Quantcast

Il museo egizio di Torino sta cambiando. Io mi permetto di dare alcuni consigli. Prima di tutto, il Museo dovrebbe avere una serie di obiettivi. Proporrei i seguenti:

  • Conservare un patrimonio prezioso.
  • Favorire lo studio e la ricerca sull`Antico Egitto.
  • Insegnare al grande pubblico.
  • Generare reddito ed occupazione.
  • Aiutarci a migliorare i nostri legami con l`Egitto di oggi.

Altri hanno gia` detto che il Museo dovrebbe diventare piu` facile da visitare, piu` attraente. Tempo fa,  trovai che molti oggetti erano datati solo coi nomi delle dinastie o dei monarchi regnanti. Questo ad un profano, come me, dice assai poco. Non dico di non mettere queste indicazioni, dico di aggiungere anche delle date tipo “1000 a.c.” Le spiegazioni ovviamente dovrebbero essere sempre anche in inglese e magari francese e tedesco. All`ingresso si possono fornire dele fotocopie con traduzioni in altre lingue delle didascalie di almeno alcuni pezzi fondamentali. Queste fotocopie dovrebbero essere disponibili anche in arabo, russo, cinese, indi, turco, oltre che nelle piu` diffuse lingue europee.

Video e filmati potrebbero farci vedere ricostruzioni degli oggeti nel loro contesto originario o darci spiegazioni sulla vita e la storia degli Egizi. Ideali sono certe cuffie nelle quali si puo` adattare la lingua e l`oggetto di interesse. Se sono davanti alla statua 41 e parlo portoghese, mi racconteranno in portoghese vita morte e miracoli della statua 41.

Il negozio/libreria contiene relativamente pochi oggetti. Sarebbe bello potere acquistare riproduzioni delle statue e dei sarcofagi del museo, nonche` di pitture ed oggetti di uso quotidiano, come pettini, piatti , scodelle e vestiti.

 Ci vorrebbe inoltre:

  • uno spazio dedicato alla scienza e      alla tecnica presso gli Egizi:      matematica, astronomia, idraulica, ingegneria, chirurgia...solo per fare      alcuni nomi. Certo bisognerebbe tirare dentro la competenza matematici,      astronomi, medici e di altri esperti di varie discipline. 
  • uno spazio dedicato alla musica degli      egizi, con ricostruzioni dei loro strumenti ,  offrendo a gente esperta e meno esperta      la possibilita` di suonarli.
  • uno spazio dedicato alla cosmesi.      Molte signore e signorine e magari anche qualche signore potrebbero essere interessati a provare gli unguenti ed i trucchi che si usavano 3000 anni fa.
  • uno spazio dedicato ai giochi con cui gli Egizi giocavano. Anche noi dovremmo poter giocare i loro giochi.

 
Ci dovrebbe essere la possibilita` di mangiare il cibo che mangiavano gli Egizi.

Inoltre e` essenziale la presenza di  un caffe`  dove fermarsi rilassatamente a leggere o chiaccherare. Nel locale del caffe`, la disponibilita` di porte wireless per potersi collegare a internet con il proprio laptop sarebbe benvenuta.
Il museo potra` anche cercare di coinvolgere la comunita` degli Egiziani che vivono a Torino ed in Piemonte. Il Museo e` un grande legame che ci unisce a loro. Sarebbe bello trovare delle occasioni per parlare anche dell`Egitto moderno, dei suoi abitanti, dei suoi scrittori, del fatto che oggi non c`e` molta piu`democrazia  che 3000 anni fa, ma che e` comunque una societa` interessante e piena di fermenti .

 Infine molti, visitando il museo Egizio di Torino restano impressionati dall` attenzione che quella grande civilta` prestava ai morti. Qualcuno sara` certamente attratto dall`idea di venire un giorno , dopo la propria morte, mummificato. Perche` non poter prenotare la propria mummificazione, se lo si desidera? Il Museo dovrebbe farsi garante che avvenga secondo procedure autenticamente e rigorosamente di tipo faraonico.

 Infine sara` anche il caso di migliorare ed aggiornare il sito internet (http://www.museoegizio.org),  il quale come e` oggi,  e` tutt`altro che attraente ed e` rigorosamente mono-lingua.

Il museo egizio
di Torino sta cambiando.
Io mi permetto di
dare alcuni consigli.
Prima di tutto, il Museo dovrebbe avere una serie di obiettivi. Proporrei i
seguenti:

  • Conservare un patrimonio prezioso.
  • Favorire lo studio e la ricerca sull`Antico Egitto.
  • Insegnare al grande pubblico.
  • Generare reddito ed occupazione.
  • Aiutarci a migliorare i nostri legami con l`Egitto di oggi.

Altri hanno gia`
detto che il Museo dovrebbe diventare piu` facile da visitare, piu` attraente.
Tempo fa,  trovai che molti oggetti erano
datati solo coi nomi delle dinastie o dei monarchi regnanti. Questo ad un
profano, come me, dice assai poco. Non dico di non
mettere queste indicazioni, dico di aggiungere anche delle date tipo “1000
a.c.” Le spiegazioni ovviamente dovrebbero essere sempre anche in inglese e
magari francese e tedesco. All`ingresso si possono fornire dele fotocopie con
traduzioni in altre lingue delle didascalie di almeno alcuni pezzi fondamentali.
Queste fotocopie dovrebbero essere disponibili anche in arabo, russo, cinese, indi,
turco, oltre che nelle piu` diffuse
lingue europee.

Video e filmati potrebbero farci vedere
ricostruzioni degli oggeti nel loro contesto originario o darci spiegazioni
sulla vita e la storia degli Egizi. Ideali sono certe cuffie nelle quali si
puo` adattare la lingua e l`oggetto di interesse. Se sono davanti alla statua
41 e parlo portoghese, mi racconteranno in portoghese vita morte e miracoli
della statua 41.

Il negozio/libreria
contiene relativamente pochi oggetti. Sarebbe bello potere acquistare
riproduzioni delle statue e dei sarcofagi del museo, nonche` di pitture ed
oggetti di uso quotidiano, come pettini, piatti , scodelle e vestiti.

 Ci vorrebbe
inoltre:

  • uno spazio dedicato alla scienza e
         alla tecnica presso gli Egizi:
         matematica, astronomia, idraulica, ingegneria, chirurgia…solo per fare
         alcuni nomi. Certo bisognerebbe tirare dentro la competenza matematici,
         astronomi, medici e di altri esperti di varie discipline.
     
  • uno spazio dedicato alla musica degli
         egizi, con ricostruzioni dei loro strumenti ,  offrendo a gente esperta e meno esperta
         la possibilita` di suonarli.
  • uno spazio dedicato alla cosmesi.
         Molte signore e signorine e magari anche qualche signore potrebbero essere interessati a provare gli unguenti ed i trucchi che si usavano 3000 anni fa.
  • uno spazio dedicato ai giochi con cui gli Egizi giocavano. Anche noi dovremmo poter giocare i loro giochi.

 
Ci dovrebbe
essere la possibilita` di mangiare il cibo che mangiavano gli Egizi.

Inoltre e` essenziale
la presenza di  un caffe`  dove fermarsi rilassatamente a leggere o
chiaccherare. Nel locale del caffe`, la disponibilita` di porte wireless per potersi collegare a internet con il proprio laptop sarebbe benvenuta.
Il museo potra`
anche cercare di coinvolgere la comunita` degli Egiziani che vivono a Torino ed
in Piemonte. Il Museo e` un grande legame che ci unisce a loro. Sarebbe bello
trovare delle occasioni per parlare anche dell`Egitto moderno, dei suoi abitanti,
dei suoi scrittori, del fatto che oggi non c`e` molta piu`democrazia  che 3000
anni fa, ma che e` comunque una societa` interessante e piena di fermenti .

 Infine molti, visitando
il museo Egizio di Torino restano impressionati dall` attenzione che quella grande
civilta` prestava ai morti. Qualcuno sara` certamente attratto dall`idea di
venire un giorno , dopo la propria morte, mummificato. Perche` non poter
prenotare la propria mummificazione, se lo si desidera? Il Museo dovrebbe farsi
garante che avvenga secondo procedure autenticamente e rigorosamente di tipo faraonico.

 Infine sara` anche il
caso di migliorare ed aggiornare il sito internet (http://www.museoegizio.org),  il quale come e` oggi,  e` tutt`altro che attraente ed e`
rigorosamente mono-lingua.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram