Quantcast
Torino ’69 di Ettore Boffano, Salvatore Tropea e  Mauro Vallinotto, il racconto della Torino in bianco e nero degli operai che non ci sono più

Venerdì 8 novembre, alle ore ore 18 presso il CineTeatro San Barnaba di Torino in Strada Castello dii Mirafiori 42, verrà presentato il libro Torino ’69 di Ettore Boffano, Salvatore Tropea e Mauro Vallinotto edito da Laterza che racconta la vita a Torino in quegli anni con colonie estive Fiat, lotte sindacali e vita quotidiana degli anni Sessanta.

La scheda del libro

Torino, autunno 1969. Sono trascorsi 50 anni ma sembra passata un’era geologica. A guardare le meravigliose fotografie di Mauro Vallinotto ci pare di osservare il paesaggio di un altro pianeta. Tram e biciclette, case fatiscenti, valigie legate con lo spago, masse di uomini e donne che sfilano insieme in corteo, il lavoro fatto di sudore, fatica, sporco. Sono foto che ci parlano ancora. Forse perché in quei volti spossati, stanchi, logori, rivediamo i nostri padri e le nostre madri. Forse perché in quelle stanze misere, in quegli sgomberi forzati degli immigrati meridionali a Torino rivediamo la stessa condizione di chi arriva oggi da altri paesi. Forse perché ci ricordano un tempo scandito da ideali e da vivide speranze cui ora guardiamo con nostalgia. Come trasportati dalla macchina del tempo, torniamo all”autunno caldo’ in cui tutto è cominciato. Perché se il ’68 è stato un movimento elitario, di studenti e professori, nel 1969 a muoversi è l’intera società. A farne la cronaca sono due importanti giornalisti come Ettore Boffano e Salvatore Tropea, testimoni di quella stagione.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram