Quantcast

Primarie: Edizione Straordinaria

25 novembre 2012 |

Due Euro e tanta burocrazia per chi crede ancora ai buoni e ai cattivi.

(altro…)

Prompt: l’epub

Prompt: l’epub

13 novembre 2012 | , , , , , , , , ,

E con la pubblicazione su Amazon (che non mi ha consentito di regalarvelo) in formato epub per gli amanti degli ebook reader, Prompt si congeda da voi con grande affetto.

 

A ritrovarci in una futura nuova esperienza.

Ennio Martignago

 

Prompt è diventato e-book

10 novembre 2012 |

La raccolta dei 101 pensieri pubblicati su Prompt disponibile gratuitamente sotto forma di e-book.

 

Una procedura complicata, rendere disponibili gli e-book semplici gratuitamente. Amazon richiede mille controlli e autorizzazioni e ogni volta ti chiede di ricominciare da capo fino a che non ti stanchi, anche perché le istruzioni – dove ci sono – sono decisamente criptiche o omertose.

Lulu fa meno problemi ma alla fine diventa altrettanto lungo, se non di più perché il rosario è lunghissimo e inciampa in più punti e alla fine non ti consente di pubblicarlo come e-book perché non rispetta delle specifiche di un certificatore accedendo al qual invece non si rileva alcun problema.

Comunque, per il momento chi è interessato si accontenti di questo formato. Un domani vedremo il da farsi.

 Ciao
Ennio

//

<!–

Vittime da Bulimia di Nuovo

12 ottobre 2012 | , , ,

Dov’è la saggezza che abbiamo perduto nella conoscenza, dov’è la conoscenza che abbiamo perduto nell’informazione?

(T.S.Eliot)

So long, Prompt

Prompt #100

4 ottobre 2012 | , ,

Se fosse un ignoto compare di Facebook tutti gli farebbero gli auguri che lui, da buon lupo della steppa, schiverebbe. Se poi qualche amico volesse fargli un regalino e cliccarci su (altro…)

Non potendo essere profeta in patria…

Non potendo essere profeta in patria…

29 settembre 2012 | , ,

…se hai da dare un consiglio a tuo figlio, prova a farne persuaso il suo migliore amico.

…la tua voce è destinata a non essere ascoltata, in un momento in cui tutti parlano.

Tuo figlio non potrà mai pensarla come te.

Ti domandi perché, ma mentre tu sei concentrato sui contenuti di quello che dici lui lo è sulla personalità di chi parla.

Non perché sei un poco di buono: se così fosse gli offriresti un'importante missione nella vita, difenderti o distruggerti.

Piuttosto perché se dà ragione a te, la sua personalità finisce nell'ombra, come nel caso, ad esempio, di molti figli d'arte.

 

La vita deve offrire a tuo figlio qualcosa di nuovo di modo che possa concorre a diventare egli stesso Homo Novo.

Tu hai aspettato una vita per diventare il protagonista per qualcuno, ma ora sei costretto a metterti nell'ombra proprio per quello da cui ti aspettavi di più.

 

Ma questa è la sfida per la tua nuova età!

Non avere bisogno di sentirti importante. Rinunciare al narcisismo e ad essere un grand'uomo. Lui non ti leggerà mai su Twitter. Devi smettere di cercare conferme.

 

I figli hanno bisogno di conferme ed è ora che tu smetta di essere figlio di qualcuno e che scopra che a questo mondo di conferme non ne puoi avere: al massimo qualche seduzione dettata dall'interesse. Prospettiva poco lusinghiera!

 

Lui si cercherà il suo guru e lo adotterà come padre e lo userà per dimostrare che tu non capisci e che sei sorpassato.

 

Se tu tieni veramente al messaggio più che al riflettore, non sperare di istruire lui per farlo risplendere: sarebbe prova di poca stima, oltre che di manipolazione.

 

Cerca, se puoi e se riesci, di istruire il suo migliore amico evitando di diventare il di lui guru, con l'obiettivo di fare in modo che caso mai sia piuttosto l'amico a diventarlo.

 

E rimani inviso nell'ombra!

Questo è quello che fanno le squadre dei leader, i Casaleggio per i Grillo, ma che purtroppo non riescono a fare i leader per loro e per i loro candidati, i Bossi per i Miglio, da un lato, e i Maroni dall'altro. Per questo, presto o tardi, fra i grillini emergono gli Scilipoti e similari.

È un periodo in cui tutti parlano e, peggio vanno le cose, più persone hanno qualcosa da dire.

 

Il fine non è risolvere le cose, ma essere l'uomo nuovo per qualcuno, avere addosso i riflettori. Non pensarla come gli altri, ma trovare quella sfumatura per i più insignificante, ma per te determinante, che ti consente ti fare il tuo Movimento, di emergere, di ricevere conferme.

 

I Social Network, Twitter, Facebook, sono diventati il palco dei poveri dove ognuno può ambire ai suoi cinque minuti di celebrità, ma si sono rivelati avari di conferme e ridondanti di prime donne.

 

Tutti scrivono senza leggere o leggono senza riconoscere o ribattere.

Fra un poco ce ne andremo lasciando una moltitudine di teatri vuoti.

 

Torneremo alla ricerca di una donna o di un uomo che ci apprezzi per quel che siamo senza trovarlo, mentre nostro figlio va per la sua strada.

 

Tutto questo, emergere in rete o plagiare tuo figlio, esiste perché non abbiamo più il partner del cuore o l'amico del cuore. Siamo senza relazioni importanti a cui credere e disillusi sulla possibilità di ottenerlo.

 

Ma non è perché il mondo non è più quello di prima o non ci sono più le mezze stagioni, è solo perché la gioia del dono indifferente al fatto di venire ricambiato che riempie il sentimento di devozione per la vita è stato sostituito dall'ingordigia, fatalmente destinata all'insoddisfazione, nei confronti del piacere e del protagonismo.

 

Una smodata bulimia per un irragionevole montagna di tossico amore.

 

Ennio Martignago

 

Le pretese dei blogger

28 settembre 2012 | , , ,

Annunciazione: “Il valore del pensiero e della cultura soccombono miseramente alla Legge del Nuovo!” e al Reality Gossip dei New Media.

Lucia Annunziata è passata da litigare con Berlusconi a dare lezioni del giornalismo all'americana spiegando che, diversamente dagli articoli, i blog non vanno pagati.

“Perché mai?”, replicano in molti. “Perché lavorano su informazioni acquisite da altri!”, risponde lei.

Lucia Annunziata

Lucia Annunziata

Qui le risate si estenderbbero da un lato all'altro del globo terraqueo se solo ci fossero abbastanza persone che sanno chi è Lucia Annunziata e da dove e come si sviluppa la sua storia.

Ma perché continuare? In fondo, chi se ne frega di Lucia Annunziata!

 

Le considerazioni che mi viene da fare sono lontane da questo rumore.

  1. Purtroppo l'informazione non è praticamente mai una descrizione dei fatti, ma la loro manipolazione costruita ad arte da fabbriche di credenze politico economiche – l'eredità Hearstiana di Gelli – ed erogate ad una catena alimentare di spacciatori di droga memetica agli ultimi piani della quale ci sono le fonti a cui attingono i più, siano esse cartacee o digitali, come l'Hufflington italiota. Quale disintossicazione è più possibile in un sistema che non fa che riverberare menzogne delle quali tutti siamo diventati professionisti, ovvero dove siamo tutti giornalisti?
  2. Non ho mai pensato di campare sui miei blog. La sola idea mi fa sbellicare dalle risate. Ma c'è letteralmente da morire dal ridere se penso a quanti schiavi della tastiera e dispacciatori di informazioni, da quelle naïf alla Twitter, a quelle delle grandi testate che campano anche loro con i soldi delle nostre tasche destinati alla loro gerarchia, lavorano gratis, o – peggio ancora – per una miseria da lavavetri ai semafori. È a questo che si riferiva Santa Lucia? Beh, non sono giornalista, ma non ho bisogno di esserlo per dire che non è un'informazione. O forse sì, nel senso della manipolazione di cui scrivevo sopra.
  3. Quello che veramente è più triste è rendersi conto che si riconosca valore alla produzione di imformazioni squalificando il valore (economico, perché ormai non ne si riconosce alcun altro) alla riflessione, alla critica, all'interpretazione, al confronto… in una parola, alla cultura, ovvero a quanto condividiamo con la comunità, o, se preferisci, al pensiero, ossia a quello su cui, secondo Decartes, si legittima la nostra condizione umana.

C'è qualcosa di profondamente sbagliato nel periodo che stiamo vivendo, ma forse è perché stiamo discutendo troppo, scrivendo troppo, facendo troppo rumore e non ascoltiamo più noi stessi: chi siamo e da dove veniamo, proiettati come siamo solo verso dove andremmo, verso il Nuovo a tutti i costi!

Benché privo di contenuti il Nuovo è l'unico argomento legittimo di un mondo di inganni ignoranti, purché di moda.

Gl’in-Social Network

Gl’in-Social Network

25 settembre 2012 | ,

In questo tempo di solipsismi, rimpiango i social network di paese e attardarmi in piola assieme a vecchi coscritti. (altro…)

Quando accarezzo il mio cane…

15 settembre 2012 |

…mi rendo conto che la mia dimensione non è mai stata glacialmente globale, ma sempre teneramente locale! – EM

Ricominciando dagli Italiani

9 giugno 2012 | , , ,

Spostiamo le tasse sul lavoro dalle persone fisiche al FTE (equivalente del tempo pieno) applicabile alle piattaforme!!!