Quantcast
Allarme Wwf. A rischio estinzione la “tartaruga italiana”

tartaruga carettaSi chiama “Caretta caretta” ed è la tartaruga marina più comune e vive in Italia, ma fino a quando potrà continuare a vivere nel Bel Paese ancora non si sa. E’, infatti, diventata rara a causa delle minacce che incombono sul suo capo, o meglio sul suo guscio! Tutte le tartarughe italiane sono a rischio estinzione. E’ il riscontro dell’analisi del Wwf che dagli anni Ottanta, in collaborazione con l’università ‘La Sapienza’ di Roma, è impegnato nella salvaguardia di questi animali attraverso lo studio, la cura nei centri recupero, nelle oasi e la difesa dei nidi. Uno dei problemi più gravi è proprio la nidificazione che, a causa della pesca, della cementificazione, della ingombrante presenza umana e del degrado delle coste italiane, viene preclusa a questi animali.Come se non bastasse, si aggiungono gli attrezzi da pesca, reti a strascico, fisse, ami dei palangari, ovvero cavi con numerosi braccioli ognuno fornito di ami, che rappresentano un pericolo per le tartarughe marine tanto da causare la morte di oltre 40mila esemplari, in media, ogni anno e solo nel Mediterraneo. Un vero eccidio animale. Decine di tartarughe ferite vengono soccorse e accolte nei centri di recupero Wwf dove, una volta curate tornano in libertà.

Il pericolo maggiore è proprio la pesca – commenta Paolo Casale, responsabile progetto tartarughe Wwf Italia – anche se esistono attrezzature, già usate in altri Paesi, che eviterebbero di catturare questi animali, vittime delle reti a strascico. Ci sono, infatti, sistemi alternativi come ami circolari, griglie per pesci piccoli e medi che ridurrebbero la cattura di tartarughe, ma per la loro adozione, al momento non ci sono risorse e, inoltre, la pesca in Italia è talmente peculiare da variare di regione in regione.

Ciò che è utile, attualmente è la collaborazione con i pescatori, sempre molto buona. Li informiamo sul comportamento da tenere in caso di cattura ma, ancora di più serve informare i bagnanti italiani. Spesso, sono i primi a notare una nidiata di tartarughe, visto che le femmine, dopo aver depositato le uova nella sabbia, allontanandosi nel mare, lasciano una traccia molto evidente del loro passaggio. Ricorda un po’ la forma di una ruota di trattore ed è anche abbastanza profonda dato il peso di una tartaruga adulta media, 60, 70 chili, circa. Sono proprio gli italiani che vanno al mare, quindi a poter dare una mano alla salvaguardia delle tartarughe”.

Le spiagge che questi antichi rettili preferiscono sono quelle di Puglia, Sicilia e, soprattutto Calabria ionica. Per sensibilizzare l’opinione pubblica al problema estinzione, il Wwf ha anche ideato la “turtle summer”, mostra itinerante che, poco alla volta, sta facendo tappa in tutto il Paese con giochi on line, esposizioni, rappresentazioni in 3D delle attività pro tartarughe, coinvolgendo anche i bambini alla scoperta di uno degli animali più suggestivi del pianeta.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: , , , , , ,