Quantcast
Mal di testa: quando è di origine cervicale

Il mal di testa di origine cervicale è un disturbo comune tra i pazienti della chiropratica. Il termine mal di testa cervicogenico fu coniato da Sjaastad nel 1983: “La cefalea unilaterale parte posteriormente e avanza lungo la zona frontale che, più frequentemente, è il sito principale del dolore; di solito è accompagnata da un disagio al braccio omolaterale e da un ridotto range di movimento del collo …” L’origine o la causa del mal di testa possono essere fonte di confusione. Molti mal di testa come l’emicranica, quelli dovuti a tensione e la cefalea cervicogenica possono avere segni e sintomi che si sovrappongono. Ciò è dovuto alla complessità dei nervi nella zona della testa e del collo e la comunicazione che intercorre tra questi nervi. Tuttavia, come il nome stesso cervicogenico suggerisce, questo tipo di mal di testa ha la sua origine nella colonna cervicale. Bogduk scrive in Anatomia e Fisiologia di un mal di testa, che tutti i mal di testa hanno una comune origine: “Tutti i mal di testa sono mediati dal nucleo trigemino cervicale, e possono partire da una stimolazione nociva delle sinapsi sulle terminazioni dei nervi che agiscono su questo nucleo, da un’ irritazione dei nervi stessi, o dalla disinibizione del nucleo “. In altre parole, questo nucleo è un’unione di nervi, dove i nervi della parte superiore della colonna cervicale parlano al trigemino. Il trigemino è un grande e complesso nervo che agisce su molte zone della testa. Tra le responsabilità del trigemino ci sono il dolore e la sensazione di pressione sulla testa e sul viso. Nella cefalea cervicogenica, un problema nella colonna vertebrale cervicale o nel collo invia messaggi di dolore attraverso i nervi cervicali al nucleo trigemino cervicale che poi stimola o parla al nervo trigemino; il nucleo trigemino invia quindi queste informazioni al cervello. Poiché il cervello riceve le informazioni dal nucleo trigemino cervicale, può percepire i messaggi di dolore come provenienti dal nervo trigemino, dai nervi cervicali o da entrambi. Poiché il nervo trigemino è il responsabile della sensazione percepita nella zona frontale della testa, il cervello può a sua volta percepire il problema o il dolore in questo settore, un problema comune. Tuttavia, il vero problema risiede nel collo. Questo è noto come dolore riferito. Se si risolve il problema nel rachide cervicale, il rachide cervicale non invia più messaggi di dolore al nucleo trigemino cervicale e il cervello smette così di percepire il dolore dalla zona frontale. Come si può vedere dallo schema, il dolore può venire da qualunque parte coperta dalla ramificazione del nervo trigemino. Questo include dolore bulbare o agli occhi, dolore alla mandibola o ovunque sulla faccia. Un problema nel rachide cervicale può essere il risultato di traumi, cattiva postura, posizione errata di riposo, o dallo stress e dalle tensioni delle attività quotidiane. Quando ciò si verifica, la biomeccanica del rachide cervicale può essere colpita, irritando le strutture circostanti e manifestandosi in un mal di testa cervicogenico. Le principali caratteristiche del mal di testa cervicogenico sono un limitato movimento del collo e il dolore che si manifesta con determinati movimenti del collo o determinate posture. Il chiropratico cerca le anomalie biomeccaniche delle vertebre spinali che possono causare irritazione dei tessuti circostanti e dei nervi. Queste anomalie, definite in gergo chiropratico sublussazioni, vengono corrette con aggiustamenti chiropratici alla colonna vertebrale. Queste correzioni apportano miglioramenti alla biomeccanica e al movimento della colonna vertebrale diminuendo così il progressivo collasso delle strutture spinali e aumentando la stabilità spinale. Questo riduce l’irritazione del nervo riducendo in tal modo il dolore e il disagio. La lista di controllo cervicogenica proposta da Biondi è mostrata qui di seguito:

  • mal ​​di testa o del viso unilaterale senza spostamento laterale; il dolore può, di tanto in tanto, essere bilaterale.
  • il dolore localizzato nelle regioni occipitale, frontale, temporale o orbitale.
  • dolore di intensità da moderata a grave.
  • attacchi intermittenti di dolore durante le ore del giorno, dolore costante o dolore costante con attacchi sovrapposti di dolore.
  • il dolore è generalmente profondo e non pulsante; può risultare tale quando gli attacchi di emicrania sono sovrapposti.
  • il dolore alla testa è attivato dal movimento, dal sostegno o da posture scomode del collo; dalla pressione digitale al suboccipitale, alle regioni C2, C3, C4 o sul nervo grande occipitale; sbadigli, tosse o starnuti potrebbero anche accentuare il dolore.
  • ristretto range di movimento attivo e passivo del collo, rigidità del collo.
  • segni e sintomi associati possono essere simili a quelli che solitamente accompagnano l’emicrania, come nausea, vomito, fotofobia, fonofobia, vertigini, visione offuscata, lacrimazione, iniezione congiuntivale, dolore al collo, alla spalla o al braccio omolaterali.

Il dottore in chiropratica, esperto nella meccanica spinale, può a pieno titolo rappresentare lo specialista indicato a risolvere i problemi sopra elencati.

di Jon Cory (Dottore Chiropratico – Bologna)

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: , , ,