Quantcast

Segnalate i problemi del Digitale Terrestre in Piemonte: la mappa dei disservizi

5 settembre 2013 | ,

In molti in Piemonte segnalano problemi al digitale terrestre: segnateceli in modo che possiamo raccoglierli e evidenziarli sulla mappa su cui raccoglieremo le vostre lagnanze.

Il Ministero pubblica le graduatorie per la revisione delle frequenze del digitale terrestre in Piemonte

12 dicembre 2012 | ,

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso pubbliche le graduatorie previste dalla procedura di revisione del piano di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre nella regione Piemonte e in  Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Lazio e Campania.

Quartarete 3D

2 dicembre 2010 |

La prima televisione italiana che trasmette in 3d sul digitale terrestre

Con le trasmissioni 3D su TV Digitale Terrestre, Quartarete TV è diventata la prima TV locale Italiana e a livello internazionale, a trasmettere in chiaro programmi per la TV

Il caos lombardo nello switch off al digitale terrestre

29 novembre 2010 |

Lombardia e Milano nel caos

Canali oscurati, centralini degli antennisti presi d’assalto, alberghi e condomini in rivolta perché le tivù non funzionano. Il giorno dello switch off, a Milano, è stato il giorno del grande caos. Tutti disagi previsti, spiegano i tecnici, che però non troveranno soluzione prima di qualche settimana. Addirittura, fino a metà gennaio, dicono alcuni antennisti, “perché fino ad allora l’agenda degli appuntamenti è piena”.

Il primo problema è stato capire cosa stesse accadendo ai televisori. “Abbiamo ricevuto più di duecento chiamate – racconta Giancarlo Righi, antennista della Sai elettronica srl – la maggior parte delle quali per la risintonizzazione. A qualcuno abbiamo provato a spiegarlo via telefono, andarci fisicamente è impossibile”. Secondo problema, le antenne. Con lo switch off molte emittenti hanno cambiato la frequenza da cui trasmettevano e in alcuni condomini è necessaria la mano di uno specialista. Anche per questi interventi  erano arrivate moltissime chiamate.

Switch-off di Lombardia e Piemonte orientale

18 ottobre 2010 |

Anche Piemonte e Lombardia diventano completamente digitali

Dal 25 ottobre al 26 novembre ci compirà il percorso che porterà allo switch-off al digitale terrestre della Lombardia, esclusa la provincia di Mantova, delle province del Piemonte orientale e di quelle di Parma e Piacenza. In tutto saranno coinvolti 600 comuni piemontesi, 1500 comuni lombardi e 90 comuni emiliani.

Ecco tutte le date dello switch-off in Lombardia, Piemonte orientale e Emilia

  • Lunedì 25 ottobre :provincia di Vercelli
  • Da martedì 26 a mercoledì 27 ottobre: provincia di Verbano-Cusio-Ossola
  • Venerdì 19 novembre: provincia di Biella e provincia di Vercelli
  • Lunedì 22 novembre: provincia di Asti e Alessandria
  • Giovedì 25 novembre: province e città di Asti, Alessandria, Vercelli, Novara
  • Venerdì 29 ottobre: provincia di Varese
  • Da martedì 2 novembre a venerdì 5 novembre: provincia di Como, provincia di Lecco, provincia di Sondrio
  • Da lunedì 8 a martedì 9 novembre: provincia di Brescia e Bergamo
  • Da mercoledì 10 a  venerdì 12 novembre:  provincia di Bergamo e Brescia
  • Da lunedì 15 a mercoledì 17 novembre: provincia di Brescia
  • Giovedì 18 novembre: provincia di Como, Lecco e Monza
  • Martedi 23 novembre: provincia di Parma
  • Mercoledì 24 novembre: provincia di Parma e Piacenza
  • Venerdì 26 novembre: province e città di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Milano, Monza, Varese, Pavia, provincia di Piacenza
  • Rinviato lo switch off al digitale del Nord Italia

    25 agosto 2010 |

    La Gazzetta ufficiale rilancia i tempi di abbandono del sengale analogico al nord

    Si allungano i tempi di attesa per le regioni del Nord Italia. Secondo il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 20 agosto, infatti, lo switch off sarà rimandato di alcune settimane. La fase di transizione definitiva dalla televisione analogica a quella digitale avrebbe dovuto coinvolgere, in ordine cronologico a partire dalla metà di settembre, Piemonte orientale, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria. Sembra, tuttavia, che la causa scatenante il rinvio sia da attribuirsi a problematiche di natura tecnica.

