Quantcast

Nasce da un’idea dell’A.T.L. del Cuneese, di CPD Consulta per le persone in difficoltà Onlus e di IsITT Istituto Italiano per il Turismo per Tutti, il progetto Eventi Senza Frontiere, che si propone di migliorare le possibilità di accesso e fruizione agli eventi e alle manifestazioni cuneesi da parte dei turisti con esigenze specifiche, diffondendo e consolidando tra i promotori e gli organizzatori di eventi una nuova cultura dell’accessibilità. Il progetto, risultato vincente all’interno del bando regionale per la diffusione della cultura di parità per tutti nel settore turistico, sarà portato avanti per tutto il 2014 dalle professionalità in ambito turistico e sulle tematiche dell’accessibilità delle tre realtà, che a tale scopo hanno ufficializzato la loro unione l’11 Ottobre a Torino tramite la firma dell’atto costitutivo di una ATS (associazione temporanea di scopo) costituita appositamente. L’idea fondamentale su cui si basa il progetto, è la creazione di un modello tecnico e culturale volto alla qualificazione e valorizzazione delle sagre e degli eventi cuneesi in un’ottica for all, trasformando l’attenzione alle esigenze di tutti i pubblici in un elemento di eccellenza del territorio. La formazione degli operatori, la definizione di parametri minimi di accessibilità e soluzioni/servizi adeguati, l’ideazione di strumenti di rilevazione e valutazione della fruibilità nonché la sperimentazione concreta nell’edizione 2014 di Celià (Mondovì), del Festival Mirabilia (Fossano) e della Fiera Nazionale del Marrone (Cuneo) costituiscono il modello per contribuire alla creazione di un tessuto culturale e professionale capace di produrre condizioni favorevoli per la partecipazione di tutte le persone, nessuna esclusa, agli eventi pubblici cuneesi.

Nasce da un’idea dell’A.T.L. del Cuneese, di CPD Consulta per le persone in difficoltà Onlus e di IsITT Istituto Italiano per il Turismo per Tutti, il progetto Eventi Senza Frontiere, che si propone di migliorare le possibilità di accesso e fruizione agli eventi e alle manifestazioni cuneesi da parte dei turisti con esigenze specifiche, diffondendo e consolidando tra i promotori e gli organizzatori di eventi una nuova cultura dell’accessibilità. Il progetto, risultato vincente all’interno del bando regionale per la diffusione della cultura di parità per tutti nel settore turistico, sarà portato avanti per tutto il 2014 dalle professionalità in ambito turistico e sulle tematiche dell’accessibilità delle tre realtà, che a tale scopo hanno ufficializzato la loro unione l’11 Ottobre a Torino tramite la firma dell’atto costitutivo di una ATS (associazione temporanea di scopo) costituita appositamente.
L’idea fondamentale su cui si basa il progetto, è la creazione di un modello tecnico e culturale volto alla qualificazione e valorizzazione delle sagre e degli eventi cuneesi in un’ottica for all, trasformando l’attenzione alle esigenze di tutti i pubblici in un elemento di eccellenza del territorio. La formazione degli operatori, la definizione di parametri minimi di accessibilità e soluzioni/servizi adeguati, l’ideazione di strumenti di rilevazione e valutazione della fruibilità nonché la sperimentazione concreta
nell’edizione 2014 di Celià (Mondovì), del Festival Mirabilia (Fossano) e della Fiera Nazionale del Marrone (Cuneo) costituiscono il modello per contribuire alla creazione di un tessuto culturale e professionale capace di produrre condizioni favorevoli per la partecipazione di tutte le persone, nessuna esclusa, agli eventi pubblici cuneesi.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: