Quantcast
A Torino si gira Non ho niente da perdere

Sono in corso di svolgimento in Piemonte le riprese di NON HO NIENTE DA PERDERE, il Tv Movie diretto da Fabrizio Costa che vede protagonisti Carolina Crescentini ed Edoardo Pesce.

Prodotto da Pepito Produzioni in collaborazione con Rai Fiction e il sostegno di Film Commission Torino Piemonte, il progetto fa parte del ciclo di commedie per la tivù “PURCHÉ FINISCA BENE”.

Le riprese hanno preso il via lo scorso 11 settembre e termineranno il prossimo 10 ottobre: quattro le settimane di lavorazione che – tra Torino e Castagneto Po – hanno impiegato circa 35 professionisti locali (dal primo assistente alla regia Matteo Bernardini, alla Casting Director Luana Velliscig, alla truccatrice Katia Lentini, oltre a 8 attori e ben 450 comparse piemontesi).

“Siamo lieti di avere accolto questo nuovo progetto targato Pepito, con cui già in passato abbiamo proficuamente collaborato, e di aver saputo rispondere alle esigenze registiche di Fabrizio Costa e della troupe”. Così Paolo Manera, Direttore di Film Commission Torino Piemonte, commenta le riprese del Tv Movie che ha trovato in Villa Cimena il set ideale, aggiungendo che “la residenza di Castagneto Po – che ricopre un ruolo centrale nella storia – ha risposto egregiamente alle necessità della produzione, offrendo eleganza da un lato e un utile isolamento dall’altro.”

Il regista Fabrizio Costa conclude confermando anch’egli che “NON HO NIENTE DA PERDERE valorizza il Piemonte sotto svariati punti di vista: sotto il profilo delle location, individuate al fine di restituire il messaggio ecologista del film e sotto il profilo dei numerosi tecnici locali e degli attori che, dopo un lungo casting, hanno confermato grandi capacità”.

Le riprese hanno inoltre avuto luogo presso il Cto di Torino, La Loggia e Moncalieri, toccando per alcuni giorni anche la Villa dei Laghi all’interno del Parco La Mandria, dove è stato allestito il quartier generale degli eco-terroristi.

Sinossi breve:

Cosa succede quando hai passato tutta la vita a proteggerti, ma improvvisamente scopri che non serve più a nulla?

Camilla (Carolina Crescentini) è una bella donna, grande lavoratrice, con un grosso problema: è ipocondriaca. Il che la rende insopportabile per la maggior parte delle persone che le girano attorno, dai colleghi fino persino alla sorella Marta (Ilaria Genatiempo), mentre il padre Gigi (Roberto Accornero) non fa che coccolarla. I due lavorano in una villa storica nelle campagne Torinesi dove le sorelle sono cresciute. Dopo essere stata lasciata dieci anni prima da Andrea (Michele Venitucci), che le aveva comunicato di essere in fin di vita, Camilla ha cominciato a sentirsi ogni male addosso e dunque a prescriversi da sola cure inutili ed esami costosi. Quando arriva la nuova macchina per la risonanza magnetica ci si sottopone entusiasta e per ingannare l’attesa degli esiti va alla villa.

Qui si sta allestendo il matrimonio di Filippo (Marco Cassini), figlio del volgare imprenditore Marzaduri (Dario Cassini). Il wedding planner Mr Curry (Sergio Assisi), un uomo bonario, si rivela presto il capo di una banda di eco-terroristi che prende d’assalto la villa. Trattano all’esterno col Colonnello Valdorsi (Ninni Bruschetta), tronfio e incapace, ma coadiuvato dalla sveglia Federica (Margherita Vicario).

Intanto Camilla riceve un sms dall’ospedale: sta morendo, le restano pochi mesi di vita. In realtà i suoi esami sono stati confusi, ma prima che le possa venire comunicato i terroristi isolano la villa dalle comunicazioni.

Camilla, sotto shock, viene coinvolta in un piano di liberazione da Ettore (Edoardo Pesce), la guardia del corpo di Marzaduri. Ettore, che è stato allontanato dai Carabinieri per un incidente, non ha paura di nulla e riesce a fronteggiare il gruppo armato deciso a salvare la situazione. Pur avendo caratteri contrapposti, Camilla e Ettore riescono ad integrarsi bene: la rispettiva testardaggine li unisce e li attrae anche sentimentalmente. Camilla affronta pericoli e pallottole perché tanto non ha niente da perdere e per la prima volta dopo tanti anni, sente che qualcosa dentro di lei sta nascendo… peccato che stia per morire! Quando finalmente l’isolamento finisce il cellulare viene tempestato di messaggi dall’ospedale: si sono sbagliati, le analisi sono di qualcun altro, non sta per morire!

Vorrebbe dirlo a Ettore ma lui è partito per un nuovo assalto. La ragione le imporrebbe di fermarsi, eppure… Camilla gli corre dietro, ora che ha una vita è disposta a rischiarla perché ha capito che Ettore è la sola cosa che non vuole perdere più.

Riuscirà a non rovinare tutto?

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: