Quantcast

In Austria il cattivo storico inglese David Irving e` stato condannato a tre anni di prigione per aver negato lo sterminio degli ebrei durante il regime nazista.

In Turchia pochi mesi fa lo scrittore Orham Pamuk ha evitato tre anni di prigione solo grazie a pressioni dell'Unione Europea sul governo turco. Un tribunale lo stava processando per aver detto pubblicamente che non si puo' negare lo sterminio degli Armeni ad opera dei Turchi. Violava l'articolo 301 del nuovo codice penale turco che vieta di insultare l'identita` nazionale turca. Molta altra gente e` tuttora sotto processo per simili ragioni; Pamuk se l'e` cavata in fretta e bene perche' e` stato  candidato al nobel ed ha attratto l'attenzione della Commissione Europea.

Evidentemente ci sono due pesi e due misure.
La misura austriaca e` quella che io considero propria di un paese dell'Unione Europea.

http://web.amnesty.org/library/Index/ENGEUR440012006?open&of=ENG-2EU

In Austria il cattivo storico inglese David Irving e` stato condannato a tre anni di prigione per aver negato lo sterminio degli ebrei durante il regime nazista.

In Turchia pochi mesi fa lo scrittore Orham Pamuk ha evitato tre anni di prigione solo grazie a pressioni dell’Unione Europea sul governo turco. Un tribunale lo stava processando per aver detto pubblicamente che non si puo’ negare lo sterminio degli Armeni ad opera dei Turchi. Violava l’articolo 301 del nuovo codice penale turco che vieta di insultare l’identita` nazionale turca. Molta altra gente e` tuttora sotto processo per simili ragioni; Pamuk se l’e` cavata in fretta e bene perche’ e` stato  candidato al nobel ed ha attratto l’attenzione della Commissione Europea.

Evidentemente ci sono due pesi e due misure.
La misura austriaca e` quella che io considero propria di un paese dell’Unione Europea.

http://web.amnesty.org/library/Index/ENGEUR440012006?open&of=ENG-2EU

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram