert Aglì  L’Associazione Subalpina “Mathesis” da molti anni organizza corsi, seminari, attività didattiche  e ha istituito premi come il “Peano” e il “Fubini”, che vengono conferiti a scienziati di fama  internazionale.

.

Un ringraziamento finale lo rivolgiamo all’Ufficio Stampa della Associazione Subalpina Mathesis,  curato dal giornalista e divulgatore scientifico Antonio Lo Campo, che ha permesso di seguire ed essere aggiornati su tutte le fasi della competizione.

Fonte: Gravità Zero 

.

Al via la “Festa della Matematica” 2018 all’8Gallery del Lingotto: eventi, gare, esperimenti

Al via la “Festa della Matematica” 2018 all’8Gallery del Lingotto: eventi, gare, esperimenti

2 marzo 2018 | , ,

L’anno scorso sono stati 1500 gli studenti coinvolti, provenienti dalle scuole superiori del Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta, Emilia Romagna e Toscana. A vincere lo scorso anno è stato il liceo scientifico Galileo Ferraris di Torino, seguito dal Volta di Milano e dal Galileo Galilei di Alessandria. Le squadre vincitrici parteciperanno alla finale nazionale delle «Olimpiadi della Matematica» che quest’anno si svolgeranno in Romania.

Abbiamo intervistato il Professor Franco Pastrone, Ordinario della cattedra di Fisica Matematica – presso la Facoltà di Scienze MFN – Università di Torino e Presidente della Associazione Subalpina Mathesis.
.

QUALI SONO LE NOVITÀ DI QUEST’ANNO?

Lo spropositato crescere dei numeri: 50 scuole provenienti da diverse regioni italiane e per la gara libera oltre 1500 iscritti. A causa dell’elevato numero di iscrizioni pervenute e delle misure di sicurezza da rispettare abbiamo dovuto addirittura  suddividere la gara del pubblico in due gare indipendenti.

LA MATEMATICA DUNQUE HA SEMPRE GRANDE SUCCESSO, SOPRATTUTTO TRA I GIOVANISSIMI…

Nonostante quello che dicono tanti.

A COSA SERVE LA MATEMATICA?

Serve a uno come me a mantenere una famiglia bisognosa – risponde il professore ridacchiando – Scherzi a parte, serve ovunque, dall’ingegnera alla medicina, all’informatica alle scienze economiche. E poi avere una mentalità matematica insegna a non accettare verità rivelate, ma a dimostrarle. Inoltre chi si laurea in matematica ha meno difficoltà di altri a trovare lavoro. Per esempio matematici e fisici sono spesso preferiti in certi ambienti di lavoro perché rispetto ad altri (gli informatici ad esempio) sono di mentalità più elastica. Basta osservare che al primo anno del corso universitario di matematica  le discipline sono così varie che contribuiscono a costruire una mentalità più aperta e pronta ad accettare i cambiamenti. 

Il professore non nasconde un certo entusiasmo nel definire questo evento come una grande prova di eccellenza nel panorama scientifico nazionale.

Tanto più – aggiunge – che questa manifestazione è una anticipazione di quello che avverrà tra maggio e  giugno allo stage che si svolgerà  a Bardonecchia (ex Villaggio Olimpico), dove ci saranno 1400 studenti delle scuole medie superiori, in una full immersion tra scuole di Torino e provincia in quattro turni.

E ci siamo dovuti fermare con le prenotazioni – spiega il professore – potessimo ospitarne di più lo faremmo: ci sono prenotazioni in coda che purtroppo dobbiamo rifiutare per ragioni di spazio.

Lo stage  metterà  a confronto studenti appassionati di numeri, formule ed equazioni ed è rivolto non solo a studenti ma anche a professori delle classi I , II , III , IV di scuola media superiore. Ideato e organizzato dall’Associazione Subalpina “Mathesis” (sezione Bettazzi) da tempo impegnata, alla guida del professor Franco Pastrone, nella divulgazione della matematica e nel conferire il Premio Peano in importanti eventi di divulgazione scientifica.

Da sinistra: Prof. Albrecht Beutelspacher e Prof. Franco PastroneDa sinistra: Prof. Albrecht Beutelspacher e Prof. Franco Pastrone

I ragazzi lavoreranno in gruppi di 6 studenti con gli insegnanti, come coordinatori sul materiale predisposto nei fascicoli preparati per ogni classe.  Ogni giorno si proporrano problemi e giochi matematici di una certa difficoltà in modo da sollecitare i ragazzi a presentare impostazioni e strategie risolutive particolari e originali in un clima di competizione. Per questa attività ci si avvale in particolare del contributo di alcuni studenti universitari 2018  precedentemente coinvolti nelle attività di allenamento finalizzate alle olimpiadi della matematica. Al termine dei lavori si propone una “caccia al tesoro” sulle tematiche affrontate, con il duplice scopo di verificare le attività svolte e di concludere in modo divertente, valorizzando anche con una premiazione di tutti coloro (singoli o gruppi) che si sono distinti nelle varie fasi dello stage.

Antonio Lo Campo

Antonio Lo Campo

Rivolgiamo anche una domanda al nostro collega responsabile dell’Ufficio Stampa dell’Associazione Mathesis, il giornalista e divulgatore scientifico Antonio Lo Campo, che ci ha inviato giorni fa il comunicato stampa dell’evento

Gli chiediamo quanto la matematica sia importante, ad esempio, nei viaggi spaziali. Antonio Lo Campo è infatti corrispondente per LA STAMPA negli incontri con gli eventi legati alle missioni spaziali ASI-ESA-NASA.

La matematica è alla base di molte materie scientifiche. È grazie ai calcoli matematici che si sono basati da sempre gli studi sull’astronomia. Ed è grazie ai calcoli matematici che è possibile definire in dettaglio le traiettorie in cui vengono inserite, e poi viaggiano, i satelliti e le sonde interplanetarie. Così come le traittorie dei razzi vettori, e tutto ciò che viene inserito, in termini di calcoli matematici, nei software dei cervelli elettronici, che guidano i razzi dalla partenza da terra fino allo spazio.

Un esempio lo ha fornito negli anni settanta un grande matematico italiano, il professor Giuseppe Colombo, dell’Università di Padova. È considerato come uno dei maggiori esperti di traiettorie interplanetarie. Fu lui, come consulente NASA, a indicare e illustrare al team della missione Mariner 10, destinata a Venere, che grazie ad alcuni calcoli matematici era possibile indirizzare la sonda verso Mercurio, un pianeta mai visitato da vicino. I suoi calcoli ed equazioni portarono così ai numerosi passaggi di Mariner 10 attorno a Mercurio. E da allora, la NASA lo ha inserito nella Hall of Fame tra i maggiori esperti di missioni interplanetarie del mondo. La missione europea dell’ESA destinata a Mercurio, che partirà il prossimo ottobre, è stata battezzata Bepi Colombo. E lui , per l’appunto, era un matematico.

Maggiori informazioni sulla Festa della Matematica si trovano nel nostro articolopubblicato il 19 febbraio scorso,  e naturalmente  sul sito ufficiale della Festa della Matematica  www.festadellamatematica.it , e sulla pagina facebook dell’evento.
Il comitato organizzatore de “La Festa della Matematica” è guidato dal Presidente dell’Associazione Subalpina Mathesis, professor Franco Pastrone, è formato dai professori Andrea Audrito, Tommaso Marino, Lorenzo Orio, Pier Luigi Pezzini e Giorgio Pidello.

 

