Quantcast
ToHorror day 1 – il giorno di Maxì Dejoie

Nessuno potrà smentirmi se affermo che il ToHorror Film Festival è cominciato ieri sera col botto.
Un sacco di gente dentro e fuori il Blah Blah, addirittura sold out il primo film in concorso, il mockumentary di Maxì Dejoie.

Per The Gerber Syndrome è stata annunciata una replica domenica a festival concluso per accontentare i tanti spettatori che sono rimasti fuori dalla sala.
Vero che Dejoie giocava in casa (unico film torinese in concorso) ma il pubblico presente ha superato le aspettative.
(nota: per le considerazioni sul film aspetto ovviamente la fine del festival)

La cosa entusiasmante è che il pubblico ha affollato la sala anche per il successivo corto di Robert Morgan.
The man in the lower-left hand corner of the photograph è un gioiello di animazione in stop motion crudo, nero ma anche pieno di amore tra freaks.

Così come la sala era pieno per i primi cortometraggi in concorso.
E tra questi vi segnalo il folle e coloratissimo Bloody Mary Christmas di Claudio Centimeri e il piccolo omaggio onirico di Luca Baggiarini a Fellini, AmarMort.

Nel frattempo sotto i portici di via Po gli amici della magia stupivano con impressionanti esibizioni sul filo dell’ipnotismo.

L’apertura è stata quindi entusiasmante, ora non resta che augurarsi che si prosegua su questa linea.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: , , , , , ,