Quantcast

Untouched: Novara e social media

30 aprile 2014 | , , , , , , , , , ,

Untouched è l’ultimo cortometraggio pensato e girato a Novara da Marco Paracchini.

Un video ben studiato e magnificamente realizzato in una città che ne esce dilatata, quasi ingigantita. Merito di inquadrature insolite e di un contenuto di ampio respiro che la consegna come una ‘metropoli’ del nostro tempo. In effetti è la realtà narrata dal corto ad appartenere a una qualsiasi grande realtà in questo scorcio di millennio molto virtuale.

Ecco, i silenziosi protagonisti di Untouched vivono vicini ma tutto ciò che condividono è la comunicazione via web. Le loro giornate, le loro energie, i loro desideri sono scanditi da appuntamenti, plateali o furtivi, con il cellulare che li connette alla vita, alla socializzazione, allo scambio. Le relazioni umane, quelle vere, sono misere, frettolose, superficiali. I social network sembrano l’antidoto alla solitudine e alla paura dei contatti autentici.

Gli incontri via display sono il surrogato di tutto, il mare in cui navigare tranquilli e liberi. O forse qualcosa che impegna meno, placa le ansie dei confronti face to face, fa evadere da un contesto complicato e deludente.

Uno spaccato sociale intenso e doloroso, Untouched. Ma anche una sveglia che lo trasforma in un urlo di esortazione. La città rivisitata è consegnata come chiave di svolta. L’appeal dei luoghi e il faro puntato su un’assurda deriva umana invogliano a una riflessione, a un sorriso di speranza, a un tentativo di entusiasmo. In questo trovo un bel lavoro di Paracchini e dei collaboratori: la triste rappresentazione di un’epoca spalmata su schermi e tastiere si schiude alla bellezza e al calore dei posti e delle possibilità da recuperare. Insomma forse si può fare alla fine un po’ di autoironia, spegnere pc, ipad e telefono, armarsi di coraggio, giovialità e curiosità e buttarsi in strada, tra la gente.

Penso al virale We are happy che ha portato tutte le età a ridere e ballare, ha fatto esplorare paesi e città, ha rimesso in pista orizzontiuntouched_paracchini_novara creativi, ha creato occasioni e sciolto le rigidità. E credo che Untouched possa riaccendere la voglia di rapporti, parole, sguardi e abbracci. Certo ha scelto un impatto più duro e malinconico ma forse era necessario. Paradossalmente il mondo a portata di un click è diventato la nostra microscopica gabbia. E’ il momento di riappropriarci invece dello spazio e di respirare l’esistenza sul campo. Le persone in carne ed ossa, le esperienze, le emozioni sono ‘conquiste’ imperdibili.

Bravo, Marco Paracchini. La ‘mia’ Novara ringrazia.