Festa della Matematica a Torino: in gara studenti da molte regioni italiane

Festa della Matematica a Torino: in gara studenti da molte regioni italiane

19 febbraio 2018 |
Il giornalista Antonio Lo Campo ci invia oggi il comunicato della quindicesima edizione della “Festa della Matematica, la gara a squadre tra le scuole del Piemonte e di altre regioni italiane, organizzata dall’Associazione Subalpina “Mathesis”, e realizzata con il supporto della Compagnia di San Paolo, che si svolgerà nella giornata del 2 Marzo.
.
L’anno scorso sono stati 1500 gli studenti coinvolti, provenienti dalle scuole superiori del Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta, Emilia Romagna e Toscana. A vincere lo scorso anno è stato il liceo scientifico Galileo Ferraris di Torino, seguito dal Volta di Milano e dal Galileo Galilei di Alessandria. Le squadre vincitrici parteciperanno alla finale nazionale delle «Olimpiadi della Matematica» che quest’anno si svolgeranno in Romania.
 .
Anche quest’anno la “Festa della Matematica” si svolgerà nella tradizionale sede dell’”8Gallery”del Lingotto, a Torino. Qui il programma e gli orari.
 .
Vi sono già più di 30 squadre iscritte, e quest’anno è alta la presenza di quelle che giungono da fuori Piemonte. Vi sono infatti istituti scolastici provenienti da Lombardia, Liguria, Veneto e Toscana. Ed altri potrebbero aggiungersi: c’è ancora qualche giorno di tempo (per info e modalità relative all’iscrizione è necessario consultare il sito www.festadellamatematica.it).
 .
Le squadre vincitrici si aggiudicheranno la partecipazione alla fase nazionale delle “Olimpiadi a squadre di matematica”, che si svolgeranno in primavera a Cesenatico. La grande rampa elicoidale dell’8 Gallery del Lingotto di Torino si trasformerà quindi in una gigantesca area scolastica, dove le squadre che risolveranno i quesiti presentati, anziché superare un esame di tipo tradizionale, potranno accedere alla fase successiva.
 .
Il comitato organizzatore de “La Festa della Matematica”, guidato dal Presidente dell’Associazione Subalpina Mathesis, professor Franco Pastrone, è formato dai professori Andrea Audrito, Tommaso Marino, Lorenzo Orio, Pier Luigi Pezzini e Giorgio Pidello.
.
Le squadre iscritte rappresentano diverse scuole, e alcune di loro, oltre a partecipare alla “Festa della Matematica”, anche quest’anno propongono giochi didattici, esperimenti, e test tutti a base di matematica e con un bel po’ di fisica.
 .
Per valorizzare gli esperimenti ideati dalle scuole è stato istituito il Premio Perlasco, premio in denaro assegnato alle migliori “idee” da un’apposita commissione composta da docenti universitari di matematica e di fisica, da insegnanti di scuola superiore e da esperti della comunicazione.
 .
La giornata del 2 marzo dell’edizione n. 15 de “La Festa della Matematica” sarà, come per tradizione, ricca di appuntamenti. Si comincia al mattino: presentazione delle attività (ore 9), da parte di Franco Pastrone (Associazione Mathesis), Paola Sabbione (Compagnia di San Paolo), e Giorgio Pidello (Dirigente Scolastico Istituto Cattaneo); poi, alle 10, nei locali multisala Uci Cinemas si terranno due conferenze. Dalle ore 10,00 alle 11,30, con il titolo “Relatività generale: ha cent’anni e non li dimostra”, il professor Attilio Ferrari, Presidente di Infini.to, il anetanetario di Torino, illustrerà le recenti scoperte sulle onde gravitazionali e sulle conferme della teoria della relatività generale di Albert Einstein.
 .
A seguire, dalle 11.30 alle 13, si terrà la conferenza “Probabilità e gioco d’azzardo”, con  il Professor Alessio Drivet, del Geogebra Institute di Torino. In contemporanea, dalle ore 10, alla “Corte della ristorazione” dell’8Gallery ci sarà il tradizionale “Mercatino delle idee” (realizzato in collaborazione con AIF, Associazione Insegnanti di Fisica, Sezione di Settimo Torinese), con gli esperimenti e gli exibit a cura degli studenti della scuole.
 .
E poi, nel pomeriggio, alle 14,30 il via alle gare per le scuole, con la full-immersion nella vera e propria competizione tra numeri, formule ed equazioni. La competizione terminerà alle 16,30.
 .
Alle ore 17, la premiazione delle prime scuole classificate, con il Premio Perlasco (per il migliore esperimento presentato al mercatino delle idee), e la Coppa Gatteschi (che andrà alla scuola vincitrice, e vi resterà per un anno).
 .
Tutte le informazioni si possono trovare sul sito ufficiale della Festa della Matematica 
 .

Festa della Matematica 2013 a Torino – Decima Edizione

28 febbraio 2013 |
Venerdì 9 marzo 2013 dalle 9 alle 18 presso i locali dell’8 Gallery in via Nizza 230 si svolgerà la decima edizione della Festa della Matematica, l’occasione ideale per scoprire l’aspetto ludico delle scienze.
La manifestazione è rivolta a insegnanti, studenti, esperti, soprattutto dilettanti e appassionati dei numeri… cioè tutti coloro che si faranno coinvolgere ed appassionare dalle numerose attività proposte e organizzate dall’associazione Subalpina Mathesis sezione Bettazzi, in collaborazione con il Liceo scientifico N. Copernico e con il contributo della Compagnia di San Paolo.
Anche quest’anno, alle 9,30 in una delle multisale del Multisala Pathè, saranno il presidente dell’associazione Mathesis prof. Franco Pastrone, il preside del Liceo scientifico N. Copernico Carmine Percuoco e il dott. Massimo Coda della Compagnia di San Paolo a presentare l’iniziativa, che s’inserisce nell’ambito delle Olimpiadi nazionali di matematica, e daranno così ufficialmente il via al divertimento.
Si prevedono occasioni d’incontro e divulgazione utili per illustrare usi poco noti o molto concreti (e non di rado, divertenti) della matematica. Fra le proposte rientrano la conferenza delle ore 10,00, dal titolo eloquente “Casi di successo. Quando la matematica semplifica la vita trovando soluzioni semplici a questioni intricate”della prof.ssa Gemma Gallino, ideatrice di giochi, attività e stage matematici. A seguire alle ore 11,30 appuntamento dedicato a chi è affascinato dal rischio dell’azzardo: il Dott. L. Antonelli, Matematico e Informatico responsabile del Gruppo Indagini del CICAP Piemonte terrà la conferenza “A che gioco giochiamo?” e dimostrerà se è davvero così facile diventare ricchi con il gioco d’azzardo.
Alle 14,30 partirà la Gara tra le delegazioni di oltre trenta istituti superiori piemontesi, ma non sarà l’unica competizione della giornata: è, infatti, prevista anche una “gara del pubblico”, aperta a tutti, senza limiti di iscrizione. I due match termineranno alle 16,30 con la premiazione dei vincitori e la consegna del “Premio Perlasco” e della “Coppa Gatteschi”.
Tramite il sito www.festadellamatematica.it, compilando l’apposito modulo, è possibile creare una propria formazione e prenotare la partecipazione alle attività.
Per tutta la mattinata sarà inoltre possibile visitare la mostra “Il mercatino delle idee”, realizzato in collaborazione con Ottobre Scienza, che raccoglie esperimenti scientifici, giochi matematici e fisici e quesiti originali proposti dalle scuole che partecipano all’iniziativa.
Tutti matti per la matematica con il Carnevale di Agosto 2011

Tutti matti per la matematica con il Carnevale di Agosto 2011

14 agosto 2011 |

E’ online il Carnevale della Matematica edizione 40 ospitato dal blog Popinga.

Carnevale della Matematica


Matematti: così il matematico Maurizio Codogno, in arte .mau., ha intolato la community che raccoglie mese per mese i contributi dei carnevalisti della matematica.
Carnevali sono una vera e propria istituzione all’estero.
E, da alcuni anni, anche in Italia.

Gli anglosassoni li chiamano Carnival e ce ne sono su qualunque argomento, come potete vedere su blogcarnival.I prossimi due appuntamenti sono il Carnevale della Chimica (ogni 23 del mese)  e il Carnevale della Fisica (ogni 30 del mese) ospitato questo mese dal  blog che state leggendo (qui maggiori info).

Per partecipare ai Carnevali è sufficiente pubblicare sul proprio blog, entro una settimana prima del lancio mensile, un testo divulgativo su un argomento che abbia a che fare con la materia scientifica del Carnevale (matematica, chimica o fisica). Valgono anche narrazioni, poesie, espressioni artistiche: l’importe è che il tema sia rispettato.Contestualmente dovrà essere inviata alla redazione del sito ospitante una mail contenente il link al testo pubblicato, il proprio nome, qualche parola sulla propria attività di blogger.

E ora non ci resta che leggere i contributi degli autori partecipanti al  Carnevale della Matematica n. 40 del 14 Agosto 2011 

I blogger impazziscono per i carnevali scientifici

14 luglio 2011 |

E’ online il Carnevale della Matematica edizione 39

 

Matematti: così il matematico Maurizio Codogno, in arte .mau., ha intolato la community che raccoglie mese per mese i contributi dei carnevalisti della matematica.
.
I Carnevali sono un luogo virtuale (generalmente una pagina web ospitante) in cui i blogger si ritrovano una volta al mese, e sono una vera e propria istituzione all’estero. E, da alcuni anni, anche in Italia.
.
Gli anglosassoni li chiamano Carnival e ce ne sono su qualunque argomento, come potete vedere su blogcarnival.

I prossimi due appuntamenti sono il Carnevale della Chimica (ogni 23 del mese) questo mese ospitato da Giovanni Boaga su Storie di Scienza. e il Carnevale della Fisica (ogni 30 del mese) ospitato questo mese sul blog Crescere Creativamente di Rosalba Cocco.


COME SI PARTECIPA?

Per partecipare ai Carnevali è sufficiente pubblicare sul proprio blog, entro una settimana prima del lancio mensile, un testo divulgativo su un argomento che abbia a che fare con la materia scientifica del Carnevale (matematica, chimica o fisica). Valgono anche narrazioni, poesie, espressioni artistiche: l’importante è che l’articolo sia in tema con l’oggetto del carnevale.

Contestualmente dovrà essere inviata alla redazione del sito ospitante una mail contenente il link al testo pubblicato, il proprio nome, qualche parola sulla propria attività di blogger.