Quantcast
Laikos, i cittadini di Torino raccontano come vivono e se sono felici

Nell’antica Grecia “laikos” rappresentava quella parte del popolo esclusa dalla ristretta cerchia dei sacerdoti. In altre parole, le persone comuni.
Laikos significa anche “luogo di libera discussione”, spazio di dialogo privo di rigidi confini, dove diviene possibile esprimersi liberamente.
Fuoricampo APS sta realizzando il documentario Laikos, che ricostruisce e mette in scena questo spazio, affidandolo ai cittadini di Torino.

Alla regia c’è Federico Agnello e per la realizzazione del doc è stato aperto un crowdfunding. Revenant Audiovisual, collettivo di filmmaker attivo tra Italia e Spagna, collabora al progetto come coproduttore.

Dalla tecnologia al mondo del lavoro, dalla religione alla sessualità, dalla politica alla comunicazione, fino alla spiritualità, all’interiorità e all’identità personale, viviamo in un’epoca di cambiamenti complessi e decisivi.
Ma come vivono davvero le persone? Che impatto hanno queste trasformazioni secolari sui comportamenti che, giorno per giorno, compongono le nostre vite?
Viviamo in una società libera? Siamo indifferenti o ci prendiamo cura degli altri? Come percepiamo il mondo che ci circonda e come vorremmo che fosse?
Siamo felici?

Il documentario Laikos pone questi interrogativi ai cittadini di Torino attraverso un dialogo aperto e provocatorio, con l’obiettivo di scandagliare alcune tematiche fondamentali della nostra società: relazioni interpersonali, mondo del lavoro, rapporto con la propria città, sessualità, partecipazione culturale, libertà personale, percezioni sulla società contemporanea e previsioni sul futuro prossimo.

Il video spiega il progetto nel migliore dei modi

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram