Quantcast
La Professione Forense

Riflessioni

La professione forense si trova da tempo in una situazione di difficoltà.

E’ un periodo in cui viene messa a dura prova la carriera forense.

Le aspettative iniziali dopo il conseguimento della laurea in giurisprudenza e la realtà successiva dell’esercizio della professione sono diverse.

L’avvocato dovrebbe essere una persona disponibile con la quale si può parlare, della quale ci si può fidare, prima di essere soltanto un tecnico del diritto.

La tutela del cliente è il traguardo di ogni incarico legale.

L’abilità in questo lavoro consiste nell’ascoltare, nel suggerire, nel consigliare, nel preparare la difesa.

L’avvocato deve amare il diritto, la propria professione, essere appassionato delle problematiche umane. Essere avvocati significa credere che la professione richiede sacrifici di ogni genere.

Il punto dolente è che la professione forense si è preoccupata di adeguarsi ai mutamenti sociali, culturali, e soprattutto economici che hanno influenzato la necessità di esistere nel tempo.

La professione si sta adeguando alle richieste del mercato legale oggi, poiché siamo in un mercato, anche se di servizi legali, siamo pur sempre dentro il circolo della domanda e dell’offerta. Pertanto chi ha successo oggi è chi meglio degli altri e prima degli altri riesce a proporre un’offerta anche in sproporzione con le modalità, i tempi e i costi.

Per la professione legale si suggerisce sempre un lavoro di team dove il singolo individuo venga valorizzato, una sorta di modello di studio legale in collaborazione. E’ necessario uno specialista che sappia gestire una specifica questione piuttosto che un avvocato generalista come un tempo.

Tutto ciò porta gli studi legali ad organizzarsi in una forma di associazione. L’avvocato, inoltre, oggi deve avere una mentalità manageriale, diventare manager di se stesso, della propria organizzazione e delle relazioni con i clienti. Alla fine uno studio legale è una azienda composta di varie figure, avvocati, manager per gestire i collaboratori, una figura che si occupa di gestire le riunioni, una figura responsabile delle Risorse Umane.

L’avvocato dovrà sviluppare doti imprenditoriali per sapere gestire le relazioni con i clienti, mantenere un network di contatti. La logica aziendale deve guidare uno studio legale per potere essere parte di un mercato e competere con le regole dettate dallo stesso. Inoltre deve essere mantenuta una qualità di servizi, la preparazione dei professionisti, la conservazione delle relazioni umane con il cliente.

I liberi professionisti in generale, e specialmente gli avvocati devono sapere gestire la professione con la diligenza richiesta, secondo le regole del codice deontologico e le norme di etica. L’etica professionale richiede un comportamento adeguato alle circostanze.

Gli avvocati che si comportano da piccoli commercianti, che vendono servizi online e offline a basso costo influenzano in modo negativo la professione forense. Se stiamo a vedere la fatica e gli anni di studio che impiega questa professione si capisce che non può essere trattata con modalità cosi “cheap”.

Inoltre non si deve dimenticare la passione che ognuno di noi mette nel suo lavoro non sempre retribuito come si deve. Tuttavia, come in ogni altra professione, le cose veramente importanti sono l’ integrità, la dignità, la lealtà e la correttezza, sapere fare il proprio dovere, sapere la valenza pubblica di quello che realmente si fa per aiutare le persone che si trovano nella necessità di richiedere un aiuto per ottenere quello che gli spetta di diritto.

Deve essere cambiata, modificata, mutata l’idea che la figura dell’avvocato non ha mai riscosso grande simpatia tra le persone, come diceva Marziale in uno dei suoi epigrami ammonia “petit patronus, saluas, censeo sexte creditori” meglio pagare il creditore che  dare il proprio denaro all’avvocato. Per questa professione serve una lunga esperienza, una conoscienza da professionista e una riflessione prima di dare un parere, serve assumere una grande responsibilità nei confronti del cliente. La collaborazione efficace tra gli attori legali è molto importante .

Avete presente i chicchi della melagrana, rossi e perfetti, coperti dalla buccia forte e resistente, cosi deve essere intesa una associazione di professionisti. Tutti siamo parte di uno team, siamo artisti di questa antica professione, artisti per risolvere le problematiche, per trovare una soluzione, per soddisfare ogni richiesta , per essere sempre laddove c’è necessità, sempre in prima linea, sempre in dibattimento, in rispetto della magia del contraddittorio, come avversari e nello stesso tempo colleghi che difendono il diritto.

La professione forense significa serietà, dedizione, passione, giustizia, rispetto dei diritti altrui, protezione dei diritti, umanità , tutti valori che non possano mai essere equiparati alla verità materiale che viviamo . La materia prima di questa professione è l’aiuto che diamo ai meno fortunati di noi, una missione piuttosto che una professione.

Dott.ssa Elena Hoxha

Studio Legale Franzetta Dassano

Riproduzione Riservata

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram