Quantcast

I nostri soldati sono  in Afganistan nell’ambito di una missione di pace e di ricostruzione. E` encomiabile cio’ che fanno per aiutare la gente di quel paese. Altri  paesi sono in Afganistan in una missione di antiterrorismo o si occupano di lotta al narcotraffico e di lotta alla coltivazione dell’oppio.

E` molto difficile far capire a tutti gli Afgani la differenza tra queste varie missioni. Per loro gli occidentali sono abbastanza un tutt’uno, anche perche` si tratta di paesi di origine non islamica tra loro alleati.

 Quand’anche fosse possible che in uno stesso paese operassero diversi contingenti con missioni cosi’ diverse (ricostruzione, antiterrorismo e anti-narcotici) bisognerebbe che seguissero tutti le stesse norme di ingaggio e gli stessi criteri,  nonche` operassero all’interno di un chiaro progetto di sviluppo del paese.

Purtroppo non tutti operano seguendo le stesse regole. I giornali americani (ad esempio il New York Times) piu’ volte ci hanno riferito di villaggi bombardati e bruciati per la presunta presenza di terroristi nel circondario. A parte il fatto che in certi casi si e` potuto provare che si sono confuse feste di nozze con adunate di Al kaida, anche nei casi in cui l’intelligence sia di una migliore qualita` e ci si trovi davvero in presenza di assassini, dovrebbe valere la regola contrattata da Abramo con Dio in Genesi, 18, 20-23. Il fatto che in un posto ci siano anche pochi innocenti e` motivo sufficiente per non distruggere quel posto, per quanto tremende siano le colpe dei tanti deliquenti presenti in quella localita`. Spesso sembra che  i nostri amici americani ignorino questa norma. Cio’ deteriora considerevolmente l’immagine di tutte le truppe occidentali presenti in Afganistan, rendendo molto difficile conquistare “hearts and minds” (i cuori e le menti) degli Afgani. Cio’ ad esempio non li stimola a denunciare, come dovrebbero, qualcuno che sta per piazzare una bomba e facilita l'arruolamento nei gruppi antidemocratici che fan uso di bombe ed attentati.

Infine manca un vero progetto per l’Afganistan. Si distruggono le coltivazioni di oppio, ma non si offre un prezzo minimo garantito per le produzioni non oppiacee come ad esempio il grano e gli animali d`allevamento.
Con che cuore i contadini afgani devono smettere di coltivare la droga, se non vedono un’alternativa? Quanto e` realistica una battaglia cosi’ condotta?
I fondi occidentali disponibili per l’Afganistan sono poca cosa, se si esclude le spese militari.
I nostri soldati sono ammirevoli e coraggiosi; a loro va nostra gratitudine ed il nostro rispetto.
La missione che devono svolgere, cosi’ come e' ora,  purtroppo,  e’ impossibile.

I nostri
soldati sono  in Afganistan nell’ambito di una missione
di pace e di ricostruzione. E` encomiabile cio’ che fanno per aiutare la gente
di quel paese.
Altri  paesi sono in Afganistan in una missione di antiterrorismo o si occupano di lotta al
narcotraffico e di lotta alla coltivazione dell’oppio.

E` molto
difficile far capire a tutti gli Afgani la differenza tra queste varie
missioni. Per loro gli occidentali sono abbastanza un tutt’uno, anche perche`
si tratta di paesi di origine non islamica tra loro alleati.

 Quand’anche fosse
possible che in uno stesso paese operassero diversi contingenti con missioni
cosi’ diverse (ricostruzione, antiterrorismo e anti-narcotici) bisognerebbe che
seguissero tutti le stesse norme di ingaggio e gli stessi criteri,  nonche` operassero all’interno di un chiaro
progetto di sviluppo del paese.

Purtroppo non
tutti operano seguendo le stesse regole. I giornali americani (ad esempio il New York Times) piu’ volte ci
hanno riferito di villaggi bombardati e bruciati per la presunta presenza di
terroristi nel circondario. A parte il fatto che in certi casi si e` potuto
provare che si sono confuse feste di nozze con adunate di Al kaida, anche nei casi in cui l’intelligence sia di una
migliore qualita` e ci si trovi davvero in presenza di assassini, dovrebbe valere
la regola contrattata da Abramo con Dio in Genesi, 18, 20-23. Il fatto
che in un posto ci siano anche pochi innocenti e` motivo sufficiente per non
distruggere quel posto, per quanto tremende siano le colpe dei tanti deliquenti presenti in quella localita`.
Spesso sembra che  i nostri amici americani ignorino questa norma.
Cio’ deteriora considerevolmente l’immagine di tutte le truppe occidentali
presenti in Afganistan, rendendo molto difficile conquistare “hearts and minds”
(i cuori e le menti) degli Afgani. Cio’ ad esempio non li stimola a denunciare,
come dovrebbero, qualcuno che sta per piazzare una bomba e facilita l’arruolamento nei gruppi antidemocratici che fan uso di bombe ed attentati.

Infine manca un
vero progetto per l’Afganistan. Si distruggono le coltivazioni di oppio, ma non
si offre un prezzo minimo garantito per le produzioni non oppiacee come ad
esempio il grano e gli animali d`allevamento.
Con che cuore i
contadini afgani devono smettere di coltivare la droga, se non vedono
un’alternativa? Quanto e` realistica una battaglia cosi’ condotta?
I fondi
occidentali disponibili per l’Afganistan sono poca cosa, se si esclude le spese
militari.
I nostri soldati
sono ammirevoli e coraggiosi; a loro va nostra gratitudine ed il nostro
rispetto.
La missione che
devono svolgere, cosi’ come e’ ora,  purtroppo,  e’ impossibile.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram