Quantcast
Nasce l’osservatorio nazionale sul comportamento degli abitanti italiani.

Nasce l’osservatorio nazionale sul comportamento degli abitanti italiani.

21 settembre 2018 | ,

Una fonte sempre aggiornata di informazioni su consumatori e mercati che ha l’obiettivo di supportare le aziende nelle decisioni strategiche oltre a fornire ai lettori spunti di riflessione che consentono una migliore comprensione degli atteggiamenti sui comporta-menti degli abitanti italiani.

Habitante.it ogni mese pubblicherà  un report dell’Osservatorio Nazionale dell’Abitante con lo scopo di analizzare l’evoluzione delle abitudini di consumo degli italiani

Il primo dato interessante emerso dalla ricerca è che oltre il 90% degli abitanti intervistati (dai 18 anni in su) hanno dichiarato che dal mese di settembre, per lo più al rientro dal periodo vacanziero estivo, hanno deciso di cambiare qualcosa (almeno un’abitudine) nella propria vita quotidiana e nelle proprie abitudini.

Le donne, forse più degli uomini, si sentono più “invogliate” a fare qualcosa per migliorare la qualità della loro vita. L’età in cui si tende ad essere “meno propensi” al cambiamento è quella che va dai 35-44 anni, l’età delle “sicurezze”: raggiunta una certa stabilità in termini di relazioni familiari e professionali fa sì che vi sia una moderata tendenza a rimettersi in gioco. Il nord est risulta essere l’area più dinamica del paese al punto che quasi la totalità degli abitanti intervistata ha in mente di fare qualcosa di diverso rispetto ai 9 mesi precedenti. Ma quali sono i principali buoni propositi che persone si sono appuntati nell’agenda di settembre?

Gli abitanti italiani pensano al futuro: Salute e Risparmio economico sono i temi che riguardano oltre una persona su tre.

Il terzo importante macro-trend riguarda invece il lavoro e la propria crescita professionale. Anche in questo caso il Nord Est si conferma come la “terra più fertile” ed incline al cambiamento rispetto al resto della penisola (il 35% degli intervistati del nord est ha in mente di cercare nuovi stimoli lavorativi).
La dimensione intima e personale tocca un italiano su tre: dopo i bagordi di agosto, magari alla ricerca di un fazzoletto di spiaggia libera, si prova a ricercare se stessi per rimettere ordine ai propri obiettivi personali (circa il 40% per gli abitanti del nordest).

Interessante notare come un italiano su tre, al rientro delle vacanze, riparta dalla propria abitazione come fulcro e punto di partenza di tutte le altre attività legate a sé ed alla sua famiglia.

Siamo appena rientrati dalle vacanze ma per alcuni il motto è: vivo in vacanza da una vita! In realtà sappiamo che il mese di settembre per alcuni è il periodo ideale per trascorrere delle vacanze tranquille e con costi accessibili (30%).

Miglioramento delle lingue ed apprendere nuove “abilità” in termini professionali riguarda un abitante su 5.

In generale possiamo dire che il rientro dalle vacanze è sempre un momento di cambiamento importante e la prima rilevazione dell’Osservatorio dell’Abitante lo conferma.

Su www.habitante.it maggiori approfondimenti sull’analisi in corso.