Quantcast
L’ex giornalista Rai torinese Carlo Nesti è il nuovo consulente tecnico mediatico dell’Alassio FC

L’ex giornalista Rai torinese Carlo Nesti è il nuovo consulente tecnico mediatico dell’Alassio FC reduce da 3 promozioni consecutive, militante nella Promozione ligure. Nesti  ha pubblicato online il suo programma da dirigente:

La mia attività, con l’obbiettivo di contribuire alla crescita dell’FC Alassio, come laboratorio di nuove idee, si svolgerà a 4 livelli.

1) CONSULENZA TECNICA – Vorrei integrare, con le mie modeste osservazioni sulla squadra, il lavoro principale, svolto dall’allenatore Di Latte, dal presidente Vincenzi, dal direttore generale Gallo, e dal responsabile tecnico Cesari. Conto anche di potermi avvalere di contatti preziosi, per il reclutamento di giovani stranieri, ideali per i campionati di Promozione ed Eccellenza.

2) CONSULENZA MEDIATICA – Vorrei agire da “testimonial”, o “ambasciatore”, dell’FC Alassio, in tutte le testate, con le quali collaboro. In particolare, posso trovare spazi in Telecity 7 Gold, Radio Sportiva, Radio Vaticana (in caso di iniziative di alto valore etico, alle quali è molto sensibile il presidente Vincenzi, che riguardano i bambini), tuttomercatoweb.com e fantagazzetta.com (le 2 testate solo calcistiche, dati alla mano, più diffuse in Italia), oltre al NESTI Channel.

3) CONSULENZA TECNICA E MEDIATICA INSIEME – Vorrei fidelizzare, sui social network, in particolare Facebook, nuovi tifosi dell’Alassio. In pratica, dare loro l’opportunità, con una operazione-simpatia, di sentirsi protagonisti, diventando “osservatori volontari” di giocatori e squadre. Il mio NESTI Channel, in www.carlonesti.it, è una pagina Facebook, con quasi 90 mila iscritti. Da loro, e dagli amici degli iscritti, può nascere un movimento di sostegno al club, in grado di coinvolgere centinaia di migliaia di sportivi.

4) CONSULENZA STORICA – Vorrei valorizzare la storia del calcio alassino, neI sogno del ritorno in Serie C e D, e nella prospettiva di restituire alla città il prestigio turistico e mondano degli anni Sessanta. I migliori piazzamenti furono ottenuti, a cavallo fra il 1946 e il 1948, con la partecipazione a 2 campionati consecutivi in Serie C (Lega Interregionale Nord). L’apice della storia della società, in assoluto, fu rappresentato dal 1946-1947, con l’undicesimo posto nel girone A. Un altro periodo glorioso arrivò a cavallo fra il 1962 e il 1970, con la partecipazione a 8 campionati consecutivi in Serie D. L’apice della storia della società, in questo periodo, fu costituito dal 1962-63, con il quarto posto, nel girone A, della Serie D. Il “fiore all’occhiello” del calcio alassino, in ogni caso, resta l’onore di avere ospitato, nel 1982, la preparazione della Nazionale di Bearzot, futura campione del mondo.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram