Quantcast

Nel Regno Unito, a quanto ne so, I matrimoni civili non sono celebrati da rappresentanti del popolo,democraticamente eletti, ma da funzionari. A qualcuno questo potra` sembrare sminuente. E` pero’ anche vero che molti di questi funzionari si specializzano e diventano dei veri e propri cerimonieri. A volte il loro abito e` molto formale e cio` puo’ contribuire a dar risalto all`evento. Inoltre spesso si tratta di individui con una formazione ed una spiccata capacita` a parlare in pubblico. Essi hanno la capacita` di aiutare tutti i presenti a percepire la solennita` dell`evento. Tutto cio` puo` migliorare di molto il contorno di una scelta cosi` importante.

 

Direi che sarebbe anche il caso di pensare ai funerali. Troppo spesso, in assenza di una cerimonia religiosa, non c`e’ un momento ed un luogo per salutare una persona che se ne va. C`e` il cimitero, mi direte. Ma all`aperto,  in una fredda giornata invernale si puo` desiderare di fare solo in fretta, cercando di seppellire il caro estinto a tempo di record. Quello che dovrebbe essere un funerale, un ultimo saluto, un ricordare per un momento quello che una persona e` stata e di quanto gli siamo debitori, troppo spesso diviene un sistemare in fretta, da qualche parte, cio` che ne resta.

Cio` probabilmente dipende dal desiderio di superare la morte il piu` in fretta possibile (rimozione), ma forse dipende anche dalla difficolta` oggettiva di fermarsi a ricordare qualcuno, se non si ha un luogo di culto per farlo. Certo le persone famose vengono ricordate comunque nei luoghi  dove hanno svolto un ruolo particolare; tante persone non sono famose eppure sono importanti.

Credo che sarebbe giusto che il Comune offrisse la possibilita` di fare delle cerimonie civili di commiato. Prima di tutto dovrebbe offrire una sala dove la gente si possa riunire, se lo desidera. Eventualmente potrebbero anche esserci dei dipendenti disponibili ad aiutare amici e famigliari ad organizzare il momento di ricordo e di saluto, magari corredato da qualche musica o immagine.

La morte sempre morte sara`, ma potremo cercare di dare un saluto migliore a chi se ne e` andato.

Nel Regno Unito,
a quanto ne so, I matrimoni civili non sono celebrati da rappresentanti del
popolo,democraticamente eletti, ma da funzionari. A qualcuno questo potra`
sembrare sminuente. E` pero’ anche vero che molti di questi funzionari si specializzano e
diventano dei veri e propri cerimonieri. A volte il loro abito e` molto formale
e cio` puo’ contribuire a dar risalto
all`evento. Inoltre spesso si tratta di individui con una formazione ed una
spiccata capacita` a parlare in pubblico. Essi hanno la capacita` di aiutare
tutti i presenti a percepire la solennita` dell`evento. Tutto cio` puo` migliorare
di molto il contorno di una scelta cosi` importante.

 

Direi che sarebbe
anche il caso di pensare ai funerali. Troppo spesso, in assenza di una
cerimonia religiosa, non c`e’ un momento ed un luogo per salutare una persona
che se ne va. C`e` il cimitero, mi direte. Ma all`aperto,  in una fredda giornata invernale si puo` desiderare
di fare solo in fretta, cercando di seppellire il caro estinto a tempo di record.
Quello che dovrebbe essere un funerale, un ultimo saluto, un ricordare per un
momento quello che una persona e` stata e di quanto gli siamo debitori, troppo
spesso diviene un sistemare in fretta, da qualche parte, cio` che ne resta.

Cio`
probabilmente dipende dal desiderio di superare la morte il piu` in fretta
possibile (rimozione), ma forse dipende anche dalla difficolta` oggettiva di
fermarsi a ricordare qualcuno, se non si ha un luogo di culto per farlo. Certo
le persone famose vengono ricordate comunque nei luoghi  dove hanno svolto un ruolo particolare; tante
persone non sono famose eppure sono importanti.

Credo che sarebbe
giusto che il Comune offrisse la possibilita` di fare delle cerimonie civili di
commiato. Prima di tutto dovrebbe offrire una sala dove la gente si possa
riunire, se lo desidera. Eventualmente potrebbero anche esserci dei dipendenti
disponibili ad aiutare amici e famigliari ad organizzare il momento di ricordo
e di saluto, magari corredato da qualche musica o immagine.

La morte sempre morte sara`, ma potremo
cercare di dare un saluto migliore a chi se ne e` andato.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram