Quantcast
Parliamone con te… e caffè: quanto è sana l’alimentazione dei nostri figli?
Alimentazione dei bambini

Incontro sull’alimentazione per genitori di bambini delle scuole elementari e medie

Una sana alimentazione è uno strumento importante che contribuisce alla salute psicofisica delle persone.
Spesso si rivolge tanta attenzione alla cura dell’alimentazione quando i bimbi sono piccoli per poi trascurarla man mano che crescono: la fretta, gli impegni quotidiani, il lavoro, la scuola spesso impediscono di dedicare la giusta attenzione alla questione alimentare. In realtà spesso sono sufficienti semplici conoscenze e pochi accorgimenti per migliorare le abitudini alimentari dei nostri bambini.

 

L’Associazione ECO e l’Associazione ASAI organizzano il 19 febbraio in via Genè 12 a Torino  (rivolto ai genitori di ragazzi delle scuole medie)  il primo di due incontri a ingresso libero dal titolo “Parliamo con te… e caffè”. In questo incontro si approfondiranno le tematiche dell’alimentazione dei più piccoli, cercando di sottolineare in particolare il fatto che il cibo riveste un importante significato non soltanto per la sopravvivenza fisica ma anche per gli aspetti emotivi implicati, diventando simbolo e veicolo della cura e dell’amore dei genitori verso il proprio figlio.

Abbiamo  chiesto alla  Dott.ssa Katia Querin, psicologa specializzata in Psicoterapia Sistemico Relazionale, qualche anticipazione dell’incontro che si svolgerà il 19 febbraio 2019 a Torino. La dr.ssa Querin si occupa di disturbi depressivi, ansia, disturbi alimentari. Lavora con adulti, minori, famiglie.

Quali sono gli errori più comuni che si commettono nell’alimentazione dei bambini?

La maggior parte degli errori attuati rispetto all’alimentazione dei bambini consiste nel ritenere giuste o scientificamente fondate idee basate su pregiudizi, timori o abitudini consolidate. Ad esempio spesso si tende ad associare la salute del bambino al fatto che mangi una certa quantità di cibo stabilita a priori (che porta al desiderio che il bambino finisca tutto ciò che ha nel piatto), forzandolo, senza rispettare la competenza naturale del piccolo di autoregolarsi. Ciò peraltro contribuisce a rovinare il clima durante il pasto, trasformandolo in un momento carico di tensione o conflitti, invece di viverlo e goderlo come piacevole momento di condivisione.

Un altro sbaglio frequente consiste poi nell’atteggiamento opposto, agito soprattutto nei confronti di bambini inappetenti e che mangiano solo alcuni cibi: sovente si assecondano i desideri dei bambini temendo che non mangino abbastanza, con il rischio di porre le basi per lo sviluppo di abitudini alimentari scorrette poiché prive dei giusti nutrienti.

È invece molto importante per i genitori rispettare la naturale capacità di autoregolazione del bambino, assumendosi al contempo la responsabilità di curare l’alimentazione, facendo in modo che essa sia completa ed equilibrata dal punto di vista nutrizionale, fungendo essi stessi, se possibile, da modelli di comportamento. adottando semplici accorgimenti tali da favorire un’alimentazione sana ma soprattutto consapevole.

Cosa può accadere al bambino se si trascurano questi aspetti?

Trascurare questi aspetti può gettare le basi per un’alimentazione non consapevole, per lo sviluppo di abitudini alimentari scorrette, fino ad arrivare ai tristemente noti e diffusi disturbi alimentari. Può dunque capitare che il cibo venga investito di un significato diverso, può diventare un modo per colmare un vuoto, per sfogarsi, per consolarsi: estremizzando, se un tale atteggiamento viene reiterato nel tempo, in particolari situazioni, esso può condurre all’utilizzare il cibo come strumento di gestione di problemi emotivi, in cui rifugiarsi se qualcosa va storto….Questo meccanismo, seppur molto semplificato, è uno degli aspetti che caratterizzano disturbi alimentari come la bulimia.

Quali temi affronterete durante il primo dei due incontri e perché è importante per i genitori partecipare?

Ci piacerebbe aprire un dialogo con i genitori sull’importanza dell’alimentazione, proporre un confronto, e condividere alcuni spunti di riflessione per incoraggiarli ad assumersi la responsabilità di curare l’alimentazione durante il periodo di crescita dei bambini. Vorremmo riflettere sul fatto che il cibo è importante dal punto di vista della sopravvivenza ma è anche altro… è cura delle relazioni, condivisione, affetto, piacere…. Ci piacerebbe stimolare un modo diverso di mangiare, sano e consapevole, che non impedisce qualche trasgressione, ma che restituisce al cibo il suo giusto valore.

Per informazioni e per saperne di più inviate le vostre domande a [email protected]  

 

 

 

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram