Quantcast

31 sul campo e uno su Facebook – il video della festa in albergo

5 maggio 2014 | ,

Il campionato spezzatino (che ormai non rispetta più nemmeno gli ultimi turni di campionato) ci ha presenteato il caso (quasi) inedito di uno scudetto vinto senza giocare. Conte e i suoi erano tranquilli in albergo a guardare la partita (tranne Tevez che dormiva) ed hanno festeggiato la sconftta della Roma come normali tifosi, davanti alla tv.

pirlo
Così i festeggiamenti che di solito avvengono sul campo con secchiate d’acqua e corse sotto la curva si sono spostati nell’albergo e in tempo reale sui social, dove praticamente tutti i giocatori della Juve hanno pubblicato foto più o meno curiose, spesso con la maglietta “Non c’è 2 senza 3”: Chiellini, Vucinic, Marchisio, Pirlo(altro…)

La ricetta del 31° scudetto della #Juventus

21 giugno 2013 | ,

La Juventus ha rilasciato questo simpatico video che ripercorre la straordinaria stagione del 31° scudetto.

La festa scudetto vista dal pullman della Juve – video

10 maggio 2013 |

La festa per il 31° scudetto vista da una prospettiva inedita e privilegiata: il pullman della Juventus!

Campioni d’Italia per manifesta superiorità #juvecampione

Campioni d’Italia per manifesta superiorità #juvecampione

6 maggio 2013 |

juve-31E così è arrivato quel punto che mancava per la matematica assegnazione dello scudetto numero 31 (o 29, fate voi). Ne sono arrivati tre in realtà, ancora una volta grazie ad un rigore di Vidal che negli ultimi tempi pare essersi specializzato nel genere.
Però è evidente a tutti che lo scudetto fosse della Juve già da qualche settimana, personalmente ritengo che il gol di Giaccherini al Catania a tempo scaduto sia stato il sigillo che ha tagliato definitivamente le gambe al Napoli (che però, complimenti a loro, a continuato a fare risultati) e soprattutto dato alla squadra la convinzione di avercela davvero fatta. (E personalmente sono felice che sia toccato a Giaccherini questo ruolo simbolico importante – l’anno scorso tocco altrettanto simbolicamente a Del Piero con la sua punizione contro la Lazio).

Un campionato dominato dalla prima all’ultima giornata, mai veramente in dubbio, al punto da sembrare quasi ovvio, quasi semplice… cosa che naturalmente è ben lungi dall’essere stata (che se mi sente Conte poi mi viene a prendere a casa!). (altro…)