Quantcast
I 40 anni di Profondo Rosso

Argentiani nuovamente riuniti a Torino, questa volta per festeggiare i 40 anni dal set di Profondo rosso, il capolavoro di Dario Argento. Organizzano Davide Della NIna, Stefano Oggiano e Alessandro Benna, anime del Dario Argento Tour Location Torino.

La serata è una figata per veri appassionati. Ci sono locandine, dvd, foto, cd di ogni fattura e provenienza (Russia, Canada, Giappone…), poi pezzi di storia del film, dal tavolino su cui trova la morte Glauco Mauri alla mitica mannaia utilizzata nel film fino alle poltrone del teatro Carignano (portate dal sottoscritto, eh… lo so).

40-anni-profondo-rosso-cristiana-astori-franco-bellomo
E naturalmente ci sono gli ospiti. Cristiana Astori presenta il suo “Tutto quel rosso” (che a Profondo rosso è dedicato, ispirato e legato a doppio filo) con l’aiuto di caterina Taricano che legge brani dal libro. Franco Bellomo, che del film era il fotografo ufficiale, racconta aneddoti e piccoli segreti. Franco Vaccaro (il mitico Pietro Valgoi) torna a sedersi su quelle poltrone 40 anni dopo.

Poi sorprese con l’ingresso in sala dell’assassino armato e imbacuccato nell’immancabile impermeabile (ma anche cappello e scarpe) e premi per i presenti.

Rimane però il mistero della presenza di Daria Nicolodi al teatro carignano in quei giorni. Nè Bellomo nè Vaccaro ricordano di averla vista (Bellomo giura che arrivò giorni dopo per le riprese) eppure c’è una foto che dimostra il contrario.

Bando alle chiacchiere, godetevi le foto della serata sul sito o direttamente sulla pagina facebook di Cabiria così potete taggarvi se eravate presenti!

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: ,