    Il Comitato Nazionale Italia Digitale non ha potuto ignorare le richieste delle emittenti locali che si erano dichiarate non del tutto pronte ad abbandonare definitivamente la trasmissione analogica in favore di quella digitale. Ecco qui di seguito, dunque, le date ufficiali del rinvio degli switch off nel Nord Italia:

    • Piemonte orientale e Lombardia (incluse province di Parma e Piacenza): 15 ottobre – 26 novembre;
    • Emilia Romagna: 27 novembre – 2 dicembre;
    • Veneto (incluse province di Mantova e Pordenone): 30 novembre – 10 dicembre;
    • Friuli Venezia Giulia: 3 dicembre – 15 dicembre;
    • Liguria: posticipata al 2011.

    Sparisce il digitale terrestre in Piemonte

    21 giugno 2010 | ,

    Durante Italia Nuova Zelanda

    E’ buffo pensare che si dice che lo switchoff al digitale è stato posticipato per evitate che gli italiani rischiassero di non vedere i mondiali. Poi verso la metà del primo tempo di Italia – Nuova Zelanda è sparito il segnale digitale da mezzo Piemonte. Non che calcisticamente sia stata una grande perdita.

    Quando stava per iniziare su Rai1 il secondo tempo della partita dei Mondiali di calcio Italia-Nuova Zelanda è saltato il collegamento del digitale terrestre della Rai in diverse zone di Torino. Sono così arrivare immediatamente centinaia di telefonate di cittadini arrabbiati ai giornali, ai vigili urbani e alle emittenti private per cercare di conoscerne il motivo. “Non pagherò mai più il canone”, hanno detto alcuni abbonati. “Da quando c’è il digitale terrestre non si vede più nulla”, hanno protestato altri.

    RaiNews oscurata dallo switch off del digitale terrestre

    19 maggio 2010 | ,

    Basta risintonizzare il decoder per ritrovare il segnale

    “Rainews informa che da questa mattina gli utenti non ci trovano più al Canale 42 della piattaforma digitale terrestre: ci scusiamo con gli utenti, faremo di tutto per comprendere le ragioni di questo oscuramento e di porvi rimedio”. Corradino Mineo, direttore di Rainews, commenta così la scomparsa di Rainews canale 42 della piattaforma del digitale terrestre e dal canale 506 della piattaforma Sky.

    Mineo sottolinea come le “centinaia di mail pervenute al nostro sito e altrettante telefonate testimoniano che, in realtà, molti spettatori non riescono più in alcun modo a sintonizzarsi sul nostro Canale”. Da oggi il canale non si chiama più Rainews24 ma solo Rainews e che, per omologare l’intera offerta aziendale, “la Direzione Generale ha deciso di spostare il logo in alto a destra dello schermo. Il logo, purtroppo, risulta poco leggibile, mentre la nuova grafica impedisce, per il momento, di mandare in onda i flash, strumento indispensabile per una all news. Anche di questo ci scusiamo con gli utenti”, conclude Mineo.

    Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Friuli e Emilia Romagna al digitale

    14 maggio 2010 |

    Un nuovo ciclo di switch-over e switch-off

    Il 18 maggio inizia una nuova fase di switch-over al digitale terrestre di Rai2 e Rete4 che non saranno più visibili con il sistema analogico.  Saranno coinvolte 3 importanti regioni con le rispettive province.

    Piemonte: Novara, Vercelli, Asti, Alessandria, Biella, Verbania
    Lombardia: Milano, Pavia , Cremona, Lodi, Monza e Brianza, Bergamo , Brescia , Varese , Como , Lecco , Sondrio
    Emilia Romagna: Piacenza e Parma

    Nell’autunno-inverno si avrà lo spegnimento definitivo dei canali analogici e lo switch-off totale in varie regioni

    Lombardia,  Piemonte Orientale, Piacenza-Parma: ??15 Settembre – 20 Ottobre
    Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia: 21 Ottobre – 25 Novembre
    Liguria: 26 Novembre- 20 Dicembre

    Il digitale terrestre sta uccidendo le tv locali

    5 febbraio 2010 | ,

    Marco Castoro riflette

    Con l’avvento del digitale terrestre le tv locali hanno cominciato un’agonia che rischia di decretarne la chiusura delle trasmissioni. Ci sono 5 problemi che le emittenti regionali non riescono a risolvere:

    1) il deprezzamento drastico del valore della frequenza a disposizione che si è avuto col dtt;
    2) l’offerta televisiva, che seppure sia aumentata nel numero dei canali a disposizione per ogni frequenza, è diventata di bassissima qualità;
    3) il crollo della pubblicità e del prezzo degli spot, generato dalla troppa confusione nel far west delle frequenze del digitale terrestre;
    4) i limiti tecnologici delle antenne e dei telespettatori, alle prese con un vero e proprio analfabetismo tecnologico;
    5) la disperazione degli imprenditori, soprattutto i più piccoli, che potrebbe provocare l’abbattimento di posti di lavoro.