Quantcast

Non è una novità. Non lo è neppure per me:mio figlio ce l'ha dalla prima ora e anche alcuni amici e da tutti loro lo avevo provato, così come avevo fatto anche delle prove comparative all'Apple Store confrontandolo con l'ultimo iPad 10" per scoprire che in termini di velocità la differenza non esiste. Ora che l'ho comprato, con le mie applicazioni e per i miei scopi, oltre che con i miei comportamenti sono in grado di comunicare quelli che per me sono i pro e contro definitivi dell'iPad Mini, almeno per uno della mia età e con il mio utilizzo. Pro
  • Ovviamente, la leggerezza! Non ha niente da invidiare ad uno Smartphone.
  • Subito dopo, le dimensioni. Sta dovunque, ne più né meno di un Galaxy Note
  • La qualità costruttiva e l'eleganza oscurano la concorrenza; primo fra tutti l'iPad stesso
  • Lo schermo: è ottimo per queste dimensioni e non sento la mancanza di una densità maggiore di punti, specie se questa si fa a spese di altre risorse come memoria, temperatura del processore e soprattutto batteria, quest'ultima superiore di quella già miracolosa del fratello maggiorw
  • La tastiera: si scrive molto meglio dei cugini Android e senza rinunce a confronto con il 10". Come sempre, per i più esigenti ci sono ottime tastiere bluetooth a circa 40€
Contro
  • La vista. Per chi ha meno di 40 anni o è più fortunato il problema non si pone, ma la maggiore risoluzione si fa a spese dei presbiti. E, se per molte applicazioni il problema non si pone perché sono più adattabili, come ad esempio negli e-book reader, nel browser diventa molto pesante e al momento non sembra risolvibile altrimenti che mettendo gli occhiali con più diottrie
  • Il tocco (da non confondere con la tastiera). Per certe attività è diventato molto meno preciso e, se ad essere penalizzati sono quelli dalle dita anche solo poco meno asciutte e ossute, per più o meno tutti la calibrazione è più approssimativa che non nel 10" e persino nell'iPhone. Come al solito, ad essere più penalizzato è Safari, dove è facile sbagliare mira e colpire il link vicino e rischia di diventare impossibile in molti casi usare certi menu a tendina e certi CRM come molti Nuke
  • La precisione dei dettagli di alcune App. Anche se l'iOS si direbbe perfettamente adattato alla resa sul Mini, non mancano taluni sbavi, anche se questa è proprio un'osservazione molto marginale e vera per chi casualmente finisce per imbattercisi.

Non è una novità. Non lo è neppure per me:mio figlio ce l’ha dalla prima ora e anche alcuni amici e da tutti loro lo avevo provato, così come avevo fatto anche delle prove comparative all’Apple Store confrontandolo con l’ultimo iPad 10″ per scoprire che in termini di velocità la differenza non esiste.

Ora che l’ho comprato, con le mie applicazioni e per i miei scopi, oltre che con i miei comportamenti sono in grado di comunicare quelli che per me sono i pro e contro definitivi dell’iPad Mini, almeno per uno della mia età e con il mio utilizzo.

Pro

  • Ovviamente, la leggerezza! Non ha niente da invidiare ad uno Smartphone.
  • Subito dopo, le dimensioni. Sta dovunque, ne più né meno di un Galaxy Note
  • La qualità costruttiva e l’eleganza oscurano la concorrenza; primo fra tutti l’iPad stesso
  • Lo schermo: è ottimo per queste dimensioni e non sento la mancanza di una densità maggiore di punti, specie se questa si fa a spese di altre risorse come memoria, temperatura del processore e soprattutto batteria, quest’ultima superiore di quella già miracolosa del fratello maggiorw
  • La tastiera: si scrive molto meglio dei cugini Android e senza rinunce a confronto con il 10″. Come sempre, per i più esigenti ci sono ottime tastiere bluetooth a circa 40€

Contro

  • La vista. Per chi ha meno di 40 anni o è più fortunato il problema non si pone, ma la maggiore risoluzione si fa a spese dei presbiti. E, se per molte applicazioni il problema non si pone perché sono più adattabili, come ad esempio negli e-book reader, nel browser diventa molto pesante e al momento non sembra risolvibile altrimenti che mettendo gli occhiali con più diottrie
  • Il tocco (da non confondere con la tastiera). Per certe attività è diventato molto meno preciso e, se ad essere penalizzati sono quelli dalle dita anche solo poco meno asciutte e ossute, per più o meno tutti la calibrazione è più approssimativa che non nel 10″ e persino nell’iPhone. Come al solito, ad essere più penalizzato è Safari, dove è facile sbagliare mira e colpire il link vicino e rischia di diventare impossibile in molti casi usare certi menu a tendina e certi CRM come molti Nuke
  • La precisione dei dettagli di alcune App. Anche se l’iOS si direbbe perfettamente adattato alla resa sul Mini, non mancano taluni sbavi, anche se questa è proprio un’osservazione molto marginale e vera per chi casualmente finisce per imbattercisi.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram