Quantcast
Il made in Italy extracomunitario

Il made in Italy extracomunitario

23 febbraio 2015 | , , , , , , , , , ,

extracomunitari_made_in_italyCi sono aziende che alla faccia del made in Italy vanno a produrre all’estero. Alcune perché cercano più lauti profitti, altre perché in Patria sono strozzate dai balzelli e dalla burocrazia.

Insomma il made in Italy rischia ogni giorno, ogni ora, ogni minuto, di prendere il volo.

Ma se anche le prime prendessero onestamente ad accontentarsi e le seconde fossero sorrette da un regime fiscale più clemente, il made in Italy sarebbe comunque seriamente compromesso. Sarebbe o è? Forse lo è già, infatti. E se uso il condizionale è solo per una sottile, piccola speranza. Quasi a negare la tremenda realtà.

Dove c’è da mettere le mani –e nel made in Italy c’è da mettere le mani- lavorano gli extracomunitari. Quelli lì, si, quelli che qualcuno ha in astio e vorrebbe cacciare. Quelli che arrivano da lontano, si rimboccano le maniche e imparano a fare il nostro gorgonzola, il nostro grana padano, il nostro vino d.o.c. e via via lungo quella quantità di prodotti eccezionali che la nostra storia ci ha lasciato in eredità.

Ora mi chiedo…non è che qualcuno ha la brillante quanto idiota convinzione che basti tenere la testa della ricetta?

Intanto chi sa fare ha le gambe lunghe e il cervello fino quindi non è che ci sta, a farsi prendere per il naso in eterno. Poi, diciamolo, quale testa resterà di questo passo? La memoria geniale muore e il resto non cresce. Perché, sia chiaro, la mente governa fin tanto che il corpo sta al passo. E la mente ha bisogno di toccare, altro che talento, scuole alte, scrivanie comode.

Per ‘riprendere’ il made in Italy occorre ritrovare la dignità. Che se vogliamo, sempre e comunque fa rima con umiltà e coscienza.

Irene Spagnuolo

Tagli capelli donna 2014

19 maggio 2014 | , , , , , , , ,

Tagli capelli donna 2014. Che potevo scrivere 2013 o 2015. Non perché ogni anno e ogni stagione non portino novità, dal lungo al2014-tagli-capelli-donna caschetto, dalla frangia al ciuffo, dal mosso al liscio ma perché in qualche modo le linee moda, e mi piace modo con moda, dovrebbero rivolgersi solo alle teste che si fanno acconciare…

Insomma qui a Cronache di Costume sappiamo che ci sono donne che osano, quasi per principio, qualsiasi nuovo taglio. Sono donne che amano giocare, con i capelli e l’immagine. Donne che vogliono essere trendy. E che ce ne sono molte altre che mai e poi metterebbero in discussione le loro scelte di look chioma. Le irrimediabilmente ‘capelli lunghi’ non si farebbero convincere neanche da un parrucchiere atterrato dalla luna con le più straordinarie proposte. Sono le donne per le quali la femminilità passa anche dai centimetri di capelli, ecco tutto. Quelle che già inorridiscono per il verbo spuntare: meglio le doppie punte della forbice.

Tagli capelli donna 2014 per chi vuole cambiare stile. Forse si potrebbero intitolare così tutti i servizi dedicati. Perché in fondo di stile, all’apparenza, si tratta. Uno zac deciso con un bel cambio di forma può effettivamente rivelare molto di più. Una personalità, appunto. E, incredibile ma vero, pure una sorpresa allo specchio. Tutto sommato qualche volta fidarsi della moda e del coiffeur aiuta a ritrovarsi ‘più belle’. Ma il problema è crederci, prima, per decidersi a varcare la soglia del salone e affidarsi alle esperte mani. Se ti senti meno donna con un corto sbarazzino una simile risoluzione non ci sarà mai, diciamolo.

Irene Spagnuolo

Tagli capelli donna 2014 per chi vuole l’acconciatura più adatta al ‘proprio tipo’, viso e fisico per intenderci. Altro titolo che potrebbe essere illuminante. Già, perché le ‘irrimediabilmente lunghi’ si vedono belle con quella cascata di capelli e non ascoltano ragioni. Le altre, quelle pronte al consiglio dell’occhio pratico, possono aspirare alla capigliatura al bacio.

Tagli capelli donna 2014 realistici. Questo è un po’ più cattivo, se l’onestà è cattiva. Insomma toccherebbe trovare il coraggio di dire che ‘irrimediabilmente lunghi’ alle bassine è una mania vivamente sconsigliata. Parlo io che sono ridicola con la mia ostinazione al biondo chiarissimo. E parlo io proprio perché so quanto possa essere assurda una fissazione…

D’altra parte ci vorrebbe anche un Tagli capelli donna 2014 per tutte le età. Così, per sdrammatizzare e levarci il fardello dell’anagrafe. Che in fondo siamo stufe di ridurci ai classici quattro stampi per signora rigorosamente tendenti al corto. Evviva chi sta bene, anche a 60 o 70 anni, con una bella criniera di boccoli e guizzi crespi o uno scalato liscio vaporoso alla Farrah Fawcett.