Quantcast
In Piemonte, le istituzioni pubbliche di assistenza a poveri ed anziani diventano piccole imprese
"Benjamin Rolland Murat visita l albergo dei poveri" di fr:Benjamin Rolland - http://www.pressreader.com/italy/corriere-del-mezzogiorno-campania/20150524/281801397554151/TextView. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Benjamin_Rolland_Murat_visita_l_albergo_dei_poveri.JPG#/media/File:Benjamin_Rolland_Murat_visita_l_albergo_dei_poveri.JPG

La Giunta regionale del Piemonte ha approvato questa mattina il disegno di legge sul riordino del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza, dette Ipab. Questi soggetti, storicamente impegnati nell’assistenza ai poveri, agli anziani, ai malati, alle cosiddette ‘fasce deboli’, diventeranno aziende, fondazioni, associazioni, dovranno fondersi tra loro o estinguersi, secondo il loro valore di produzione.
Se, con riferimento agli ultimi tre anni, questo sarà superiore a 2,5 milioni di euro, l’istituzione sarà trasformata in azienda, fondazione o associazione e dovrà operare come una piccola impresa secondo criteri di efficacia ed efficienza con valutazioni di costi, rendimenti e risultati. Se risulterà un valore di produzione inferiore a quella cifra dovrà trasformarsi in fondazione o associazione; quelle di loro inattive da almeno due anni o per le quali non sono più conseguibili gli obiettivi statutari devono predisporre un piano di riconversione o risanamento, anche attraverso la fusione con altri soggetti, o prevedere l’estinzione.
“Il processo di fusione – ha dichiarato l’assessore regionale alle politiche sociali Augusto Ferrari – potrà permettere agli enti di conseguire economie di scala sia mediante una razionalizzazione ed una maggiore economicità nella politica degli acquisti di beni e servizi, sia mediante un utilizzo più razionale delle risorse umane disponibili”.

 

Nell’immagine, Gioacchino Murat visita il Reale Albergo dei poveri di Napoli, opera di Benjamin Rolland.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: , , ,