Quantcast

Gli affondamenti di barche di clandestine sono eventi quotidiani e spaventosi.

Centinaia, forse migliaia di uomini e donne affogano nel Mediterraneo e al largo delle Isole Canarie nel tentativo di migliorare la loro vita. Alla tragedia si aggiunge una tragedia supplementare, il nostro cambiamento: quello che venti anni fa ci avrebbe fatto inorridire oggi e` un fatto normale e quotidiano. Quelli che muoiono in mezzo al Mediterraneo non vengono quasi piu’considerati uomini. Si veda per esempio la differenza di trattamentro riservato ad i morti di una tragedia aerea tipo quella di Madrid e quello riservato agli annegati di un barcone.

 

Ad un livello certamente diverso c’e` il problema della clandestinita`. E` vero che uno stato deve avere dei confini e in qualche modo deve essere capace di regolare gli accessi al suo interno. I clandestini sono molti e spesso la clandestinita’ puo’ generare illegalita` e criminalita`. Essi inoltre creano dei costi per la pubblica amministrazione (pubblica sicurezza, sanita`, trasporti, istruzione, ecc.)  finche` i clandestini non contribuiscono all’erario.

Mentre e` abbastanza chiaro che le fasce medie e benestanti e le aziende sono nette beneficiarie dell’immigrazione, disponendo di forza lavoro (badanti, operai, camerieri, ecc) a prezzi ribassati, gli immigrati in genere, a torto o a ragione, vengono percepiti dalle fasce povere della popolazione come dei concorrenti, sia sul mercato del lavoro sia nel percepimento di pubblici servizi (“al pronto soccorso a causa degli immigrati ho dovuto aspettare tre ore”).  Si temono gli immigrati come concorrenti nelle richieste per ottenere posti al nido, nelle liste d’attesa per gli interventi chirurgici negli ospedali, nelle case popolari e per i sussidi in genere.

 

Infine molti temono che gli immigrati non accettino certi valori che noi, sia pur da poco, diamo come piu’ o meno acquisiti: diritti delle donne, liberta` sessuale, diritti delle minoranze e dei diversi, molteplicita` dei credo e delle convinzioni, insomma una societa` governata dalle leggi laiche fatte dai cittadini e non da norme dettate da Dio.

Ad onor del vero va detto che solo una minima parte dei clandestini oggi presenti in Italia e` arrivata usando barconi e scafisti. La gran parte e` arrivata munita di regolare visto turistico su mezzi di trasporto autorizzati e si e` poi fermata oltre la scadenza consentita.

Va comunque detto che sia chi arriva rischiando la propria vita su di un barcone, sia chi arriva con regolare visto spende somme assai considerevoli: si calcola dai 4,000 ai 15,000 dollari. In troppi casi il prezzo e` assai piu’ alto: si paga con la vita propria e quella dei propri cari.

Va anche aggiunto che l’attuale norma (legge Bossi Fini) prevede che in teoria un datore di lavoro assuma un dipendente senza mai averlo visto in faccia. Sono pochi i datori di lavoro tanto stupidi. Si tratta evidentemente di una farsa, di un modo mascherato per legalizzare clandestini gia` presenti sul territorio nazionale, senza pero’ ammettere che lo si fa. Unici beneficiari le agenzie di viaggi, di pulman, di navigazione e le compagnie aeree. Costo aggiuntivo per i “legalizzandi” alcune migliaia di euro. Beneficio per lo stato italiano =  € 0.

Siamo all’assurdo per cui alcuni immigrati, i “salvati” riescono ad entrare e dopo un periodo piu’ o meno lungo di clandestinita`, di peripezie e sofferenze, vengono legalizzati ed ottengono diritti almeno teoricamente simili a quelli dei cittadini italiani, magari suscitando le ire di alcuni italiani. Gli altri i “sommersi” spariscono nei flutti, senza alcun diritto, tante volte senza nemmeno un nome ed un funerale.

Dobbiamo trovare una via di mezzo, che sia possibile offrire a molti, evitando che il risentimento, piu’ o meno giustificato verso alcuni, diventi la condanna a morte per altri.

Non dico che la clandestinita` sia del tutto eliminabile, ne’ che si possa essere certi di eliminare gli affondamenti delle barche dei disperati nel Mediterraneo. E` pur vero che si puo’ fare qualcosa per ridurre la strage degli annegati e per ridurre la clandestinita`.

Bisogna creare degli incentivi alla presenza legale in Italia. 

Manteniamo pur in vita le attuali norme sull’immigrazione, anche se sono strambe, ma introduciamo un canale parallelo. Lo stato Italiano potrebbe offrire dei permessi temporanei per la ricerca di lavoro in Italia. Chi volesse ottenerli dovrebbe depositare presso il consolato italiano nel suo paese una somma tra i 3.000 ed i 10.000 euro. Per definire l’ammontare preciso potremmo anche stabilire delle quote di ingressi riservate a questo canale e poi metterle all’asta su internet, paese per paese. Inoltre i candidati ,che volessero beneficiare di questo canale, dovrebbero richiedere  un documento d’identita italiano provvisorio corredato di molti indicatori biometrici, impronte digitali, iride, forse anche DNA. Dovrebbero altresi’ emigrare con il consenso esplicito del paese di origine, in modo da non avere sorprese al momento di un eventuale rimpatrio. Infine, dopo un opportuno corso informativo per candidati alla migrazione, dovrebbero accettare per scritto o in videoregistrazione alcuni elementi fondamentali del nostro modo di vivere, specie quelli che normalmente, a posteriori, possono suscitare piu’ problemi.

A questo punto, dotati di identita` e nazionalita`certe e non cancellabili, coperti da una sufficiente cauzione, coscenti che l’Italia e` (o dovrebbe essere) un paese laico, potrebbero entrare in Italia in viaggi organizzati dal governo Italiano.

  Chi lo volesse potrebbe guadagnarsi dei titoli preferenziali per l’accesso in Italia, dimostrando di sapere l’italiano o di saper svolgere qualche professione richiesta in Italia.

 
Con il loro documento potrebbero circolare per l’Italia per otto mesi e per otto mesi potrebbero liberamente cercare lavoro, incontrando di persona potenziali datori di lavoro. Lo stato potrebbe anche darsi da fare per fare incontrare domanda ed offerta, organizzando fiere del lavoro e banche dati del lavoro.

Chi alla fine degli otto mesi avra` trovato un lavoro, potra` fermarsi in Italia per un anno, chi no, dovra` rientrare nel paese di origine e sara` facile identificarlo e riaccompagnarlo a casa.

Chi, dopo un ulteriore anno, sara` ancora occupato, potra’ restare, chi no, dovra` andarsene.

Chi gia` avra` regolarmente lavorato per venti mesi , potra` avere un permesso di soggiorno per piu’ anni.

A chi lascia l'Italia viene restituita tutta la somma versata all’inizio, meno le spese sostenute dallo stato italiano per il trasporto e l’accoglienza (spese di trasporto da e per il paese di origine, spese mediche, ecc.)  nel periodo considerato, qualora lo straniero non abbia pagato sufficienti tasse per pagare questi costi.

 

Si potrebbe anche aggiungere la norma che chi immigra secondo questo canale rinuncia per cinque anni a richiedere certi diritti e servizi sociali e medici a cui tutti i residenti hanno diritto (casa popolare, asili nido, ricongiungimento famigliare, operazioni mediche piu’ costose, ecc.). In fondo uno puo' decidere che  e` meglio stare in Italia con diritti temporaneamente ridotti, piuttosto che morir di fame a casa propria o vedere affogare i propri cari.

 
Infine parte della cauzione di chi resta a lavorare, potra` venire non restituita ed utilizzata per dei programmi mirati ad aiutare gli italiani delle fasce piu’ povere, in modo tale che anche essi possano vedere che l’immigrazione porta loro benefici.

Questo progetto arrecherebbe gravi danni agli scafisti e a chi in genere organizza l'immigrazione clandestina, gli ruberebbe molti clienti.

 Qualcuno mi definira` cinico, ma io credo che cinico sia colui che la sera riesce andare a dormire pur sapendo che quella notte molti affogheranno, cercando di immigrare e non fa nulla per salvarli.

Gustavo Rinaldi

 

 

 

 

Gli affondamenti
di barche di clandestine sono eventi quotidiani e spaventosi.

Centinaia, forse
migliaia di uomini e donne affogano nel Mediterraneo e al largo delle Isole
Canarie nel tentativo di migliorare la loro vita. Alla tragedia si aggiunge una
tragedia supplementare, il nostro cambiamento: quello che venti anni fa ci
avrebbe fatto inorridire oggi e` un fatto normale e quotidiano. Quelli che muoiono
in mezzo al Mediterraneo non vengono quasi piu’considerati uomini. Si
veda per esempio la differenza di trattamentro riservato ad i morti di una
tragedia aerea tipo quella di Madrid e
quello riservato agli annegati di un barcone.

 

Ad un livello
certamente diverso c’e` il problema della clandestinita`. E` vero che uno stato
deve avere dei confini e in qualche modo deve essere capace di regolare gli
accessi al suo interno. I clandestini sono molti e spesso la clandestinita’
puo’ generare illegalita` e criminalita`. Essi inoltre creano dei costi per la
pubblica amministrazione (pubblica sicurezza, sanita`, trasporti, istruzione,
ecc.)  finche` i clandestini non
contribuiscono all’erario.

Mentre e` abbastanza chiaro che le fasce medie
e benestanti e le aziende sono nette beneficiarie dell’immigrazione, disponendo di forza
lavoro (badanti, operai, camerieri, ecc) a prezzi ribassati, gli immigrati in
genere, a torto o a ragione, vengono percepiti dalle fasce povere della
popolazione come dei concorrenti, sia sul mercato del lavoro sia nel
percepimento di pubblici servizi (“al pronto soccorso a causa degli immigrati
ho dovuto aspettare tre ore”).  Si temono
gli immigrati come concorrenti nelle richieste per ottenere posti al nido,
nelle liste d’attesa per gli interventi chirurgici negli ospedali, nelle case
popolari e per i sussidi in genere.

 

Infine molti
temono che gli immigrati non accettino certi valori che noi, sia pur da poco,
diamo come piu’ o meno acquisiti: diritti delle donne, liberta` sessuale,
diritti delle minoranze e dei diversi, molteplicita` dei credo e delle
convinzioni, insomma una societa` governata dalle leggi laiche fatte dai
cittadini e non da norme dettate da Dio.

Ad onor del vero
va detto che solo una minima parte dei clandestini oggi presenti in Italia e`
arrivata usando barconi e scafisti. La gran parte e` arrivata munita di regolare visto
turistico su mezzi di trasporto autorizzati e si e` poi fermata oltre la
scadenza consentita.

Va comunque detto che sia chi arriva
rischiando la propria vita su di un barcone, sia chi arriva con regolare visto
spende somme assai considerevoli: si calcola dai 4,000 ai 15,000 dollari. In
troppi casi il prezzo e` assai piu’ alto: si paga con la vita propria e quella
dei propri cari.

Va anche aggiunto
che l’attuale norma (legge Bossi Fini)
prevede che in teoria un datore di lavoro assuma un dipendente senza mai averlo
visto in faccia. Sono pochi i datori di lavoro tanto stupidi. Si tratta evidentemente di una farsa, di un
modo mascherato per legalizzare clandestini gia` presenti sul territorio
nazionale, senza pero’ ammettere che lo si fa. Unici beneficiari le agenzie di
viaggi, di pulman, di navigazione e le compagnie aeree. Costo aggiuntivo per i
“legalizzandi” alcune migliaia di euro. Beneficio per lo stato italiano =  € 0.

Siamo all’assurdo
per cui alcuni immigrati, i “salvati” riescono ad entrare e dopo un periodo
piu’ o meno lungo di clandestinita`, di peripezie e sofferenze, vengono
legalizzati ed ottengono diritti almeno teoricamente simili
a quelli dei cittadini italiani, magari suscitando le ire di alcuni italiani.
Gli altri i “sommersi” spariscono nei flutti, senza alcun diritto, tante volte
senza nemmeno un nome ed un funerale.

Dobbiamo trovare
una via di mezzo, che sia possibile offrire a molti, evitando che il
risentimento, piu’ o meno giustificato verso alcuni, diventi la condanna a
morte per altri.

Non dico che la
clandestinita` sia del tutto eliminabile, ne’ che si possa essere certi di
eliminare gli affondamenti delle barche dei disperati nel Mediterraneo. E` pur
vero che si puo’ fare qualcosa per ridurre la strage degli annegati e per
ridurre la clandestinita`.

Bisogna creare
degli incentivi alla presenza legale in Italia. 

Manteniamo pur in
vita le attuali norme sull’immigrazione, anche se sono strambe, ma introduciamo un canale parallelo.
Lo stato Italiano potrebbe offrire dei permessi temporanei per la ricerca di
lavoro in Italia. Chi volesse ottenerli dovrebbe depositare presso il consolato
italiano nel suo paese una somma tra i 3.000 ed i 10.000 euro. Per definire
l’ammontare preciso potremmo anche stabilire delle quote di ingressi riservate a questo
canale e poi metterle all’asta su internet, paese per paese. Inoltre i
candidati ,che volessero beneficiare di questo canale, dovrebbero richiedere  un documento d’identita italiano
provvisorio corredato di molti indicatori biometrici, impronte digitali, iride,
forse anche DNA. Dovrebbero altresi’ emigrare con il consenso esplicito del
paese di origine, in modo da non avere sorprese al momento di un eventuale
rimpatrio. Infine, dopo un opportuno corso informativo per candidati alla
migrazione, dovrebbero accettare per scritto o in videoregistrazione alcuni
elementi fondamentali del nostro modo di vivere, specie quelli che normalmente,
a posteriori, possono suscitare piu’ problemi.

A questo punto,
dotati di identita` e nazionalita`certe e non cancellabili, coperti da una
sufficiente cauzione, coscenti che l’Italia e` (o dovrebbe essere) un paese laico, potrebbero
entrare in Italia in viaggi organizzati dal governo Italiano.

  Chi lo volesse potrebbe guadagnarsi dei titoli
preferenziali per l’accesso in Italia, dimostrando di sapere l’italiano o di
saper svolgere qualche professione richiesta in Italia.

 
Con il loro
documento potrebbero circolare per l’Italia per otto mesi e per otto mesi potrebbero
liberamente cercare lavoro, incontrando di persona potenziali datori di lavoro.
Lo stato potrebbe anche darsi da fare per fare incontrare domanda ed offerta,
organizzando fiere del lavoro e banche dati del lavoro.

Chi alla fine
degli otto mesi avra` trovato un lavoro, potra` fermarsi in Italia per un anno,
chi no, dovra` rientrare nel paese di origine e sara` facile identificarlo e
riaccompagnarlo a casa.

Chi, dopo un ulteriore anno,
sara` ancora occupato, potra’ restare, chi no, dovra` andarsene.

Chi gia` avra` regolarmente lavorato per venti
mesi , potra` avere un permesso di
soggiorno per piu’ anni.

A chi lascia l’Italia viene restituita tutta la somma versata all’inizio, meno le spese
sostenute dallo stato italiano per il trasporto e l’accoglienza (spese di trasporto da e per il
paese di origine, spese mediche, ecc.)  nel periodo considerato, qualora lo straniero
non abbia pagato sufficienti tasse per pagare questi costi.

 

Si potrebbe anche
aggiungere la norma che chi immigra secondo questo canale rinuncia per cinque
anni a richiedere certi diritti e servizi sociali e medici a cui tutti i residenti hanno diritto (casa
popolare, asili nido, ricongiungimento famigliare, operazioni mediche piu’
costose, ecc.). In fondo uno puo’ decidere che  e` meglio stare in Italia con diritti temporaneamente ridotti, piuttosto che morir di fame a casa propria o vedere affogare i propri cari.

 
Infine parte
della cauzione di chi resta a lavorare,
potra` venire non restituita ed utilizzata per dei programmi mirati ad aiutare
gli italiani delle fasce piu’ povere, in modo tale che anche essi possano
vedere che l’immigrazione porta loro benefici.

Questo progetto arrecherebbe gravi danni agli scafisti e a chi in genere organizza l’immigrazione clandestina, gli ruberebbe molti clienti.

 Qualcuno mi
definira` cinico, ma io credo che cinico sia colui che la sera riesce andare a
dormire pur sapendo che quella notte molti affogheranno, cercando di immigrare
e non fa nulla per salvarli.

Gustavo Rinaldi

 

 

 

 

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram