Quantcast
Ad un anno dalla morte di Carlo Ausino John Bringwolves e Fabrizio Vespa sonorizzano Torino Violenta

A un anno esatto dalla scomparsa del regista torinese Carlo Ausino, iniziano una serie di eventi pensati per ricordare la figura dell’autore indimenticato del film cult “Torino Violenta”.

Per l’occasione Venerdì 26 novembre alle ore 22.30, all’interno del periodo del Torino Film Festival, si terrà una sonorizzazione dal vivo al Blah Blah di via Po 21 a cura di John Bringwolves, chitarrista, compositore e multistrumentista e Fabrizio Vespa, giornalista, dj e voce storica di Suoni&Ultrasuoni su Radio Due Rai. L’iniziativa sarà una delle prime tappe di un percorso articolato in cui verranno realizzati un libro tributo al metter en scene che aveva esordito con Mario Monicelli e successivamente una grande mostra con tantissimo materiale completamente inedito, mai visto fino ad oggi, ricavato dal suo archivio personale.

Esattamente come “C’era una volta ad Hollywood”, la sonorizzazione cercherà di ricreare le atmosfere della Golden Age del cinema italiano Anni ’70 in cui spesso alla scarsità dei mezzi sopperiva una grande vena creativa e immaginifica che magari classificata al tempo come cinema minore o di serie B, oggi ci ha restituito delle figure di lavoratori della Settima Arte che hanno acquisito un’aura assolutamente mitica e mitologica, tanto da essere fonte di ispirazione continua e inesauribile per tanti maestri e artisti contemporanei.

John Bringwolves – chitarra, synth e drum machine
Fabrizio Vespa – loop station, elettroniche

Ingresso a biglietteria 7 euro

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: