Quantcast

Le circonvallazioni sono la soluzione di tanti problemi o ne sono la causa?
Tempo fa ce ne ocupammo:

http://gustavorinaldi.blog.lastampa.it/il_mio_weblog/2006/01/circonvallazion.html

Ora riceviamo e volentieri publichiamo:

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il caso di Carmagnola e’ eclatante perche’ la Circonvallazione a suo tempo era stata fatta ma ormai e’ in citta’.

Savigliano nel lato sud ovest (tra la strada di Saluzzo e quella di Cuneo) sta avendo lo stesso problema.

Il problema e’ che le circonvallazioni presentano due conseguenze:

a) le attivita’ commerciali, una volta realizzata la tangenziale, lamentano un calo dei passaggi e delle fermate: e’ normale. Questo fenomeno a me piace chiamarlo, “caso Biraghi” per l’effetto che ha avuto quella ditta casearia che vende i suoi prodotti al pubblico, dopo la realizzazione della circonvallazione di Cavallermaggiore (CN). Quella ditta ha attenuato il problema offrendo i suoi prodotti in molti supermercati, compresi a Torino, ma non tutti possono fare lo stesso.

Quindi si tenga presente che una tangenziale, attenuera’ il traffico nei centri abitati, ma puo’ avere conseguenze economiche negative, specie nell’immediato.

b) politica del decentramento commerciale proprio sulle circonvallazioni. Qui si presenta il “fenomeno Carmagnola”. Le attivita’ e le abitazioni debbono avere un accesso solo dall’”interno” del centro abitato, non dalla circonvallazione, perche’ altrimenti si creano nuovi incroci, nuovi attraversamenti, nuovo traffico. E in piu’ la cosa va fatta solo dal lato “interno” della circonvallazione e non a cavallo di essa, come si e’ fatto a Carmagnola o a Tortona e come si sta facendo ad esempio a Vigone (TO).

Marco Brignone

Le circonvallazioni sono la soluzione di tanti problemi o ne sono la causa?
Tempo fa ce ne ocupammo:

http://gustavorinaldi.blog.lastampa.it/il_mio_weblog/2006/01/circonvallazion.html

Ora riceviamo e volentieri publichiamo:

—————————————————————————————————————-

Il caso di Carmagnola e’ eclatante perche’ la Circonvallazione
a suo tempo era stata fatta ma ormai e’ in citta’.

Savigliano nel lato sud ovest (tra la strada di
Saluzzo e quella di Cuneo) sta avendo lo stesso problema.

Il problema e’ che le circonvallazioni presentano
due conseguenze:

a) le attivita’ commerciali, una volta realizzata
la tangenziale, lamentano un calo dei passaggi e delle fermate: e’ normale.
Questo fenomeno a me piace chiamarlo, “caso Biraghi” per l’effetto che ha avuto
quella ditta casearia che vende i suoi prodotti al pubblico, dopo la
realizzazione della circonvallazione di Cavallermaggiore (CN). Quella ditta ha attenuato il
problema offrendo i suoi prodotti in molti supermercati, compresi a Torino, ma
non tutti possono fare lo stesso.

Quindi si tenga presente che una tangenziale,
attenuera’ il traffico nei centri abitati, ma puo’ avere conseguenze economiche
negative, specie nell’immediato.

b) politica del decentramento commerciale proprio
sulle circonvallazioni. Qui si presenta il “fenomeno Carmagnola”. Le attivita’
e le abitazioni debbono avere un accesso solo dall’”interno” del centro
abitato, non dalla circonvallazione, perche’ altrimenti si creano nuovi
incroci, nuovi attraversamenti, nuovo traffico. E in piu’ la cosa va fatta solo
dal lato “interno” della circonvallazione e non a cavallo di essa, come si e’ fatto a Carmagnola o a Tortona e come si sta facendo ad esempio
a Vigone (TO).

Marco Brignone

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram