Quantcast

Se io produco scarpe, motociclette, automobili o telefoni cellulari il mio stipendio dipendera` dal prezzo mondiale delle scarpe, delle motociclette, delle auto o dei cellulari.
Se questo prezzo scende, perche` qualcuno nel mondo sa produrli a prezzi bassi, il mio stipendio scende pure. Se non scende, l`azienda per cui lavoro dovra` licenziare prima qualcuno e poi tanti.
Io dovro` pur sempre affittare una casa, avere un conto in banca,andare dal medico, chiamare l’idraulico, prendere il bus o il taxi, pagare il notaio, comprare le medicine, andare al bar, andare all’anagrafe.... Tutte queste spese non scenderanno di prezzo tanto quanto scende il mio stipendio. I loro prezzi non sono fissati sul mercato mondiale, ma secondo regole nostrane. Il loro prezzo potra` anche salire, mentre il mio stipendio scende.

Di conseguenza io, produttore di scarpe e telefonini, diventero’ progressivamente piu` povero.
Si verranno a formare due caste. La casta di quelli esposti al commercio internazionale e la casta dei non esposti.

Per evitare cio' i casi sono due:
o riusciamo a bloccare tutte le importazioni (e quindi le esportazioni, perche’ gli altri non staranno a guardare, mentre noi blocchiamo i loro prodotti)

o mettiamo piu’ concorrenza in quei settori, che oggi ne sono privi.

Chi lavora in lavori non esposti alla concorrenza internazionale beneficia alla grande di essa. Le cose che si possono commerciare (telefoni, automobili, motociclette, vestiti, scarpe, ecc.) diventano sempre piu' economiche, beneficiando tutti. Alcuni pero' pagano un alto prezzo (salari che non crescono o diminuiscono) e altri no (le loro paghe non sono toccate dalla concorrenza internazionale).

Proteggere certi settori dalla concorrenza, quando altri sono esposti ad essa, vuol dire permettere che qualcuno diventi piu' ricco proprio mentre tanti diventano piu' poveri.

Se io produco
scarpe, motociclette, automobili o telefoni cellulari il mio stipendio
dipendera` dal prezzo mondiale delle scarpe, delle motociclette, delle auto o
dei cellulari.
Se questo prezzo
scende, perche` qualcuno nel mondo sa produrli a prezzi bassi, il mio stipendio
scende pure. Se non scende, l`azienda per cui lavoro dovra` licenziare prima qualcuno e poi tanti.
Io dovro` pur sempre
affittare una casa, avere un conto in banca,andare dal medico, chiamare l’idraulico, prendere il bus o
il taxi, pagare il notaio, comprare le medicine, andare al bar, andare
all’anagrafe…. Tutte queste spese non
scenderanno di prezzo tanto quanto scende il mio stipendio. I loro prezzi non
sono fissati sul mercato mondiale, ma secondo regole nostrane. Il loro prezzo
potra` anche salire, mentre il mio stipendio scende.

Di conseguenza io,
produttore di scarpe e telefonini, diventero’ progressivamente piu` povero.
Si verranno a
formare due caste. La casta di quelli esposti al commercio internazionale e la
casta dei non esposti.

Per evitare cio’ i casi sono due:
o riusciamo a
bloccare tutte le importazioni (e quindi le esportazioni, perche’ gli altri non
staranno a guardare, mentre noi blocchiamo i loro prodotti)

o mettiamo piu’
concorrenza in quei settori, che oggi ne sono privi.

Chi lavora in lavori non esposti alla concorrenza internazionale beneficia alla grande di essa. Le cose che si possono commerciare (telefoni, automobili, motociclette, vestiti, scarpe, ecc.) diventano sempre piu’ economiche, beneficiando tutti. Alcuni pero’ pagano un alto prezzo (salari che non crescono o diminuiscono) e altri no (le loro paghe non sono toccate dalla concorrenza internazionale).

Proteggere certi settori dalla concorrenza, quando altri sono esposti
ad essa, vuol dire permettere che qualcuno diventi piu’ ricco proprio mentre
tanti diventano piu’ poveri.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram